Sindrome WAGR: cos’è e sintomi

Scopriamo quali sono le cause, quali organi colpisce la sindrome WAGR e quali sono i sintomi più comuni ai quali prestare attenzione sin dall'infanzia

La sindrome WAGR è stata descritta per la prima volta in dettaglio nel 1964 dall’epidemiologo americano Robert Miller. Si tratta di una sindrome genetica rara, un insieme di anomalie e sintomi che si manifestano nella persona contemporaneamente.

Il termine WAGR è un acronimo e deriva dai quattro sintomi principali che caratterizzano la malattia:

  • W: tumore di Wilms,
  • A: aniridia,
  • G: anomalie genito-urinarie
  • R: ritardo mentale.

Quando la sindrome include il sovrappeso, si usa l’abbreviazione WAGRO, dove O sta per obesità.

Cos’è la sindrome WAGR

La sindrome WARG è causata nella maggior parte dei casi da una mutazione genetica, da una perdita (delezione) di una piccola parte (un segmento) del braccio corto (p) su uno dei cromosomi nella coppia cromosoma 11 (11p13).

Nell’area eliminata del cromosoma, ci sono diversi geni che sono importanti per lo sviluppo del feto e del bambino.

Advertisements

Nella sindrome, questi geni si trovano in una sola copia (singolo) invece delle normali due (coppia).

Due di questi geni mutati sono di grande importanza (PAX6 e W1) per i sintomi della sindrome WAGR, i quali sono utili nella codifica di una proteina che controlla lo sviluppo embrionale dell’occhio e regolano l’espressione di molti altri geni.

La perdita di una copia di uno di questi geni, causa aniridia.

L’altro codifica e regola lo sviluppo e la crescita di reni e gonadi (ovaie e testicoli). La sua perdita comporta varie malformazioni dei genitali e delle vie urinarie e aumenta la probabilità di sviluppare il tumore di Wilms.

Un altro gene cancellato da questa mutazione (BDNF), codifica la proteina del fattore neurotrofico derivata dal cervello con un impatto sullo sviluppo e la regolazione energetica delle cellule nervose. La sua cancellazione è stata collegata al danno cognitivo e alla propensione a sviluppare l’obesità.

La sindrome WAGR è nella maggior parte dei casi dovuta a una nuova mutazione nel feto del nascituro. La delezione si rinviene spesso in una delle cellule germinali dei genitori (uova o spermatozoi) ma la probabilità che bambino nasca con la sindrome è stimata a meno dell’1% dei casi.

Tuttavia, l’anomalia cromosomica che si verifica nel bambino diventa ereditaria e può essere tramandata alla generazione successiva.

Se uno dei genitori ha la sindrome, ovvero ha un gene normale e un gene mutato, la probabilità che sia i figli che le figlie svilupperanno la sindrome WAGR è del 50 per cento.

I bambini che non hanno ricevuto il gene mutato non svilupperanno la malattia, né la trasferiranno.

Sintomi della sindrome WAGR

La gravità dei sintomi della sindrome WARG varia a seconda delle dimensioni delle delezioni (cancellazioni) e dei geni che include. Il quadro sintomatologico dipende dalla combinazione delle anomalie presenti nel paziente.

I sintomi della sindrome possono colpire varie aree dell’organismo e con diversa gravità, vediamo quali:

Occhi

Alla nascita, è comune per i bambini affetti da sindrome WAGR, la quasi totale mancanza di iride su entrambi gli occhi (aniridia).

Questa anomalia rende i bambini molto sensibili alla luce e tendono ad avere una grave disabilità visiva che si manifesta presto.

Sintomi e i segni clinici presentano anche altri disturbi oculari come il nistagmo o glaucoma e la cataratta.

Reni e genitali

La mutazione del gene WT1 implica una maggiore probabilità di sviluppare il tumore di Wilms, un tumore renale maligno che di solito viene diagnosticato durante la prima infanzia (prima dei cinque anni). Spesso sono i genitori che notano un nodulo al ventre del bambino. A volte i bambini hanno dolori di stomaco e alcuni presentano sangue nelle urine. Viene solitamente rilevato e trattato precocemente nella prima infanzia.

Per i bambini con sindrome WAGR, il rischio di sviluppare il tumore è superiore al 50 per cento rispetto allo 0,01 per cento per i bambini che non hanno la sindrome.

La cancellazione di WT1 può anche influenzare lo sviluppo di genitali e tratto urinario. Nei ragazzi è comune che i testicoli non siano scesi nello scroto e che l’uretra sia mal sviluppata (ipospadia). Nelle ragazze affete da sindrome WAGR, non è rara la malformazioni dell’utero e delle ovaie.

A volte può essere difficile determinare il sesso del bambino alla nascita.

L’insufficienza renale è uno dei sintomi che verifica più spesso nei bambini con sindrome WAGR.

Possono verificarsi altre anomalie a livello genitourinario come agenesia renale e il gonadoblastoma.

Le persone con la sindrome hanno bisogno di un’azione coordinata in diverse aree specialistiche, i reni e gli occhi sono di solito esaminati regolarmente dall’infanzia fino all’età adulta dove potrebbero aver bisogno di supporto nella vita quotidiana.

Funzioni cognitive

Circa tre quarti hanno una disabilità intellettiva.

Nella maggior parte delle persone è mite o moderata ma con una capacità cognitiva generalmente compromessa.

In combinazione con una ridotta capacità di comunicare, si determina difficoltà nell’affrontare la vita quotidiana. Le difficoltà variano notevolmente a seconda del grado di disabilità intellettiva (lieve, moderata o grave) e del grado di impatto, ad esempio, sulla lingua e sulla parola, sulle capacità motorie, sulla capacità di attenzione, sulla visione e sull’udito.

Alcune persone con la sindrome WAGR hanno sintomi come iperattività, controllo alterato degli impulsi e mancanza di attenzione (ADHD).

A volte si verificano anche tratti autistici.

Alcuni manifestano sintomi come ansia e depressione.

Altri sintomi, come l’infiammazione del pancreas (pancreatite), cardiopatie (tetralogia di Fallot) e obesità infantile si verificano più spesso nelle persone con sindrome WAGR.

Scritto da Alexandra Tubaro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Eleuterococco: le proprietà e le controindicazioni della pianta

Disturbo d’ansia generalizzato: come riconoscerlo e superarlo

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.