Giornata mondiale per l’Asperger 2020: chi è il pediatra che l’ha scoperta

"Un pizzico di autismo è necessario per il successo nelle arti e nelle scienze": Il 18 febbraio ricorre la giornata mondiale dell'Asperger.

La prima a parlare di “sindrome di Asperger” fu una ricercatrice inglese, Lorna Wing, nel lontano 1990. Le sue scoperte attirarono l’attenzione della comunità scientifica su una patologia di cui, fino ad allora, nessuno si era preoccupato di dare una definizione.

Nessuno, eccetto Hans Asperger. Il 18 febbraio in occasione del compleanno del pediatra si celebra la giornata mondiale dell’Asperger a cui ha dato il nome.

Giornata mondiale dell’Asperger 2020

Hans nasce nel 1906 in una fattoria appena fuori Vienna. È un bambino introverso: sta quasi sempre da solo e fa fatica a fare nuove amicizie. Ha un fratello più piccolo, che tendenzialmente ignora. Sviluppa un amore precoce per la letteratura, e che letteratura! Gli piace Franz Grillparzer, un autore e drammaturgo tedesco.

Decide di diventare medico: studia a Vienna e fa pratica presso l’ospedale dell’università. Nel 1931, a soli 25 anni, ottiene il dottorato in pediatria, e diventa direttore del reparto di pedagogia infantile. Quattro anni dopo si sposa, e diventa padre di cinque figli.

Prende a cuore un gruppo di bambini che vede in ospedale: sono i pazienti che più avanti descriverà come affetti da psicopatia autistica, uno spettro di malattie che oggi chiamiamo comunemente autismo.

Tutto ha inizio quando Asperger nota che quattro di questi bambini presentano gli stessi sintomi, tutti riguardanti alterazioni della personalità che non venivano riconosciute nella medicina tradizionale. Indagando sui sintomi arriva a formulare una vera e propria diagnosi, che alla fine rintraccia in circa cento bambini.

Le alterazioni da cui i piccoli pazienti erano affetti si manifestavano soprattutto nell’interazione con gli altri. Asperger le osserva, le analizza e le descrive.

Il risultato è molto vicino a quello che la medicina contemporanea riconosce come spettro autistico.

  • Problemi nella comunicazione verbale e non verbale: i bambini autistici hanno difficoltà più o meno gravi a tenere una conversazione. Quando parlano, hanno un tono inusuale, un volume della voce non controllato, vanno troppo piano o troppo veloce. Spesso hanno un linguaggio pedante.
  • Problemi nel controllare e comunicare le proprie emozioni: i bambini autistici sono troppo estroversi o al contrario chiusi in se stessi. A volte sembrano non trasmettere le proprie emozioni, o rimanere insensibili di fronte ad alcuni eventi. Altre volte sono sovreccitati e non riescono a trattenersi.
  • Problemi di empatia: i bambini con la sindrome di Asperger vengono spesso segnalati al medico perché hanno dei disturbi del comportamento. Sembrano immaturi, incapaci di empatia con gli altri, e non sempre riescono a razionalizzare i loro sentimenti. Apparentemente, non comprendono certe situazioni, certe convenzioni sociali: a volte sono infastiditi senza motivo, altre non partecipano.
  • Problemi motori: Asperger osserva che molti dei pazienti hanno un’andatura goffa, fanno fatica a coordinarsi nei movimenti. Ma all’estremo opposto sono anche ipersensibili a suoni, sapori, contatto fisico.

Alcuni dei piccoli mostrano i primi sintomi già a 2-3 anni. Anche se per altri la malattia diventava evidente solo con la crescita. Asperger nota persino quella che oggi conosciamo come “familiarità” della malattia: alcuni genitori, in particolare i padri, sembravano avere alcune alterazioni della personalità in comune coi propri figli. La conclusione cui il medico arriva è che l’autismo sia dovuto a cause genetiche o neurologiche, e non tanto ambientali o psicologiche.

I talenti dell’autismo

Il contributo più importante di Asperger, tuttavia, è stato riconoscere che i bambini autistici non sono senza talento. Anzi, sono molto più abili e capaci degli altri bambini; ma in ambiti molto specifici. Alcuni nutrono un interesse precoce per la matematica. Altri sono bravissimi a disegnare. Altri ancora hanno una memoria di ferro per le storie, sia che le ricevano da un film sia che le trovino in un libro. Talenti particolari, coi quali potranno ottenere un lavoro da grandi e inserirsi nel contesto sociale.

Asperger viene trasferito in Croazia negli ultimi anni della seconda guerra mondiale. Nel 1944 pubblica il suo saggio sull’autismo. Nominato presidente della pediatria presso l’università di Vienna, svolge con passione il suo incarico per vent’anni.

Quando muore nel 1980, le sue teorie sono ancora poco conosciute. Tradotte in seguito dal tedesco, si diffondono in tutto il mondo. E oggi costituiscono il fondamento della diagnosi e del trattamento di tutto lo spettro autistico.

Scrivi un commento

1000

Chirurgia estetica al viso: i trattamenti migliori

Malattie pericolose in gravidanza: quali sono e come prevenirle

Leggi anche
  • cosa sapere sulla frequenza cardiacaFrequenza cardiaca a riposo: valori standard e problematiche

    La frequenza cardiaca è una funzionalità di vitale importanza che, se alterata, potrebbe causare dei rischi mortali per l’uomo.

  • meditazioneMeditazione: come praticarla correttamente

    La meditazione, se praticata con costanza, contribuisce in maniera significativa al nostro benessere psicofisico

  • sette chakraI sette chakra: cosa sono e a cosa servono

    I sette chakra, posizionati lungo la colonna vertebrale, sono responsabili della nostra energia vitale e influiscono sul nostro benessere

  • posizione del relax: le miglioriPerché è importante il relax e come goderselo

    Vuoi rilassarti ma non sai come fare? Esistono numerose posizioni che ti aiuteranno a raggiungere un relax totale di muscoli e mente.

  • 
    Loading...
  • Gambe stanche e pesanti? 6 segreti per sentirsi leggereGambe stanche e pesanti? 6 regole per ritrovare la leggerezza

    Le gambe stanche e pesanti sono un problema per molte donne. Vogliamo suggerirvi alcuni segreti per ritrovare leggerezza agli arti inferiori.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.