Mindfulness contro la depressione: quanto è importante

La depressione è una brutta bestia, ma contro di essa abbiamo un'alleata: la mindfulness. Prendere consapevolezza di noi stessi è il primo passo.

Quanto è importante una attività come quella della mindfulness contro la depressione? Scopriamo i benefici che ha sui sintomi della patologia.

Mindfulness contro la depressione

La depressione è un disturbo dell’umore che può avere diverse ricadute sulla salute fisica e mentale dei soggetti che ne soffrono.

I suoi sintomi infatti si riflettono non soltanto sugli stati d’animo – angoscia, ansia, inattività, apatia – ma anche sulle facoltà fisiche – bassa energia, dolori, mancanza di appetito.

Una delle caratteristiche principali di chi è affetto da depressione è la sua incessante ruminazione: preoccupazioni, pensieri negativi, sensi di colpa e fallimento, paure. Questo è ciò che affligge la mente dei pazienti, i quali spesso tendono ad identificarsi con i loro stessi problemi, rendendo impossibile per loro la risposta alle più comuni situazioni della vita.

Altra tipicità è quella di ingigantire il loro stato d’animo: la tristezza provata in quel singolo momento, ad esempio, rischia di infiltrarsi anche nelle attività quotidiane.

Un valido aiuto

Contro questi complessi sintomi della depressione – oltre i più comuni trattamenti – la mindfulness può rappresentare un validissimo aiuto. Attraverso questa attività il paziente prende maggior consapevolezza di sé e del proprio corpo, tentando in questo modo di arginare il sentimento negativo, di isolarlo, e provare a reagire agli eventi.

La mindfulness risulta essere un aiuto contro la depressione perché attraverso essa si impara a comprendere che non è focalizzandosi su quello specifico problema, ruminando e concentrandosi insistentemente su di esso, che quello viene risolto.

Questa pessima abitudine, infatti, non solo gonfia il problema o pensiero negativo, ma non porta in alcun modo alla soluzione. La mindfulness è dunque uno strumento utile per allontanare la mente da quel pensiero, sottrarla al vortice della ruminazione, renderla consapevole delle proprie emozioni e risorse per superare il problema.

Lasciar andare le preoccupazioni e imparare a non giudicare noi stessi, bensì ad allargare il nostro sguardo attraverso una esplorazione del nostro io: queste sono le funzioni più benefiche della mindfulness.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Kettlebell: l’attrezzo utilizzato nell’allenamento russo

Stanchezza cronica post covid: da cosa è dovuta e come affrontarla

Leggi anche
  • Sindrome di Wendy: cos'è, sintomi e come uscirneSindrome di Wendy: cos’è, sintomi e come uscirne

    Cosa è la Sindrome di Wendy? Ecco in questo articolo spieghiamo di cosa si tratta, quali sono i sintomi da riconoscere e come fare per superarla.

  • Sindrome di Parigi: cos'è, come riconoscerla e chi colpisceSindrome di Parigi: cos’è, come riconoscerla e chi colpisce

    Cos’è la sindrome di Parigi? Ecco di cosa si tratta, chi viene colpito maggiormente da questo disturbo e come fare per riconoscerla.

  • Sindrome di Diogene: cos'è, sintomi e come superarlaSindrome di Diogene: cos’è, sintomi e come superarla

    Sindrome di Diogene, di cosa si tratta e come superarla? Ecco come fare.

  • Sindrome di Stendhal: cos'è, come riconoscerla e come superarlaSindrome di Stendhal: cos’è, come riconoscerla e come superarla

    Sindrome di Stendhal: di cosa si tratta, come riconoscerla e curarla, vediamo insieme

Contentsads.com