Succo di tamarindo, una bevanda naturalmente depurativa

Il succo di tamarindo possiede proprietà lassative e digestive ed è anche un ottimo antiossidante naturale

Il succo di tamarindo è una bevanda naturale ottenuta dalla pianta omonima, un vegetale di origine africana coltivato anche nel Sud Italia, ottima per idratarsi adeguatamente nei periodi più caldi dell’anno. La bevanda, però, apporta anche altri numerosi benefici all’organismo. Scopriamo quali sono.

Succo di tamarindo: le proprietà benefiche

Il tamarindo è il frutto di una pianta di origine tropicale chiamata “Tamarindus Indica”, originario dell’Africa ma presente anche nei Caraibi, in Asia meridionale e in Sud America. Dal frutto si ricava il succo di tamarindo, una bevanda naturale con un sapore dolce e un retrogusto amarognolo dovuto ad un antibatterico contenuto nella polpa.

Il succo di tamarindo è molto benefico per la nostra salute e questo lo si deve ai nutrienti contenuti in esso, come ad esempio zuccheri, acqua, fibre, grassi e proteine.

Ancora, il succo di tamarindo, chiamato anche dattero dell’India, contiene anche limonene, acido cinnamico, safrole e acido tartarico, tutte sostanze estremamente benefiche per l’organismo.

Benefici del succo di tamarindo

Il succo di tamarindo è conosciuto soprattutto per le sue proprietà lassative, utili in caso di disordini intestinali. La bevanda contiene anche la tamarindina, un principio attivo che aiuta a contrastare alcune infezioni fungine e che riesce a calmare la dissenteria.

Il succo di tamarindo è ottimo anche per chi ha una digestione difficile, dato che regolarizza le funzioni gastriche.

Inoltre, essendo ricco di fibre, tiene sotto controllo il colesterolo e aiuta a regolare la pressione arteriosa.

L’acido tartarico contenuto nella bevanda è un ottimo antiossidante che contrasta efficacemente l’azione dei radicali liberi. Il succo, inoltre, ha un notevole potere antidiabetico, dato che previene i disturbi biliari e regolarizza la presenza di zucchero nel sangue.

Succo di tamarindo: le controindicazioni

Il succo di tamarindo è ricco di benefici, ma presenta anche qualche controindicazione.

La bevanda può provocare alcuni effetti collaterali nei soggetti allergici, come vomito, vertigini ed eruzioni cutanee. Il succo, essendo molto acido, a lungo andare può intaccare lo smalto dei denti.

Il succo di tamarindo è sconsigliato se si stanno assumendo aspirina, antinfiammatori o FANS perché potrebbe interferire con l’azione di questi farmaci. Inoltre, non è adatto a chi soffre di diabete, perché può interferire con i farmaci che servono a ridurre la glicemia nel sangue.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dolore al braccio sinistro: tutte le possibili cause e quando preoccuparsi

Arance: un frutto ideale per abbassare l’indice glicemico

Leggi anche
Contents.media