Sindrome di Diogene: cos’è, sintomi e come superarla

Sindrome di Diogene, di cosa si tratta e come superarla? Ecco come fare.

La sindrome di Diogene prende il nome dall’antico filosofo greco, che avrebbe contribuito a definirne la sintomatologia. Ecco di cosa si tratta, quali sono i sintomi e la cura da seguire per guarire dalla sindrome di Diogene. Vediamolo insieme in questo articolo.

Sindrome di Diogene: di cosa si tratta e i sintomi

La sindrome di Diogene è un disturbo psicologico e comportamentale, causato da un mix di sensazioni ed emozioni profonde. Dalla solitudine, eventi dolorosi, stati depressivi, disturbi psichici o legati all’invecchiamento, autismo e reazioni traumatiche a situazioni di stress.

La sindrome di Diogene può interessare tutte le classi sociali, indistintamente. Le ricerche hanno infatti dimostrato che non sono il livello economico né la professione a incidere nella comparsa di questa patologia.

Ma, questo disturbo è più presente nella fascia d’età anziana, chi ha più di 60 anni e in particolare tra i 70 e gli 80 anni. Ma nemmeno i giovani ne sono esenti.

I sintomi della sindrome di Diogene sono caratterizzati da un abbandono della persona e da una noncuranza dell’ambiente che la circonda, e questo porta spesso anche a un accumulo di oggetti di ogni tipo.

Chi ne è affetto tende a raccogliere e conservare una grande quantità di oggetti, di solito rifiuti, nella propria casa.

Manifesta un’impossibilità a liberarsene, arrivando ad accatastarne sempre di più. E, non vuole alcun aiuto esterno.

Per questo viene anche chiamata “barbonismo domestico” o “Sindrome dello squallore senile”.

Come curare la sindrome di Diogene

La sindrome di Diogene deve essere affrontata con un aiuto professionale specifico e, a volte, anche con la somministrazione di farmaci. Ma non è facile. Chi soffre della sindrome di Diogene in genere rifiuta qualsiasi aiuto esterno e rifiuta anche di ammettere il proprio problema.

Questo disturbo non dovrebbe essere sottovalutato. A lungo termine, la mancanza di pulizia causata dall’accumulo, causa seri problemi di igiene, che possono compromettere la salute dell’individuo. Inoltre, coloro che ne soffrono a poco a poco vengono isolati dalla società, per un aumento dei conflitti interpersonali a causa del loro status. Per questo, ai primi sintomi gravi, va affrontato e supportato da un professionista.

Scritto da Chiara Sorice
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sindrome di Stendhal: cos’è, come riconoscerla e come superarla

Tè Jun: cos’è, benefici e controindicazioni

Leggi anche
  • Sindrome di Wendy: cos'è, sintomi e come uscirneSindrome di Wendy: cos’è, sintomi e come uscirne

    Cosa è la Sindrome di Wendy? Ecco in questo articolo spieghiamo di cosa si tratta, quali sono i sintomi da riconoscere e come fare per superarla.

  • Sindrome di Parigi: cos'è, come riconoscerla e chi colpisceSindrome di Parigi: cos’è, come riconoscerla e chi colpisce

    Cos’è la sindrome di Parigi? Ecco di cosa si tratta, chi viene colpito maggiormente da questo disturbo e come fare per riconoscerla.

  • Sindrome di Stendhal: cos'è, come riconoscerla e come superarlaSindrome di Stendhal: cos’è, come riconoscerla e come superarla

    Sindrome di Stendhal: di cosa si tratta, come riconoscerla e curarla, vediamo insieme

  • coppia1Terapia di coppia, ecco alcune tecniche efficaci

    Terapia di coppia, le tecniche utili affinché il rapporto funzioni

Contentsads.com