Olio di dattero: quali sono le proprietà benefiche?

Applicare l'olio di dattero sui capelli quando si è al mare aiuta a proteggerli dal sole e dalla salsedine, evitando così che si danneggino

L’olio di dattero è ancora poco conosciuto e utilizzato rispetto agli altri oli ad uso cosmetico. Eppure è un prodotto apprezzato fin dai tempi dell’antico Egitto, quando veniva barattato con l’oro.

Olio di dattero: come si ottiene?

L’olio di dattero veniva utilizzato nei tempi antichi dai Faraoni per riparare i danni cutanei causati dal sole cocente e dal vento del deserto, per ridurre le cicatrici e per proteggere e rinforzare i capelli.

Oggi, purtroppo, l’olio di dattero originale è a rischio estinzione. Per ottenere questo prodotto, infatti, si segue un processo di estrazione lungo e complesso, oggi conservato dalle donne del Burkina Faso, che realizzano l’autentico olio del deserto.

Il processo, che dura 12 ore, comincia con la raccolta delle bacche del dattero, di cui vengono frantumati i gusci per ottenere i semi. Questi ultimi, a loro volta, vengono ridotti in polvere sottile, cotta al vapore e successivamente pressata per estrarre l’olio.

Proprietà benefiche

L’olio di dattero è ricco di saponine, sostanze con qualità antinfiammatorie e fungicide. Inoltre, ha proprietà idratanti, elasticizzanti e toniche sulla pelle, perché contiene Omega 6 e Omega 9. È ricco di flavonoidi, sostanze antiossidanti che aiutano a prevenire l’invecchiamento cellulare.

Ha effetti benefici sulla pelle perché aiuta a riparare danni causati dall’aggressione degli agenti esterni ed è ottimo sulle cicatrici. In più, l’olio di dattero favorisce la sintesi dei lipidi e il rinnovamento dello strato corneo.

L’oro del deserto è ottimo anche per idratare i capelli e proteggerli dalle aggressioni degli agenti esterni. Inoltre l’olio, se utilizzato per fare dei massaggi, è ottimo per alleviare i dolori articolari.

Utilizzi

L’olio di dattero può essere utilizzato per idratare e rendere elastica la pelle: basta applicarlo come un normale olio dopo la doccia, sulla pelle ben detersa e ancora umida.

Inoltre, l’oro del deserto possiede proprietà purificanti che lo rendono adatto anche alle zone in cui sono presenti impurità e brufoli, come la schiena.

L’olio di dattero, quindi, è indicato sia su cute secca e sensibile sia su pelle grassa e a tendenza acneica.

Inoltre, con questo olio, si può preparare una maschera all’argilla per purificare la pelle a tendenza acneica, senza renderla troppo secca.

L’olio può essere utilizzato anche in spiaggia, per proteggere i capelli dall’aggressione di sole, vento e salsedine. Basta applicarne un piccolo quantitativo e distribuirlo bene, specialmente sulle punte.

Con l’olio di dattero si può realizzare anche un impacco idratante e ricostituente per i capelli, soprattutto se sono secchi, sfibrati e/o colorati.

A proposito di tinta per capelli, si può aggiungere qualche goccia di questo prezioso olio al preparato per colorare la chioma: così facendo, i capelli non subiranno troppo l’azione aggressiva di alcune sostanze contenute in questi prodotti.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Perchè fare una colazione abbondante la mattina fa stare bene?

Equiseto, un concentrato di sali minerali

Leggi anche
Contents.media