Grano saraceno: il cereale senza glutine

Il grano saraceno può essere consumato anche da chi è intollerante al glutine, cioè chi soffre di celiachia. Quali sono i benefici?

Il grano saraceno non è un vero e proprio cereale. Non contiene, infatti, glutine e, per questo motivo, risulta essere adatto all’alimentazione anche delle persone che soffrono di celiachia.

Grano saraceno

Dal punto di vista botanico, il grano saraceno non è un cereale, in quanto non fa parte della famiglia delle Graminacee, ma delle Poligonacee, proprio allo stesso modo della quinoa.

I suoi usi in cucina sono molteplici e, In Italia, viene usato principalmente nelle zone del nord, tipo il Trentino e la Valtellina. La zona d’origine, però, è l’Asia.

Il grano saraceno è ricco di sali minerali benefici per la nostra salute. Al suo interno vi ritroviamo lo zinco, il selenio e il ferro, ma anche molte proteine ben bioassorbibili. Tra queste si devono considerare la lisina, il triptofano e la treonina.

Al suo interno troviamo tracce anche di antiossidanti come il tannino e la rutina. E’ proprio la rutina che è utile a chi soffre di pressione alta o di insufficienza venosa, perché aiuta la microcircolazione. Un etto di grano saraceno apporta 12 grammi di proteine, 3 di grassi, 13 di acqua e 62 circa di carboidrati. Non contiene colesterolo e fornisce per un etto 314 calorie.

Essendo altamente rimineralizzante e rinvigorente, è consigliato anche in allattamento e nel corso della crescita dei bambini.

Il consumo di grano saraceno è utile anche in casi di stanchezza e affaticamento, per apportare così benefici sali minerali e aminoacidi vari.

Celiachia

Il grano saraceno, come abbiamo visto, è possibile consumarlo anche in caso di celiachia, ovvero di intolleranza al glutine. Il glutine è la parte proteica che si trova nei farinacei che, in questo caso, non è presente. I sintomi della celiachia sono molti e non vanno sottovalutati, proprio perché si può andare incontro a problematiche particolari, che provocano addirittura la scomparsa dei villi intestinali, con tutte le patologie ad essa connesse.

Il grano saraceno è molto usato in cucina. Lo possiamo trovare anche al supermercato, oppure in farmacia, parafarmacia e erboristeria. Lo ritroviamo anche su internet, ad esempio su siti come Amazon. Vediamo qualche esempio di prodotti in vendita.

1) Probios Grano Saraceno Decorticato.

Si tratta di un prodotto biologico e, quindi, assente da pesticidi e conservanti vari. Cinque kg di prodotto lo paghiamo su tale sito circa 20 euro. E’ un articolo molto vantaggioso, che possiamo utilizzare per le nostre ricette dolci e salate, essendo molto versatile.

2) Probios Farina di grano saraceno

Della stessa marca, troviamo anche la farina di grano saraceno, in comodi pezzi da 375 l’uno. Vengono messi in vendita a pacchi di tre kg, ad un prezzo totale di poco più di 6 euro. Comprandone tre quantità si riesce anche a risparmiare circa il 10%. E’ un prodotto puro al 100% e, ovviamente, senza glutine, adatto così anche all’alimentazione dei celiaci, che potranno beneficiare delle proprietà di questo pseudocereale.

3) Vivibio Zuppa al grano saraceno

Un prodotto biologico dal sapore intenso e gustoso, l’ideale da usare anche come piatto unico. Una busta da 400gr su Amazon la paghiamo 3 euro circa grazie al 7% di sconto, ed è possibile ottenere uno sconto del 5% scegliendo di ricevere periodicamente questo gustoso prodotto oppure il 10% scegliendo di ricevere 3 prodotti periodicamente.

4) Buckwheat Honey Miele di grano saraceno

Miele di ottima qualità, biologico, naturale e non pastorizzato proveniente da piccole da piccole famiglie alveolari situate in zone pulite e non contaminate nelle regioni della Polonia lontane dalle zone industriali. Il miele è fresco, senza conservanti e senza agenti chimici, ideale per chi vuole assaggiare vari tipi di miele naturale e pieno di essenza. Su Amazon il prezzo è di circa 15 euro per un chilo di miele.

Scritto da Erika Vettori
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Connessioni tra autismo e ADHD

ADHD: come fare una diagnosi corretta

Leggi anche
  • Fibromialgia: cos'è e come si curaFibromialgia: di cosa si tratta e come si cura

    La fibromialgia è una condizione dolorosa molto diffusa che colpisce circa 1.5 – 2 milioni di Italiani, vediamo di cosa si tratta e come si cura.

  • Dolori articolari: come curarliCome curare i dolori articolari

    Le cause che stanno all’origine dei dolori articolari possono essere diverse, quindi la cura da seguire può essere diversa in relazione al singolo caso.

  • Resveratrolo: a cosa serve e cos'èResveratrolo: cos’è e a cosa serve

    Il resveratrolo dà importante supporto all’organismo, per questo occorre seguire una dieta con alimenti che lo contengano o assumere integratori specifici.

  • Difetti visivi: intervento laser PRKDifetti visivi: tutto quello che c’è da sapere sull’intervento laser PRK

    Uno dei trattamenti più utilizzati per correggere i difetti visivi è l’intervento laser PRK, vediamo cos’è e come si svolge l’operazione.

Contents.media