Dolore al braccio sinistro: tutte le possibili cause e quando preoccuparsi

Quando si avverte un dolore o un fastidio al braccio sinistro, nella maggior parte dei casi si va nel panico perché il primo pensiero che viene alla mente è quello dell’infarto.

Quando si avverte un dolore o un fastidio al braccio sinistro, nella maggior parte dei casi si va nel panico perché il primo pensiero che viene alla mente è quello dell’infarto. Effettivamente, tra i sintomi dell’attacco cardiaco possiamo annoverare anche questo, ma è importante non farsi prendere dall’ansia perché nella maggior parte dei casi il problema è di natura completamente diversa. Vediamo allora nel dettaglio quali sono le possibili cause di questo sintomo e quando ci si deve preoccupare per davvero.

La cervicobrachialgia: la causa più comune di dolore al braccio sinistro

Una delle cause più comuni di dolore al braccio sinistro è la cervicobrachialgia, una condizione che si riesce facilmente a riconoscere e che non deve allarmare. In questo caso, il fastidio non interessa solamente il braccio ma anche la spalla ed il collo. È bene precisare che la cervicobrachialgia è una condizione dolorosa che può avere origine da diverse problematiche, tra cui la discopatia cervicale, l’infiammazione della spalla, una tendinite del gomito, la sindrome del tunnel carpale e via dicendo. Quel che è certo, è che la problematica di fondo è di natura osteo-articolare o muscolare e non ha nulla a che fare con i disturbi cardiaci.

Il dolore al braccio sinistro che coinvolge anche spalla e collo rimane comunque un sintomo da non sottovalutare: non conviene prenderlo alla leggera, anche perché se non trattato in modo adeguato il problema rischia di peggiorare con il passare del tempo fino a diventare debilitante. Per risolverlo, è fondamentale indagarne a fondo le caratteristiche in modo da capire quale sia l’effettiva origine della cervicobrachialgia che come abbiamo appena visto può avere differenti cause.

Per un approfondimento in merito a questa condizione, può essere interessante visitare il portale L’Altra Riabilitazione e leggere i consigli di Marcello Chiapponi, fisioterapista molto valido che adotta un approccio decisamente efficace.

L’attacco cardiaco: quando il dolore al braccio sinistro diventa preoccupante

Ormai è risaputo che il dolore ed il formicolio al braccio sinistro possono essere sintomi dell’attacco cardiaco e per questo motivo in molti tendono ad allarmarsi quando avvertono tale problematica. È bene precisare sin da subito però che se questo sintomo si presenta da solo e non compaiono altri disturbi, si può stare tranquilli. Parlarne con il proprio medico è sempre importante, ma bisogna anche mantenere la calma perché l’infarto si presenta con altri sintomi. Se dunque è vero che il dolore al braccio sinistro potrebbe rappresentare un campanello d’allarme, è altrettanto vero che se è l’unico problema è alquanto difficile che dipenda da un attacco cardiaco.

I sintomi che devono destare preoccupazione sono piuttosto altri: primo tra tutti dolore al petto di tipo costrittivo ed oppressivo, descritto dagli stessi pazienti come un peso o una morsa. Questo può irradiarsi alla spalla e al braccio sinistro, è vero, ma origina dal petto. Altri campanelli d’allarme sono sudorazione fredda, vertigini, nausea, vomito e debolezza.

L’infarto insomma presenta una sintomatologia specifica, che può variare da paziente a paziente ma che di certo non si riduce esclusivamente al dolore al braccio sinistro.

Lascia un commento

Dieta dei mandarini dei 3 giorni: come perdere fino a 2 kg

Succo di tamarindo, una bevanda naturalmente depurativa

Leggi anche
  • 1216x832 20 08 30 56 55454639Vivere bene dopo i 60 anni: 10 cose da fare

    Dopo i 60 anni, è importante guardare al futuro con entusiasmo, mantenere uno stile di vita attivo e semplice, seguire un’alimentazione sana, fare controlli medici regolari e coltivare la curiosità e la passione.

  • 1216x832 14 08 30 59 686013470Sali minerali: funzioni, eccesso e carenza

    “Gli articolo esplora l’importanza dei sali minerali per la salute umana, evidenziando i rischi di carenze o eccessi e sottolineando l’importanza di un apporto adeguato attraverso una dieta equilibrata e, se necessario, l’integrazione.”