I segreti del sistema immunitario: come funziona?

Il sistema immunitario: funzioni e risposte

Il nostro organismo, come quello di qualsiasi altro essere vivente, è dotato di un sistema di protezione che prende il nome di sistema immunitario. Quando l’organismo riscontra una minaccia che può alterare il suo normale funzionamento, entra in gioco il sistema immunitario.

La maggioranza di sostanze esterne e che quindi possono catalogarsi come pericolose sono costituite da numerosi microrganismi: batteri, funghi o virus che possono circolare liberamente nell’ambiente o che magari sono trasmissibili attraverso un contatto fisico. Le difese immunitarie riconoscono queste sostanze perché sono formate dagli antigeni e, di conseguenza, le attacca.

Il sistema immunitario: che cos’è?

Il sistema immunitario è formato da una fitta rete di cellule preparate a combattere le sostanze nemiche organizzate tra loro: comunicano attraverso i vasi linfatici coordinando ogni azione e ognuna è predisposta ad un ruolo e compito ben determinato.

Più nello specifico, le difese immunitarie sono formate da:

  • globuli bianchi: sono cellule del sangue in misura minoritaria rispetto ai globuli rossi. Il loro compito principale è quello di difendere l’organismo da qualsiasi minaccia interna o esterna;
  • sistemi linfatici: una rete naturale difensiva pronta a combattere qualsiasi tipo di infezione. Sono formati da midollo osseo, timo, milza, tonsille, ecc.;
  • citochine: sono molecole che, tra di loro, si coordinano, mandandosi segnali continui volti a monitorare costantemente il livello cellulare.

Come funziona?

Un ruolo fondamentale lo detiene il midollo osseo. Esso si trova all’interno di alcune ossa del corpo e, la maggior parte delle cellule che compongono il sistema immunitario, sono prodotte dal lui. Le cellule più importanti appartengono a due categorie: i linfociti e i fagociti. I primi sono globuli bianchi che agiscono come anticorpi per contrastare la sostanza esterna nemica all’organismo; i secondi, invece, sono sempre globuli bianchi, ma con funzioni diverse, più specifiche, cioè tendono ad inglobare le cellule nemiche.

Tornando ai linfociti, questi, si dividono in due differenti categorie:

  • linfociti B: trovano origine all’interno del midollo osseo e hanno il compito di produrre gli anticorpi che, una volta riconosciuto un particolare antigene, tenderanno a neutralizzarlo;
  • linfociti T: sono situate all’interno del timo e regolano tutto il sistema immunitario attaccando tutte quelle cellule che non hanno un comportamento normale e che possono essere potenzialmente pericolose.

Come risponde?

Il sistema immunitario, come descritto pocanzi, è formato da una fitta rete di cellule coordinate tra loro in modo tale da individuare possibili minacce provenienti dall’esterno o dall’interno, e che ognuna svolge un ruolo ben preciso. La risposta del sistema immunitario, però, non avviene sempre allo stesso modo, ma può essere diversa a seconda di particolari casi:

  • innata o aspecifica: la rete difensiva di anticorpi agirà in maniera del tutto naturale con l’agente esterno, senza mai esserne venuta a contatto già da prima. È rapida ed è presente nel nostro corpo sin dalla nascita. Qualora la minaccia dovesse superare tale barriera, l’organismo creerà delle cellule che serviranno a risolvere i danni subiti;
  • acquisita o specifica: al contrario di quella precedente, la rete protettiva si instaurerà a seguito di un contatto con la sostanza estranea. Il contatto può essere o naturale – ad esempio un virus che si è contratto casualmente – oppure artificiale – tramite vaccinazione. Gli anticorpi, una volta avuto un primo contatto con la sostanza minacciosa, tenderanno a ricordare perfettamente a memoria i mezzi utilizzati per neutralizzarla;
  • chimica: sono ulteriori barriere – sebo, sudore, pelle – e membrane epiteliali – ad esempio quelle che rivestono la parte esterna delle vie respiratorie, urinarie, ecc. – che evitano un contatto con il nostro organismo da parte di qualsiasi sostanza minacciosa.

Scrivi un commento

1000

I benefici della banana: perchè così essenziale contro gli acidi della gastrite

Passiflora incarnata: proprietà, benefici e usi

Leggi anche
  • tumore della prostataTumore della prostata: sintomi e cura

    Il tumore della prostata è molto diffuso negli uomini. A seconda della gravità può essere curato con diverse terapie e può essere riconosciuto in presenza di specifici sintomi.

  • anca dolorante: cause e sintomiTutte le possibili motivazioni del dolore all’anca

    L’anca dolorante sembra un problema relativo solo alle persone anziane, eppure affligge molti giovani a causa di alcune patologie.

  • fenilchetonuria: cause, sintomi e curaFenilchetonuria: tutto quello che devi sapere su questa patologia

    La fenilchetonuria è una patologia ereditaria che colpisce un bambino ogni dodici mila: impariamo a conoscerla per agire tempestivamente.

  • come ritardare la menopausa: come funzionaÈ possibile ritardare i sintomi della menopausa?

    Ritardare la menopausa è un’idea che interessa un numero sempre maggiore di donne: esistono alcuni metodi, ma quali sono i migliori?

  • 
    Loading...
  • pappa reale: proprietà, benefici, controindicazioniCos’è la pappa reale e perché è utile includerla nella tua dieta

    Un alimento sempre più utilizzato per mantenersi attivi e in forma è la pappa reale: possiede numerose caratteristiche uniche.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.