Notizie.it logo

Test di gravidanza: come funziona e quanto costa

sintomi gravidanza

Il test di gravidanza oggigiorno è un metodo affidabile per scoprire se si è in dolce attesa. Scopriamo come funziona.

Rispetto a qualche tempo fa, quando per individuare una gravidanza l’unico vero indicatore era il rigonfiamento evidente della pancia, oggi con il ricorso al test di gravidanza si possono avere due esiti quasi certi: uno negativo e un’altro positivo.

Oggi i test disponibili sul mercato sono davvero affidabili, riescono a individuare la positività con una percentuale vicino al 100%, mentre l’eventuale esito negativo è meno affidabile. I test disponibili vengono effettuati sulle urine o sul sangue, riuscendo a individuare la positività della gravidanza con certezza, grazie alla presenza e alla particolare concentrazione di ormoni femminili, generati dall’organismo e deputati alla costruzione della placenta nell’utero.

Quando effettuare il test di gravidanza

Il test di gravidanza per avere una migliore efficacia va fatto dopo i primi otto giorni dal concepimento.

Da quel momento il riscontro della positività è davvero affidabile, mentre c’è ancora qualche rischio per l’esito negativo, è possibile infatti che il risultato del test non sia veritiero e nasconda invece una gravidanza, in quel caso si chiama “falso negativo”. La possibilità di aver un esito negativo falsato aumenta se il test viene effettuato prima degli otto giorni.

Costo del test di gravidanza

In premessa bisogna dire che i test sono due, quello fatto sulle urine e l’atro con il sangue. Il primo ha davvero dei costi irrisori che oscillano dai 7 euro ai 22, a seconda se dispone di un display per la lettura o oppure no.

Il test sanguigno viene effettuato in appositi laboratori di analisi e su prescrizione medica ed è davvero affidabile nella sua diagnosi, il costo varia in ogni regione d’Italia, solitamente si attesta in un range tra i 20 e i 26€.

I test urinari, possono essere comprati anche al supermercato oltre che in farmacia, conservano qualche, residuo, decimale margine di errore.

Quando effettuare il test di gravidanza

Il test sanguigno è sempre affidabile, mentre quello urinario necessita di alcuni accorgimenti per avere una efficacia. Il test deve essere effettuato dopo i primi 8/10 giorni dall’inizio della gravidanza, facendolo prima si rischia di avere una concertazione minima di ormoni nelle urine, con il rischio di aver un esito negativo che potrebbe essere non reale. Si consiglia di effettuarlo di prima mattina e con la prima minzione, quella più concentrata, evitando di bere per non diluirla rendendo vano il test.

Un esito positivo è raramente falso, mentre nel caso di un risultato negativo è consigliabile ripetere il test urinario dopo alcuni giorni per essere certi della gravidanza.

Quindi, se si vuole avere la certezza di una gravidanza è consigliabile farsi prescrivere da un ginecologo un test del sangue.

Come si effettua il test di gravidanza

Il test tramite le urine si effettua con la parte reattiva del dispositivo a contatto con l’urina. Il risultato sarà visibile dopo alcuni secondi tramite un indicatore che varia a seconda del modello e dalla tipologia del test. Solitamente, in quelli normali, l’indicatore di positività è caratterizzato da due strisce, la negatività al test è indicata dalla comparsa di una sola linea.

Utilizzando un test digitale, la grafica varia ed è più riconoscibile, sia per l’esito positivo che per quello negativo ed è possibile avere anche un responso sul numero di settimane dell’eventuale gravidanza.

Test falso positivo e negativo

Si può avere, raramente, un esito di gravidanza “positiva falsa”, solo un tester danneggiato o usato in maniera impropria potrebbe generare un risultato falsato.

Si può avere una diagnosi falsata con il test delle urine anche nel caso di patologie o nell’ assunzione di farmaci da parte della donna. Il test sanguigno da un risultato sempre veritiero.

Un falso negativo è più consueto, si può verificare quando si utilizza il test con anticipo, in gravidanze extraeuterine oppure se le urine sono state diluite con l’assunzione di liquidi.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche