E se vi dicessimo che praticare sport è uno dei rimedi migliori per alleviare i mal di testa ricorrenti?

Si può curare il mal di testa praticando sport? Scopriamo uno dei rimedi migliori per alleviare il dolore

Fare attività fisica fa bene al corpo, alla mente e anche al mal di testa. Lo sapevate? L’allenamento, però, deve essere eseguito con criterio e consapevolezza: ecco uno dei rimedi migliori per alleviare i mal di testa ricorrenti.

E se vi dicessimo che praticare sport è uno dei rimedi migliori per alleviare i mal di testa ricorrenti?

Soffrite di mal di testa ricorrenti? Uno dei rimedi migliori per alleviare il dolore alla testa e l’emicrania è praticare regolarmente sport. Una regolare attività fisica infatti ha effetti benefici sulla frequenza, sull’intensità e sulla durata degli attacchi di emicrania e di cefalea di tipo intensivo.

In particolare, molti studi concordano sul fatto che lo svolgimento di un’attività aerobica regolare, oltre a migliorare la qualità di vita e l’autostima, riduce in modo sostanziale il rischio di sviluppare un’emicrania cronica. L’esercizio fisico aerobico può essere utilizzato per la gestione di diverse condizioni di dolore, inclusi depressione, ansia e disturbi del sonno, fattori che possono provocare l’emicrania.

Tipicamente, gli esercizi aerobici includono attività a bassa intensità e lunga durata (camminare, fare jogging, nuotare, andare in bicicletta). Con esercizio aerobico si intende qualsiasi forma di movimento corporeo alimentato da processi di generazione di energia aerobica, in cui le richieste energetiche dell’esercizio non superano la velocità con cui il sistema cardiovascolare può fornire ossigeno ai muscoli che lavorano.

I benefici dello sport nel ridurre la frequenza, la durata e l’intensità nel tempo dell’emicrania derivano principalmente dal fatto che favorisce il rilascio di endorfine e l’attivazione di numerosi meccanismi che agiscono a livello del sistema nervoso centrale cerebrale riducendo la percezione del dolore. 

Nel caso della cefalea di tipo tensivo invece, studi riferiscono un maggiore beneficio per i muscoli del collo e della schiena con stretching e ginnastica posturale, piuttosto che con i più classici allenamenti aerobici.

Curare il mal di testa con lo sport: rimedi efficaci 

Come mai facendo sport si alleviano i dolori alla testa e si riduce l’emicrania? Questo accade perché praticando attività fisica si accresce l’apporto di ossigeno che determina un miglioramento della respirazione e circolazione sanguigna. Inoltre, si riduce la vasodilatazione dei vasi sanguigni cerebrali, che è causa di cefalea.

Il tipo di mal di testa più diffuso è quello che deriva da tensione eccessiva di alcuni muscoli pericranici, comunemente detto “da cervicale”, muscoli irrigiditi del collo e delle spalle che determinano una riduzione dell’afflusso di sangue e ossigeno alla testa. Allenarsi invece stimola il rilassamento e aumenta l’elasticità e la scioltezza dei muscoli, in altre parole si rivela un antidolorifico naturale. 

Meno consigliate nello specifico le attività agonistiche che possono elevare livelli di tensione e stress. In ogni caso, per chi soffre di cefalee e mal di testa è sempre meglio rivolgersi al proprio medico per avere un parere su un’eventuale pratica sportiva da intraprendere.

Scritto da Chiara Sorice

Lascia un commento

Come eliminare le macchie scure sul viso: i rimedi della nonna

La skincare routine di Cara Delevingne: i segreti della sua pelle perfetta

Leggi anche
  • 1216x832 20 08 30 56 55454639Vivere bene dopo i 60 anni: 10 cose da fare

    Dopo i 60 anni, è importante guardare al futuro con entusiasmo, mantenere uno stile di vita attivo e semplice, seguire un’alimentazione sana, fare controlli medici regolari e coltivare la curiosità e la passione.

  • 1216x832 14 08 30 59 686013470Sali minerali: funzioni, eccesso e carenza

    “Gli articolo esplora l’importanza dei sali minerali per la salute umana, evidenziando i rischi di carenze o eccessi e sottolineando l’importanza di un apporto adeguato attraverso una dieta equilibrata e, se necessario, l’integrazione.”