Notizie.it logo

Vaccino antinfluenzale: quale è il miglior momento per farlo

vaccino

Il vaccino antinfluenzale è un rimedio al quale si ricorre solitamente in autunno. Scopriamo insieme quale sia il momento migliore per farlo.

Quando si tratta dell’annuale vaccino antinfluenzale, a volte è difficile superare i classici dubbi e paure che questo tipo di vaccino comporta. L’ago, il dolore, la spesa… ma soprattutto l’ago. Ma anche: quando devo vaccinarmi? E cosa può fare chi ha la fobia degli aghi?

Il vaccino e gli aghi: un male necessario

Allora, innanzitutto, gli esperti sono d’accordo: devi rassegnarti e procedere con il vaccino. I vaccini antinfluenzali sono “il primo e il miglior modo di proteggere te e la tua famiglia dall’influenza“, secondo il Centro della Prevenzione e del Controllo delle Malattie (CDC). Il CDC consiglia, da quattro anni, per chiunque al di sopra dell’eta di sei mesi, di vaccinarsi. Il virus dell’influenza si trasmette facilmente, quindi far vaccinare il maggior numero di persone possibile è il miglior modo per evitare che si diffonda tra la popolazione.

“La chiave è vaccinarsi”, dice il Dr. Aaron Milstone, epidemiologo al Johns Hopkins Hospital e Professore di Pediatria alla Johns Hopkins University School of Medicine.

“È come molte cose della vita che non puoi programmare perfettamente. La mia preoccupazione è che se la gente prova a programmare alla perfezione le cose, fallirà nel suo intento”.

Un problema serio

Fallire è sbagliato, perché l’influenza è un argomento serio. Secondo il CDC, essa è la più grande causa di morte tra le malattie vaccinabili negli Stati Uniti. È difficile individuare quanti ne muoiono ogni anno perché le stagioni dell’influenza possono variare enormemente. Ma nella stagione influenzale del 2003-2004, la peggiore secondo uno studio recente, 48.614 americani sono morti a causa dell’influenza. Al contrario, la stagione 1985-86 “solo” vide 3.349 morti.

Perciò, fai un respiro profondo. Fai il vaccino. Assicurati anche che lo facciano tutti i membri della tua famiglia.

Oh, e dimenticati dello spray nasale. Il CDC dice che, nella stagione influenzale 2016-17, i vaccini iniettabili per endovena sono gli uniche cure da usare.

(Non) è tutto nel tempismo

Quindi, quando farai la tua iniezione annuale? Puoi vaccinarti adesso, ipotizzando che tu viva nell’Emisfero Nord.

Il vaccino è disponibile su larga scala. Qualsiasi farmacia meritevole di farmacisti vestiti di bianco li possiede già pronti da usare, specialmente in questo periodo dell’anno, prima che si apra la stagione influenzale. Anche il tuo dottore ce l’ha, probabilmente, a portata di mano.

Ai dottori, in realtà, viene detto di iniziare ad infilzare non appena il vaccino è disponibile. Quindi se vuoi anticipare le cose, rimboccati le maniche e guarda dall’altra parte.

Ma programmare attentamente quell’iniezione, secondo qualcuno, dovrebbe almeno essere considerato.

Non più tardi di ottobre

Secondo il CDC ci si dovrebbe vaccinare contro l’influenza non più tardi della fine di ottobre. Ma la Dr.ssa Laura Haynes, un’immunologa dell’University of Connecticut Center on Aging, ha raccontato a Scott Simon dell’NPR (National Public Radio) che le persone più anziane potrebbero ritardare anche un pochino.

“Il miglior momento per effettuare il vaccino influenzale, per la maggior parte delle persone, è a ottobre.

Se sei un po’ più anziano e oltre i 65 anni, direi tra Halloween e la Festa del Ringraziamento (tra fine ottobre e fine novembre, ndr)”.

La dottoressa continua: “La loro reazione immunitaria non è la stessa al vaccino. Quindi la protezione indotta finisce più velocemente. Di conseguenza dovrebbero aspettare un po’ più a lungo di quanto fa un adulto più giovane. In questo modo, sei protetto durante tutta la maggior parte del periodo peggiore della stagione influenzale, che capita tra, diciamo, gennaio e aprile”.

L’opposto dell’aspettare è farlo immediatamente. Nonostante Milstone non veda alcun problema nel fare l’iniezione ad agosto, o addirittura luglio quando alcuni vaccini del nuovo gruppo iniziano a spuntare, probabilmente non c’è necessità di farlo così presto, afferma. La protezione rimasta dall’ultimo vaccino è solitamente abbastanza per tenere a distanza qualsiasi virus maligno precoce.

Ritardare il vaccino: una pazzia azzardata

La gente che prova a programmare il loro vaccino all’apice della stagione influenzale (quando capiscono che il vaccino è al massimo della potenza) hanno almeno due problemi da affrontare.

  • Primo, il picco della stagione influenzale varia da anno ad anno.

    Può essere gennaio, può essere febbraio, può essere più tardi. Buona fortuna nell’indovinare quando.

  • Secondo, se un mucchio di casi influenzali si verifica in anticipo, e tu non sei pronto… be’, il vaccino impiega 10-14 giorni a fare effetto, racconta Milstone. Se provi a programmarlo e un’ondata prematura si avvicina dalle tue parti, la tua fortuna è finita e sei a letto.

Il tuo corpo (non) ti ringrazierà per aver scommesso su questo.

“È più o meno come andare a Las Vegas”, continua Milstone. “Alcuni saranno capaci di essere l’eccezione e ad essere fortunati e vincere molto. La maggior parte non lo è. Credo che in questo caso programmare è un rischio che, per la maggior parte delle persone, non è la cosa più astuta da fare”.

© Riproduzione riservata
Leggi anche
Reflex Diet Protein 2 kg
57.99 €
Compra ora
Prozis Leggings Power Up - Never Fail
20.99 €
Compra ora
Diadora Tapis Roulant Magnetico Galaxy 500 Rigenerato
99.95 €
240 € -58 %
Compra ora
EOS Thermo Stax 60 cpr, Bruciagrassi naturale
19.2 €
Compra ora