Notizie.it logo

La politerapia fa al caso mio oppure no?

politerapia

Per curare la depressione si può optare per la politerapia, ovvero una combinazione di più terapie. Vediamo come funziona.

Molti esperti credono che la politerapia (una combinazione di più terapie) e una cura a base di antidepressivi sia il trattamento migliore per la depressione. Questo tipo di terapia funziona su molte persone. Infatti, più della metà di quelli che l’hanno provata hanno affermato di essersi sentiti meglio in 4-6 settimane. Scopri di cosa si tratta e se potrebbe aiutarti.

La politerapia

La politerapia è un trattamento in cui si associa l’interazione di più terapie, per esempio farmaci diversi. Il principio su cui si basa è la sinergia tra gli agenti terapeutici. Generalmente si parla di politerapia quando il numero di farmaci assunti è uguale o superiore a 5.

Negli ultimi anni, l’uso di questa terapia è andato aumentando. Oggi viene utilizzata su larga scala per curare i disturbi depressivi senza ricorrere ai dosaggi tradizionali di antidepressivi.

Esistono vari modi per sottoporre un paziente a politerapia.

Nel 61% dei casi, si aggiunge un farmaco nuovo, mai somministrato prima. In altri casi (circa il 58%) invece si interrompono farmaci presi precedentemente e si modificano. Infine, nel 51% dei casi si tratta semplicemente di un cambiamento nel dosaggio.

Politerapia e anziani

Questa terapia multifarmaco viene utilizzata soprattutto in caso di pazienti anziani. Questa scelta appare piuttosto logica se si pensa che mediamente gli anziani assumono già molti farmaci, per diverse patologie che emergono nel corso degli anni.

Secondo uno studio del Geriatric Working Group dell’AIFA, l’11% degli anziani (ovvero circa 1.3 milioni di persone) assume più di 10 farmaci al giorno. Un numero impressionante. Dunque, si può capire facilmente perché per questi soggetti sia particolarmente adatto il trattamento tramite politerapia.

Secondo gli studi, la terapia multifarmaco è utilizzata in particolare per i soggetti compresi tra i 75 e gli 85 anni di età. Al di sopra di quella soglia, la percentuale di anziani sottoposti alla terapia scende.

Vantaggi

Il principale vantaggio di questa terapia è la possibilità di poter diminuire il dosaggio dei singoli farmaci presi dal paziente. Invece di prendere una grande dose di un farmaco A, al paziente sarà chiesto di assumere una piccola dose del farmaco A combinato con una piccola dose del farmaco B. Questo a sua volta comporta la diminuzione degli effetti collaterali dei farmaci assunti. Naturalmente, si tratta di un grande vantaggio per il benessere generale del paziente.

Svantaggi

Lo svantaggio della politerapia è dato dalle eventuali reazioni indesiderate come conseguenza dell’interazione tra i farmaci.

Ecco perché questa forma di terapia va valutata attentamente dal medico sulla base delle esigenze e delle reazioni del paziente.

Può aiutarmi?

Ora sai quali sono le caratteristiche della politerapia, i suoi vantaggi e svantaggi e i casi in cui viene applicata. Ora cerca di capire quali delle seguenti affermazioni ti descrive. Più ne sono, più questa terapia fa al caso tuo.

  • Ho una grave depressione
  • I miei episodi depressivi sono ricorrenti
  • Mi sento ancora depresso nonostante prenda gli antidepressivi
  • Ho spesso i sintomi anche quando non ho un episodio depressivo
  • Sono interessato a provare la politerapia
© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche