Puoi morire per un cuore spezzato?

La sindrome da cuore spezzato esiste davvero. Chi perde improvvisamente un coniuge o un compagno può avere sintomi simili a quelli dell'infarto.

A chi non è capitato di avere il cuore spezzato? Una delusione d’amore, un grande dolore, possono darci la sensazione che il nostro cuore sia letteralmente a pezzi e che siamo sul punto di morire. Ma qualche volta si tratta di qualcosa di più di un semplice modo di dire.

Come nel caso di Dorothy Lee, per esempio: una donna morta perché il suo cuore si è spezzato.

Continua a leggere per scoprire la sua storia.

Dorothy Lee e la sidrome da cuore spezzato

Quello che è successo ad una donna anziana chiamata Dorothy Lee non era del tutto così insolito. Nel 2010, il marito di Dorothy, di appena 40 anni, è morto improvvisamente in un incidente automobilistico. Il Wall Street Journal ha poi dichiarato che Dorothy Lee ha iniziato a ricevere dolori al torace che ricordano un imprevisto attacco di cuore.

Advertisements

Era come se il suo corpo si rivoltasse contro la perdita imprevista.

Quando un coniuge di lungo periodo muore, non è così raro che i problemi di salute potenzialmente pericolosi per la vita siano sorti nel suo partner subito dopo. Capita anche che le condizioni croniche prendano una svolta grave. Infatti, l’evidenza aneddotica cita che mariti e mogli possono inesplicabilmente morire con una differenza di settimane, o addirittura giorni, e gli studi empirici hanno sostenuto quel fenomeno.

Gli studi sul coniuge rimasto solo

Studi separati che coinvolgono migliaia di coppie in Scozia e in Israele hanno concluso che il rischio di morte tra vedove e vedovi aumenta ovunque dal 30 al 50% nei primi sei mesi dopo il passaggio dei loro amati. Dopo quel primo periodo di lutto, il rischio statistico della morte diminuisce. Questo tipo di connessione extracellulare sembra essere più comune quando la morte è inaspettata.

È il caso, per esempio, del marito di Dorothy Lee. Aumenta anche quando il partner sopravvissuto non è preparato a continuare la propria vita da solo.

Uno studio del 1996 di 158.000 coppie finlandesi ha trovato il più alto tasso di incidenza della mortalità in eccesso, o la morte statisticamente imprevista, correlata al passaggio accidentale e improvviso di un coniuge. I medici hanno attribuito quel modello a problemi cronici di salute.

Secondo gli psicologi è dovuto allo stress da dolore. Gli assistenti sociali lo collegano alla mancanza di un sistema di sostegno.

I romantici, nel frattempo, potrebbero riassumere più dolcemente come il sottoprodotto di un cuore spezzato. E in alcuni casi, potrebbero non essere così lontani dalla verità. Almeno, è quello che Dorothy Lee ha sperimentato il giorno in cui suo marito è morto. Si è scoperto che i dolori toracici non erano il risultato di arterie bloccate, ma piuttosto una condizione chiamata cardiomiopatia di takotsubo. O, più comunemente, sindrome del cuore spezzato.

L’amore fa male, letteralmente

I medici giapponesi hanno identificato per la prima volta la sindrome del cuore rotto tra cinque pazienti nei primi anni ’90. Quel gruppo si distingueva tra le altre 415 vittime di un attacco di cuore esaminate. Dato che i cinque pazienti sembravano non avere arterie bloccate, la comune causa di tali incidenze, e hanno recuperato più rapidamente e facilmente che il resto della popolazione di studio.

Scritto da Arianna Bencich
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pancia gonfia: scopri la causa e trova il rimedio adatto

Pulizia del viso: le migliori maschere in commercio

Leggi anche
Contents.media