Sindrome di Wendy: cos’è, sintomi e come uscirne

Cosa è la Sindrome di Wendy? Ecco in questo articolo spieghiamo di cosa si tratta, quali sono i sintomi da riconoscere e come fare per superarla.

La sindrome di Wendy, conosciuta maggiormente come la sindrome della crocerossina, ti fa sentire gratificato a vedere l’altro (generalmente il partner), “salvo” grazie ai propri sacrifici e al proprio aiuto. Scopriamo meglio di cosa si tratta, quali sono i segnali, e come curarsi da questa sindrome.

Sindrome di Wendy: come scoprire di esserne affetti

La sindrome di Wendy nasce dalla favola di Peter Pan, dello scrittore J.M. Barrie. Wendy Darling è una bambina di 10 anni che viene resa adulta dalla famiglia e spinta a prendersi cura dei suoi fratelli. Come poi si prende cura di Peter Pan che segue ovunque. Questo è ciò che fa, in modo diverso, chi soffre della sindrome di Wendy.

I primi sintomi della sindrome della crocerossina è che il soggetto affetto tende ad accudire, proteggere, soddisfare e gratificare l’altro, andando a discapito anche dei propri bisogni pur di soddisfare quelli dell’altro. Prendersi cura dell’altro viene attuato con volontà, consapevolezza e gioia: infatti, aiutare l’altro gratifica il soccorritore. Ci si sente indispensabili affinché la relazione possa andare avanti.

Questi atteggiamenti sono generalmente rivolti verso il partner, ma possono rivolgersi a chiunque: genitori, figli, fratelli, amici, colleghi. La sindrome di Wendy riguarda soprattutto le donne, ma anche gli uomini possono svilupparla.

Dietro la crocerossina c’è una personalità dipendente e una conseguente paura di ritrovarsi soli, di essere abbandonati o rifiutati. La spaventa l’idea che non ci sia nessuno da aiutare: non ci si sente utili, né apprezzate.

La sindrome della crocerossina: caratteristiche

La sindrome di Wendy deriva dal bisogno di approvazione: chi ne soffre avrà relazioni di coppia in cui la sua personalità verrà annullata per permettere a quella dell’altro di emergere. Il suo valore sarà sempre più difficile da riconoscere.

Gli uomini che la crocerossina cerca e che accudisce sono spesso malati, depressi, dipendenti, o uomini immaturi (l’eterno Peter Pan), ma potrebbe anche essere possibile un uomo meno problematico, che è meno bisognoso d’aiuto e che cerca autonomia. L’altro diventa un mezzo per colmare il vuoto affettivo ed esistenziale che si portano dentro.

La sindrome della crocerossina: come uscirne

Il primo passo per chi soffre della sindrome della crocerossina, o di Wendy, è essere consapevoli di soffrirne. Di solito la crocerossina non si rende conto di essere la responsabile della propria sofferenza e per questo difficilmente cercherà aiuto da sola. E’ improntate chiedere aiuto a un professionista per prima ricercarne le cause che hanno condotto a questa sindrome di “dipendenza” affettiva, e poi, trovare la soluzione.

Sarà essenziale scoprire se ci sono stati vissuti di abbandono e se è presente una paura del rifiuto. L’importante è far capire che tutti i rapporti sociali possono finire, ma si sopravvivere lo stesso. Senza aver paura che ciò accada.

Scritto da Chiara Sorice
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quali sono le controindicazioni delle bacche di Maqui?

Sai dove si devono buttare i capelli?

Leggi anche
  • giornata Come superare una giornata ‘no’? Consigli di sopravvivenza

    Come superare una giornata triste e negativa? Scopriamo alcuni consigli per affrontare una giornata “no”.

  • lutto genitoreCome elaborare un lutto di un genitore: consigli utili

    Come riuscire a elaborare un lutto di un genitore, ecco alcuni consigli utili per elaborare la morte di un proprio caro.

  • ritrovare se stessi consigliCome ritrovare se stessi: 10 consigli per riuscirci

    Come fare per ritrovare se stessi, quando ci si sente smarriti? Ecco dieci consigli per riuscirci.

  • pace interiore consigliCome trovare la pace interiore? I consigli per raggiungerla

    Come riuscire a trovare la pace interiore? Segui questi consigli per raggiungerla, dalla meditazione al detox mentale di solitudine per rilassarti.

Contentsads.com