Notizie.it logo

Orgasmo femminile: scoperta e funzionamento

orgasmo

L'orgasmo, soprattutto quello femminile, è stato un tabù per lungo tempo. Scopriamo insieme la storia della scoperta e le principali teorie.

Tutti, almeno una volta nella vita, ci siamo chiesti come funzioni l’orgasmo. Ecco quindi una breve storia della scoperta di questo tabù e i dettagli circa il funzionamento di quello femminile.

Scoperta dell’orgasmo

Quando il ginecologo William H. Masters ricevette approvazione ufficiale per il suo progetto di ricerca dall’Università di Washington nel 1954, fu uno dei segreti custoditi più gelosamente dell’accademia.

Masters reclutò perfino un gruppo di leader influenti della comunità per respingere qualsiasi reazione pubblica negativa che le sue ricerche erudite dovessero far trapelare.

L’analisi di Masters e Johnson

Nel corso dei successivi 12 anni, Masters e la sua assistente di ricerca Virginia Johnson analizzarono i modelli di eccitamento sessuale in 694 uomini e donne. Ma invece di fare affidamento in massima parte su esperienze di autovalutazione, Masters e Johnson erano interessati alla psicologia del sesso esatta, in tempo reale, che significava che avevano bisogno di essere testimoni di persone alle prese con l’estasi.

Il duo filmò persone intente ad avere rapporti sessuali, così come partecipanti individuali durante la masturbazione, e simultaneamente controllò la ricerca sul flusso sanguigno dei soggetti e sull’attività elettrica nel cervello.

Per chiarire cosa succede all’interno della confondente vagina, Masters e Johnson costruirono perfino un dispositivo fallico equipaggiato con una minuscola telecamera.

Human Sexual Response

Compilando una ricerca valsa più di dieci anni, Masters e Johnson descrissero a grandi linee come uomini e donne raggiungano orgasmi sessuali nel loro best-seller del 1966 “Human Sexual Response”. La ricerca lastricò la strada per la sessuologia come disciplina accettata e credibile ed è ancora una pietra angolare nella nostra conoscenza collettiva circa la funzionalità sessuale umana.

Più di 50 anni dopo la pubblicazione divulgativa, c’è ancora molto che non è conosciuto sul sesso, e specificamente sull’orgasmo. Nel 2001, per esempio, un paio di ricercatori dalla McGill University in Canada identificarono 26 differenti descrizioni cliniche per quel desiderato apice.

Sebbene il nocciolo di cosa sia un orgasmo – una sensazione culminante, piacevole – sia noto, il sesso comprende solo una scheggia della scienza dietro la Grande O.

Anatomia di un orgasmo

Nel loro libro del 1966 “Human Sexual Response”, Masters e Johnson divisero il ciclo di risposta sessuale all’interno di quattro fasi: eccitamento, stabilizzazione, orgasmo e risoluzione. Ridurre una delle esperienze fisiologiche più soggettive degli esseri umani a un distinto diagramma di flusso attirò critiche nei decenni successivi, ma le fasi offrono ancora una cornice istruttiva per descrivere come l’orgasmo generalmente si verifichi all’interno del corpo.

Sebbene le differenze nell’orgasmo maschile e femminile abbondino, entrambi condividono tratti caratteristici respiratori, circolatori e muscolari simili.

L’orgasmo nel cervello

L’eccitamento sessuale nel cervello stimola un incrementato flusso sanguigno verso i genitali, gonfiando il pene negli uomini e allargando e lubrificando il clitoride e le labbra nelle donne.

Le pulsazioni accelerano, e gli elevati battiti cardiaci sono sentiti in più intense inalazioni.

Questo esercizio fisico di tutto il corpo raggiunge poi l’apice con una serie di contrazioni dei muscoli pelvici, cervicali e anali con incrementi di 0,8 secondi che corrispondono a sensazioni di orgasmo ed eiaculazione. Profondo rilassamento e risoluzione seguono nel momento in cui i muscoli si rilassano e i battiti cardiaci rallentano verso un andamento di riposo.

Orgasmo e risonanza magnetica

Si può facilmente visualizzare la descrizione fisica di un orgasmo come una “risposta neuromuscolare esplosiva codificata a livello cerebrale” osservando il cervello reagire agli orgasmi attraverso una risonanza magnetica funzionale.

In un esperimento che coinvolgeva pazienti che si auto-stimolavano verso l’apice, l’esperienza diede energia a più di 30 distinti luoghi nel cervello.

Per esempio, il nucleus accumbens e l’area tegmentale ventrale lavorano in tandem per aprire le porte alla dopamina che incoraggia il piacere, mentre la ghiandola pituitaria pompa fuori ossitocina, un ormone che media il legame.

Quando uomini e donne si avvicinano al gran finale, la loro attività cerebrale orgasmica appare straordinariamente simile sulle PET scan, evita di riferire un paio di differenze.

Nei cervelli femminili, gli orgasmi spengono la corteccia orbitofrontale laterale, un meccanismo situato dietro l’occhio sinistro che promuove l’autovalutazione.

Nei cervelli maschili, l’attività nell’amigdala rallenta durante il coito, raffreddando gli istinti aggressivi. Ma quando i sessuologi si allontanano dai meccanismi e comparano frequenza, sensazione soggettiva e componenti ambientali che contribuiscono agli orgasmi, incontrano rapidamente divari biologici.

