Ernia del disco: cause, sintomi, trattamenti e cure

Che cos'è l'ernia del disco e quali sono i sintomi per riconoscerla?

Tra i sintomi dell’ernia del disco c’è quasi sempre molto dolore, come vedremo con la lettura di questo articolo. Ma vediamo prima di tutto cos’è. L’ernia del disco è un fenomeno piuttosto frequente e consiste nella rottura di un disco vertebrale che, aprendosi, comporta la fuoriuscita di una sostanza gelatinosa.

Questa, abbandonando la sua sede naturale, va a comprimere tutta la parte circostante della colonna vertebrale dove sono presenti i nervi. Tale sostanza si trova all’interno dei cuscinetti che sono posti tra una vertebra e l’altra. I cuscinetti sono formati da due parti: la parte interna è più viscosa, quella esterna è più dura, rigida e contiene la sostanza gelatinosa.

I dischi intervertebrali sono fondamentali, poiché permettono qualsiasi movimento della colonna vertebrale, conferendole dinamicità e flessibilità.

Se a causa di un movimento sbagliato, di uno sforzo o qualsiasi altra cosa che possa comportare un loro danneggiamento e, di conseguenza, la rottura, la sostanza gelatinosa descritta precedentemente, fuoriesce, questo porta alla compressione dei nervi, causando un dolore acuto e insopportabile, sia da fermi che in movimento

Ernia del disco: cause e sintomi

La maggior parte dei casi può derivare dall’invecchiamento. Più si va avanti con l’età e più i dischi della colonna vertebrale si usureranno, portando alla perdita della sostanza gelatinosa al suo interno.

Questo sarà sinonimo di maggiore difficoltà dei movimenti. Non solo, ma può derivare da attività sportive, magari un sollevamento pesi e, a causa dello sforzo effettuato, potrebbe portare a riscontrare il problema. Anche scatti o il trasporto degli oggetti pesanti sono importanti fattori di rischio.

I sintomi possono essere di vario genere:

  • formicolio di un arto, con tanto di fastidio e accompagnati da una sensazione di indebolimento;
  • un dolore eccessivo, spesso correlato al punto d’origine dell’ernia del disco.

    Può essere un braccio, una gamba, ecc.;

  • un‘infiammazione dei nervi, causata dalla sostanza gelatinosa che li comprime. Con esso, può essere additato anche dei disturbi alla vescica.

Trattamenti e cure

Esistono diverse modalità per cercare di porre fine al dolore intenso provocato dall’ernia del disco. Ovviamente si parla della colonna vertebrale, quindi è pur sempre una zona estremamente delicata del corpo e bisogna agire con estrema prudenza. Comunque, nei casi più leggeri, si può procedere con diversi farmaci, volti a sopprimere il dolore e cercare di stabilizzare il problema. Nel caso in cui tale procedura non portasse a risultati sperati, allora sarà necessario un intervento chirurgico.

I trattamenti possono includere:

  • antidolorifici: spesso vengono utilizzati per combattere il dolore causato dall’ernia del disco. Ovviamente, essendo narcotici e quindi con lo scopo di alleviare il fastidio, non sono esenti da effetti collaterali e, di conseguenza, non ne viene mai data una dose eccessiva e prolungata;
  • mio-rilassanti: sono farmaci che alleviano il dolore causato dalla compressione dei nervi;
  • corticosteroidi: sono farmaci che sfruttano la peculiarità di essere a base di cortisone. Quindi, come gli antidolorifici, non ne viene mai prescritta una dose eccessiva, proprio per i possibili effetti collaterali.

Capita che non bastano farmaci per appiattire la fase acuta dovuta al dolore ed è necessario ricorrere ad altre modalità per eludere il problema. Ecco alcuni metodi:

  • fisioterapia: sono esercizi indirizzati e volti a far scomparire il dolore. Ovviamente, all’inizio, non sarà per niente piacevole, ma con il tempo e con costanza, potrebbe portare a risultati sperati. Gli esercizi che avvengono con la fisioterapia vengono effettuati all’origine dell’ernia, proprio per combattere il nemico alla radice;
  • ultrasuoni: una pratica innovativa che, grazie al calore emanato dalle onde, provano a minimizzare il dolore dell’ernia del disco. Anche qui, sono necessarie più sedute ripetute con costanza;
  • elettrostimolazione: una pratica che, attraverso impulsi elettrici, tende a ridurre il problema causato dall’ernia. Gli elettrodi genereranno un campo elettrico che andrà a colpire la zona interessata;
  • intervento chirurgico: se tutte queste pratiche non bastano ad eliminare il problema, diventa necessario.

Scrivi un commento

1000

Grano saraceno: proprietà e valori nutrizionali

Piegamenti delle braccia: tutti gli esercizi consigliati

Leggi anche
  • lipasiLipasi: come funziona e quali sono i suoi valori

    La lipasi è fondamentale per la digestione dei grassi all’interno del corpo umano e il procedimento con il quale opera è complesso.

  • Colpo di calore: sai come riconoscerlo e come prevenirlo?Colpo di calore: come riconoscerlo e prevenirlo

    Le alte temperature estive portano numerosi rischi per la salute. Il rischio di un colpo di calore è molto grande, per questo è bene prevenirlo.

  • Integratori di sali minerali naturali: consigliIntegratori di sali minerali naturali: una ricarica di energia

    Integratori di sali minerali naturali: come reintegrare tutti i sali che perdiamo? Qualche consiglio.

  • Nervo vago cervicale: funzioni e disturbiNervo vago cervicale: il nervo “vagabondo”

    Il nervo vago cervicale: tutti i disturbi legati all’infiammazione del nervo.

  • 
    Loading...
  • cefalea da freddo: cosa significa e quali sono le causeCefalea da freddo: da cosa è provocata?

    Ti sarà capitato di incorrere nell’emicrania da gelato: cosa significa esattamente e perché ne soffriamo?

Entire Digital Publishing - Learn to read again.