Confronto

Parlando al The Daily Beast nel 2009, la sociologa della Stanford University Paula England ha dichiarato la proporzione irregolare degli orgasmi maschili rispetto a quelli femminili seria quanto il divario di 6$ all’ora nel guadagno a seconda del genere negli Stati Uniti.

Di fatto in qualsiasi modo la ricerca lo ponga, gli uomini sconfiggono le donne in termini di quanto spesso sperimentano la Grande O.

Durante rapporti occasionali in particolare, le partecipanti femminili hanno estremamente poche probabilità di avere un orgasmo. Perfino in relazioni stabili, uomini eterosessuali sovrastimavano la frequenza dell’orgasmo delle partner femminili.

Il divario si chiude quando ci si concentra su diverse categorie di sesso. Per i principianti, quando si discute dei rapporti con partner sessuali scrupolosi, la regolarità dell’orgasmo femminile aumenta improvvisamente al 79 percento. Integrare la stimolazione del clitoride, in opposizione all’esclusiva penetrazione vaginale, a sua volta aumenta le possibilità di raggiungere l’orgasmo pressapoco del 90 percento.

Ciò potrebbe spiegare perché i sondaggi precedenti di Alfred Kinsey riscontrarono che quasi il 68 percento delle partener lesbiche riportavano il raggiungimento dell’orgasmo tra il 90 e il 100 percento delle volte, contro il 40 percento delle donne eterosessuali sposate. In aggiunta, multiple ricerche hanno dimostrato che le donne tendono a valutare orgasmi clitoridei più soddisfacenti in tutto il corpo, in comparazione con orgasmi stimolati a livello vaginale.

Latenza orgasmica

In media, la latenza orgasmica maschile attraverso l’intercorso vaginale, o il tempo che occorre dall’inizio alla fine, è più veloce rispetto alle donne in base una differenza tra gli 8 e i 15 minuti, in media. Detto ciò, le donne potrebbero essere giustamente premiate per la loro pazienza con orgasmi che durano dai 13 ai 51 secondi, mentre gli uomini raggiungono il limite a 10 o 30 secondi.

A differenza del periodo refrattario maschile che segue l’eiaculazione che previene il corpo dal ricercare un altro orgasmo, le contrazioni muscolari del pavimento pelvico delle donne possono continuare a recapitare orgasmi multipli. Nel 1953, Kinsey stimò che il 14 percento della popolazione femminile americana potesse raccogliere orgasmi multipli, mentre uno studio del 1991 pubblicato su Archives of Sexual Behavior riscontrò che il 42 percento dei suoi campioni femminili auto riportava eventi di orgasmi multipli.

Allo stesso tempo, quei bonus solo femminili complicano una delle più scottanti – e controverse – questioni nella comunità della biologia evolutiva: perché le donne hanno orgasmi per cominciare?

Teoria dell’adattamento

Secondo i biologi dell’evoluzione, la funzionalità orgasmica maschile ha perfettamente senso. In termini decisamente non romantici, ciò assicura la sopravvivenza della specie umana offrendo una motivazione psicologica per trovare e inseminare le partner sessuali. La velocità e la consistenza con cui gli uomini eterosessuali raggiungono l’orgasmo attraverso l’intercorso vaginale supportano anch’esse la sua classificazione come adattamento benefico.

Non così per l’orgasmo femminile. In parte a causa del divario di genere precedentemente discusso sulla frequenza dell’orgasmo e delle disparità tra orgasmi stimolati a livello del clitoride e della vagina nelle donne, i biologi dell’evoluzione devono ancora spiegare in maniera conclusiva perché le donne sperimentino anche la grande O. Ma ciò non significa che manchino di teorie, che complessivamente ricadono all’interno di un braccio di ferro tra due campi: adattamento e sottoprodotto.

I sostenitori dell’adattamento fanno ruotare l’orgasmo femminile intorno a un tratto favorevole all’evoluzione come l’orgasmo maschile. Secondo loro, la selezione naturale fece il tifo per risposte fisiologiche piacevoli perché ciò migliorava l’idoneità riproduttiva femminile. Gli orgasmi non solo soddisfano sessualmente le femmine, legandole a un partner, ma fornisce anche una categoria per valutare compagni appropriati rivelando chi potrebbe eccitarle fino all’estasi.

Teoria dell’aspirazione dello sperma

Un altro contributo alla scuola di pensiero sull’adattamento è la “sperm up-suck theory” (“teoria dell’aspirazione dello sperma“), che afferma che le contrazioni uterine insieme al rilascio di ossitocina durante l’orgasmo aspirino sperma robusto verso l’alto all’interno del canale vaginale.

Secondo lo zoologo Robin Baker, che rese popolare la teoria a lungo sostenuta con il suo libro del 1996 “Sperm Wars”, gli orgasmi danno una mano alle donne riconoscendo in maniera innata – o almeno mediante aspirazione – gli uomini più virili. Se la teoria dell’aspirazione, che fu originariamente testata su femmine di maiale, fosse autentica, fornirebbe agli orgasmi femminili un vantaggio riproduttivo incrementando la fertilità di una donna.

Ma la tesi di Baker non fu priva di contestazioni, e una nuova analisi del giugno 2011 della connessa letteratura scientifica ha creato dei buchi nella strategia dell’aspirazione per un certo numero di ragioni. Per esempio, la ricerca di Baker includeva solo un soggetto singolo, e studi aggiuntivi non hanno riscontrato alcuna prova conclusiva della conservazione di sperma indotta dall’orgasmo in donne stimolate sessualmente. Per cui, il grande dibattito sull’orgasmo femminile continua.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche