Notizie.it logo

Vaccinazioni infantili

vaccinazioni

Le vaccinazioni infantili sono diventate obbligatorie in molti paesi, per prevenire lo sviluppo di varie malattie potenzialmente gravi.

I bambini nascono con protezioni temporanee da molte malattie, grazie agli anticorpi della madre passati attraverso la placenta. Entro un anno, tuttavia, questa difesa viene persa, e varie malattie bussano alla porta. Le vaccinazioni infantili ci proteggono da queste malattie, ma quando non sono complete, i virus si ripresentano. In questo articolo troverai informazioni utili su molti vaccini in modo che vostro figlio non si ammali. Analizziamoli uno ad uno.

Vaccino per la varicella

Il vaccino contro la varicella è relativamente nuovo, ma sicuramente è un sollievo per qualsiasi genitore che ha dovuto cercare di trattenere un ragazzino con prurito dal grattarsi quei piccoli puntini rossi. Chiunque sia nato prima degli anni ’90 probabilmente ricorda l’agonia associata a quei piccoli punti rossi conosciuti con il nome di varicella.

Per fortuna, nel 1995 è stato sviluppato un vaccino, e ora quasi tutti i bambini di età compresa tra 12 e 18 mesi lo possono fare. Inoltre, anche se un bambino è vaccinato può prendere lo stesso la varicella, ma la gravità della malattia sarà significativamente ridotta.

Nozioni di base sulla varicella

Il virus varicella-zoster, un membro della famiglia di herpesvirus, provoca la varicella. Il virus si immette nell’aria quando qualcuno tossisce o starnutisce. In questo modo si diffondono particelle virali che vengono poi inalate da una persona non immune. Anche il contatto con il liquido delle bolle della varicella può diffondere il virus, ma questo non vive a lungo su oggetti inanimati.

La varicella provoca un’eruzione cutanea notevolmente pruriginosa che è facile da identificare a causa delle sue piccole protuberanze rosse che sembrano punture di insetti o brufoli.

Le protuberanze appaiono per la prima volta sulla schiena, sul viso, sul cuoio capelluto e sull’addome. Possono poi diffondersi quasi ovunque, compresi bocca, naso, orecchie e genitali, ma si concentrano sul viso e sul torace.

Le protuberanze si sviluppano in bolle che si riempiono di liquido chiaro che si farà più torbido con il passare del tempo. Queste vescicole si rompono e si trasformano in piaghe aperte e quindi in croste marroni asciutte. Tutte le fasi delle lesioni possono essere presenti allo stesso tempo. La varicella dura in genere circa sette giorni nei bambini, ma diversi giorni in più negli adulti.

Chi è a rischio di varicella

Prima che il vaccino contro la varicella fosse disponibile, i bambini di età inferiore ai 15 anni erano particolarmente a rischio, ma chiunque poteva essere infettato.

La varicella è solitamente una malattia lieve, ma possono verificarsi complicazioni, come la polmonite virale, l’infiammazione del cervello (encefalite) e, più comunemente, un’infezione batterica della pelle. Chiunque sviluppa la varicella da bambino è a rischio che si presenti l’herpes zoster in seguito nella vita.

Misure difensive contro la varicella

La varicella è molto contagiosa, ma l’immunizzazione con il vaccino contro la varicella è un’arma efficace. Oltre a ciò, evita il contatto con chiunque abbia la varicella. Se il contatto è inevitabile, lava le mani e disinfetta le superfici, in particolare quando si tratta di vesciche piene di liquido.

Il vaccino della varicella è somministrato dal 1995 ed è una delle vaccinazioni di routine fatte ai bambini di età compresa tra 12 mesi e 18 mesi di età.

Il vaccino è efficace per oltre il 95% nella prevenzione della forma più grave del virus, ed è efficace dall’80 al 90% per prevenire forme più lievi dell’infezione. I bambini che sviluppano la varicella dopo essere stati vaccinati avranno a che fare con una forma più debole della malattia.

I bambini più grandi e gli adolescenti che non hanno ricevuto il vaccino, e che non hanno avuto la varicella, devono essere sottoposti al vaccino. Tuttavia, invece di una singola dose di vaccino, gli adolescenti di età pari o superiore a 12 anni richiedono due dosi a distanza di almeno quattro settimane.



Periodo della varicella

È anche importante guardare il calendario. La varicella si verifica più spesso a fine inverno e all’inizio della primavera. Una persona infetta è contagiosa due giorni prima che compaia l’eruzione cutanea e fino a quando tutte le vescicole non hanno formato le croste. Un bambino con la varicella non deve essere portato a scuola o in asilo fino a quando tutte le vescicole si sono asciugate, che solitamente avviene in circa una settimana.

Le donne incinte dovrebbero evitare di avere contatti con una persona afflitta dalla varicella. Se una donna incinta non immune contrae la malattia, il suo bambino ha un lieve rischio di avere difetti alla nascita e la madre ha un rischio maggiore di sviluppare complicazioni gravi, come la polmonite da varicella.

I neonati nati da donne che sviluppano la varicella, subito prima o subito dopo il parto possono sviluppare varicella potenzialmente letale. Questi bambini possono ottenere una certa protezione dalla immunoglobulina anti-varicella/zoster (VZIG). La VZIG può anche essere somministrata a bambini ad alto rischio, come quelli con leucemia o quelli che assumono farmaci immunosoppressori.

Non somministrare mai l’aspirina a un bambino con varicella, a causa del rischio di sindrome di Reye, una malattia rara ma potenzialmente mortale.

I bambini sani che hanno avuto la varicella non hanno bisogno di essere vaccinati, di solito sono immuni alla malattia per tutta la vita.

Vaccino per la difterite

I primi segni di difterite sono molto simili ad un mal di gola, che possono passare inosservati. I bambini di solito fanno il vaccino contro la difterite come parte di una immunizzazione per difterite/tetano/pertosse – DTP o DTaP. Senza questa vaccinazione, un bambino che sviluppa la difterite può presentare sintomi come problemi respiratori, visione sdoppiata, problemi del ritmo cardiaco.

Cos’è la difterite

La difterite è causata da un’infezione con il batterio Corynebacterium diphtheriae, che si diffonde facilmente e velocemente. Colpisce principalmente il naso e la gola. Nelle sue fasi iniziali, le persone potrebbero confondere la difterite con un grave mal di gola accompagnato da una febbriciattola e dalle ghiandole del collo gonfie.

Il batterio C. diphtheriae crea una tossina che può portare a uno strato spesso nel naso, nella gola o nelle vie respiratorie. Questo strato è facile da individuare a causa del suo insolito colore grigio o nero. La tossina colpisce la gola e il collo, così come il cuore e il sistema nervoso e può causare:

  • Un collo gonfio (il “collo del toro”)
  • Problemi respiratori e difficoltà di deglutizione
  • Biascicamento
  • Visione sdoppiata
  • Disturbi del ritmo cardiaco
  • Shock (battito cardiaco accelerato e pelle umida, fredda e pallida)

Anche con una cura adeguata, la difterite uccide circa il 10% di coloro che la contraggono. Il trattamento con antibiotici e antitossine avviene spesso in un ospedale e può essere necessario un respiratore per facilitare la respirazione.

Chi colpisce la difterite

I bambini di età pari o inferiore a 5 anni sono particolarmente a rischio di contrarre la difterite con gravi complicanze. I bambini che sono malnutriti, che vivono in condizioni affollate o malsane o che non sono stati immunizzati, hanno un rischio superiore.

Misure difensive contro la difterite

Prevenire la difterite significa immunizzare il bambino con il vaccino contro la difterite/tetano/pertosse (DTP o DTaP). La maggior parte dei casi di difterite si verificano in persone che non hanno fatto il vaccino o che non ne hanno ricevuto l’intero ciclo. La malattia viene raramente diagnosticata negli Stati Uniti, ma si verifica più frequentemente nei paesi in via di sviluppo.

Il vaccino DTP o DTaP viene somministrato a 2, 4 e 6 mesi di età, con un richiamo somministrato a 12-18 mesi di età e un altro quando il bambino ha tra i 4 e i 6 anni. Le iniezioni di richiamo devono essere somministrate ogni dieci anni dopo i 6 anni, per mantenere la protezione. La quantità di tossoide difterico (tossina inattivata) nel vaccino per adulti (vaccino Td) è inferiore.

Coloro infetti da C. diphtheriae possono trasmetterlo ad altri, per un massimo di quattro settimane, anche se non hanno alcun sintomo. La difterite è una malattia altamente contagiosa, quindi chiunque l’abbia deve restare isolato per impedirne la diffusione.

Poiché la difterite è facilmente contratta attraverso lo starnuto, la tosse, la risata o anche la condivisione di un bicchiere o un giocattolo, è importante rimanere vigili sul lavaggio delle mani, specialmente quando i bambini condividono le cose. È essenziale disinfettare superfici, utensili e altri oggetti con acqua calda e sapone o detergenti a base di candeggina.

Se non sei sicuro che il tuo bambino sia stato vaccinato contro la difterite, parla con il tuo medico. Dovresti anche essere sicuro che le tue vaccinazioni di richiamo siano state fatte. Studi internazionali hanno dimostrato che una percentuale significativa di adulti di età superiore ai 40 anni, non è adeguatamente protetta contro la difterite.

Vaccino per la rosolia

La rosolia, o il morbillo tedesco, è particolarmente rischiosa per i bambini di età compresa tra 5 e 9 anni e per le donne incinte e i loro bambini non ancora nati. La rosolia, o il morbillo tedesco, è anche nota come “tre giorni di morbillo” perché la durata di questa malattia è generalmente piuttosto breve. Non lasciarti ingannare, comunque. Far sì che il tuo bambino sia immunizzato per la rosolia è importante. Questo vaccino viene tipicamente somministrato sotto forma di immunizzazione del morbillo/parotite/rosolia (MMR).

In cosa consiste la rosolia

Il morbillo tedesco è causato dal virus della rosolia, che si diffonde facilmente attraverso la tosse e gli starnuti, ma la malattia è generalmente lieve.

I sintomi comprendono eruzione cutanea rossa, mal di testa, perdita di appetito, lieve congiuntivite (infiammazione del rivestimento delle palpebre), linfonodi ingrossati (soprattutto davanti l’orecchio), dolori articolari e gonfiore e naso chiuso o che cola, ma molte persone infette non manifestano sintomi.

Il virus della rosolia può passare attraverso il flusso sanguigno di una donna incinta al suo bambino in via di sviluppo. Quando ciò accade, in particolare nelle prime fasi della gravidanza, il virus della rosolia può causare ritardo mentale, sordità, cataratta e altri difetti congeniti che sono noti collettivamente come sindrome da rosolia congenita (CRS).

Un bambino che ha la CRS può diffondere il virus con i fluidi corporei per un anno o più, e può trasmettere il virus a persone che non sono state immunizzate. Grazie alla vaccinazione, i casi di morbillo tedesco e CRS negli Stati Uniti sono rari.

Chi è a rischio per la rosolia

I bambini di età compresa tra 5 e 9 anni che non sono stati immunizzati sono a rischio, così come lo sono i bambini in via di sviluppo di donne incinte infette. I giovani non immunizzati sono anche in pericolo di contrarre il morbillo tedesco.

Misure difensive contro la rosolia

La rosolia è prevenibile con la vaccinazione. Se stai pianificando una gravidanza, assicurati che le tue vaccinazioni siano attuali. Se sei già o potresti essere incinta, dovrai aspettare fino a quando il bambino non sarà stato partorito prima di fare la vaccinazione (devi proteggerti dall’incorrere in una gravidanza per almeno quattro settimane dopo essere stato vaccinato). Dovresti anche evitare il contatto con chiunque sia stato infettato dal virus della rosolia, ma poiché le persone infette non mostrano sempre sintomi, questo può essere difficile.

Il vaccino contro la rosolia viene solitamente somministrato ai bambini di età compresa tra 12 e 15 mesi come parte dell’immunizzazione del morbillo/parotite/rosolia (MMR). Una seconda dose viene somministrata dai 4 ai 6 anni di età. Il vaccino antinfluenzale è raccomandato per i bambini di età inferiore ai 5 anni, in particolare per quelli di età compresa tra 3 mesi e 2 anni.

Vaccino antinfluenzale

Grazie ad una vaccinazione, oggi sono riportati pochi casi di H. influenzae. È solo l’influenza … quanto grave può essere, giusto? Sbagliato! C’è un ceppo dell’influenza che è particolarmente pericolosa per i bambini piccoli. Per fortuna, oggi esiste un vaccino per proteggerli da questa infezione. Vediamo in cosa consiste.

L’influenza

L’H. influenzae è causata dal batterio Haemophilus influenzae di tipo b (Hib), che si diffonde attraverso fluido proveniente dalla gola o dal naso di una persona infetta. Il contagio può avvenire tossendo, starnutendo o parlando a distanza ravvicinata. Sebbene inizialmente si pensasse che fosse la causa dell’influenza, la malattia Hib non è correlata a nessuna forma di virus dell’influenza.

L’H. influenzae può causare meningite batterica, un’infezione cerebrale potenzialmente fatale, o altre gravi, spesso mortali, infezioni nei bambini. Tuttavia, con lo sviluppo e l’utilizzo diffuso di vaccini contro l’Hib, pochi casi vengono ora diagnosticati nel mondo. Anche una persona che non ha sintomi può diffondere l’infezione.

Oltre alla meningite, l’H. influenzae può causare polmonite, epiglottite (grave gonfiore sopra la laringe che rende difficile la respirazione) e infezioni del sangue, delle articolazioni, delle ossa e del pericardio (la copertura del cuore). Nei bambini, le infezioni meno gravi possono includere, ma non sono limitate a, infezioni dell’orecchio medio, congiuntivite e infezione sinusale.

Chi coplisce

Senza vaccinazione, i bambini di 5 anni e più giovani sono a rischio. L’H. influenzae si verifica più spesso nei bambini di età compresa tra 3 mesi e 2 anni. Man mano che i bambini crescono, è meno probabile che sviluppino la malattia: pochi casi si verificano dopo i 5 anni.

Come difendersi dall’influenza

La prevenzione più efficace è il vaccino anti H. influenzae (Hib). Deve essere somministrato al bambino a 2 mesi di età, 4 mesi di età, 6 mesi di età (a seconda del tipo di vaccino) e da 12 a 15 mesi di età (assicurati di chiedere quale programma vaccinale dovrebbe seguire tuo figlio). Dovresti anche evitare il contatto con bambini infetti da H. influenzae.

Se il bambino è esposto all’infezione, può assumere rifampicina (Rifadin, Rimactane), un antibiotico attivo contro il virus dell’H. influenzae.

Vaccino per il morbillo

Il morbillo è causato da un virus, quindi gli antibiotici non sono efficaci contro di esso. Per essere sicuro di proteggere il tuo bambino dal morbillo, è importante farlo vaccinare. Il morbillo è un’infezione virale che colpisce il sistema respiratorio. Inizia con sintomi simili al comune raffreddore, ma questa malattia può effettivamente essere fatale. Scopri come proteggere te stesso e la tua famiglia dal morbillo.

Il morbillo

Un virus altamente contagioso è la causa del morbillo, o Rubeola. L’infezione si diffonde attraverso le goccioline trasportate dall’aria quando qualcuno che è infetto dal virus starnutisce o tossisce.

Il morbillo è un’infezione alle vie respiratorie che può avere conseguenze mortali. I primi sintomi della malattia imitano il comune raffreddore: naso che cola, tosse secca e occhi rossi e lacrimosi. Tuttavia, il morbillo provoca anche una febbre e un’eruzione cutanea di macchie rosse o brunastre che iniziano in fronte e si diffondono verso il basso ricoprendo il corpo. Le macchie di Koplik, che sono piccole macchie rosse con punti pianti al centro che appaiono all’interno della bocca, indicano anche la presenza di morbillo.

Poiché un virus causa il morbillo, gli antibiotici non sono efficaci. Il virus deve seguire il suo corso, che richiede circa due settimane.

Le complicanze del morbillo possono includere l’infezione cerebrale e la polmonite. Tuttavia, questi problemi si verificano più comunemente in persone denutrite o immunodeficienti.

Chi è a rischio di morbillo

I bambini che non sono stati immunizzati contro il morbillo sono a maggior rischio. La possibilità che tuo figlio contragga il morbillo è molto bassa se è stato adeguatamente vaccinato.

Misure difensive contro il morbillo

Attenersi al programma di vaccinazione raccomandato dal medico o dallo Stato, per avere una migliore protezione contro il morbillo. Il vaccino del virus del morbillo (l’unico tipo attualmente disponibile) fa parte delle vaccinazioni MMR di routine che vengono somministrate a 12-15 mesi di età e da 4 a 6 anni di età.

I neonati sono in genere protetti dal morbillo per sei-otto mesi dopo la nascita, grazie all’immunità trasmessa dalla madre. Tuttavia, se vi è un’epidemia di morbillo o se dovessi portare il tuo bambino in una zona del mondo in cui il morbillo è ancora presente, il vaccino potrebbe essere somministrato a 9 mesi di età, ma questo vaccino dovrebbe essere poi seguito dalle vaccinazioni MMR programmate, quando il bambino ha 12-15 mesi e 4-6 anni.

Se qualcuno nella tua famiglia ha morbillo, è probabile che anche il tuo bambino non vaccinato possa contrarlo. L’isolamento è la chiave per la prevenzione in questi casi, come raccomanda il vostro medico. Nella maggior parte dei casi, voi o il vostro bambino potete prendere paracetamolo o farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS) per trattare la febbre che accompagna il morbillo, ma i bambini non dovrebbero assumere l’aspirina a causa del rischio di sindrome di Reye.

I bambini possono facilmente diffondere la parotite agli altri bambini attraverso il quotidiano gioco. Ecco perché è così importante vaccinarsi.

Vaccino per la parotite

La parotite inizia con sintomi influenzali, tra cui febbre alta e mal di testa, ma progredisce causando gonfiore nelle ghiandole parotidi, che si trovano sul retro di ogni guancia. Sebbene la parotite non sia potenzialmente dannosa come altre infezioni tipo il morbillo, può essere pericolosa, specialmente se il gonfiore causato dal virus raggiunge il cervello o altri organi.

La parotite, cos’è

La parotite è causata da un virus che si diffonde attraverso i fluidi del naso e della bocca, in particolare tramite starnuti, tosse o risate. I bambini possono facilmente trasmettere la parotite quando condividono oggetti come giocattoli, tazze e pastelli.

La parotite colpisce principalmente le ghiandole parotidi produttrici di saliva. Queste si trovano nella parte posteriore di ogni guancia tra l’orecchio e la mascella, e almeno un lato si gonfierà notevolmente a causa della parotite. Ingerire, parlare, masticare o bere bevande acide (come il succo d’arancia) può essere doloroso.

La parotite inizia con febbre alta, mal di testa e perdita di appetito. Ci vuole una settimana perché il gonfiore delle guance diminuisca, e in totale da 10 a 12 giorni per guarire completamente. In rari casi, la parotite può portare a gonfiore del cervello o di altri organi. I ragazzi adolescenti e gli uomini adulti possono anche sviluppare un’infiammazione dei testicoli noti come orchite (tuttavia, la sterilità è rara, perché solitamente viene coinvolto solo un testicolo).

Poiché la parotite è un’infezione virale, gli antibiotici non hanno alcun effetto, quindi devi solo gestire il dolore e lasciare che il virus si risolva da solo.

Chi è a rischio per la parotite

La maggior parte dei casi di parotite si verifica nei bambini di età compresa tra i 5 ei 14 anni, ma il numero di giovani adulti infetti è aumentato lentamente negli ultimi 20 anni. I bambini di età pari o inferiore a 12 anni di solito non sono infetti.

Misure difensive contro la parotite

Il modo migliore per prevenire la parotite è essere immunizzato. È possibile fare il vaccino contro la parotite da solo o, più comunemente, come parte dell’immunizzazione MMR.

Come molte infezioni virali, la parotite si diffonde facilmente da persona a persona, soprattutto tra i bambini. Mantieni sano il tuo bambino così:

  • Insegnagli la buona abitudine di lavarsi le mani.
  • Scegli un assistente all’infanzia con pratiche igienico-sanitarie esemplari. Le domande da porre includono: I bambini sono autorizzati a condividere giocattoli senza un processo di disinfezione? I giochi vengono igienizzati con detergenti antimicrobici?
  • Comprendendo le politiche del “bambino malato” nell’asilo nido o nella scuola di tuo figlio. Avere la febbre alta significa che un bambino non può partecipare? In caso contrario, forse dovrebbe.

Tuttavia, poiché la parotite è contagiosa due giorni prima che i sintomi inizino, e poiché la parotite può essere diffusa da persone infette ma che non mostrano sintomi, il vaccino è ancora la migliore difesa.

Vaccino per la poliomielite

Anche se non c’è stata un’epidemia di polio dagli anni ’50, è importante avere tutti i dati sulla questa malattia e assicurarsi di vaccinare i vostri bambini. Prima che il vaccino antipolio fosse introdotto nel 1955, la poliomielite era una malattia spaventosa che ha lasciato alcuni bambini piccoli paralizzati. Grazie al vaccino, ci sono pochi o nulli casi, segnalati negli Stati Uniti oggi, ma è ancora importante conoscere i segni di questa malattia e perché è così importante essere immunizzati.

Nozioni di base sulla polio

La polio è causata da un virus che entra nel corpo attraverso la bocca, di solito dalle mani contaminate con le feci di una persona infetta. Gli oggetti toccati da mani contaminate, come utensili da cucina, possono anche diffondere il virus. Esistono tre tipi di poliovirus, quindi una persona potrebbe essere infettata tre volte.

In circa il 95% dei casi, la poliomielite non produce alcun sintomo. Nel 4-8% dei casi in cui vi sono sintomi (poliomielite sintomatica). La malattia si manifesta in tre forme:

  • Abortiva, è limitata ai sintomi influenzali, come infezioni delle vie respiratorie superiori, febbre, mal di gola e una sensazione generale di malessere.
  • Non paralitica, è una forma più grave e produce sintomi di lieve meningite, come sensibilità alla luce e rigidità del collo.
  • Paralitica, è una forma grave e debilitante della malattia che si verifica in circa l’1-2% dei casi. Può provocare paralisi parziale o totale dei muscoli respiratori e delle estremità, rendendo necessario un supporto per la respirazione. Infatti, il “polmone d’acciaio” è stato sviluppato per le persone con polio paralitica.

Chi è a rischio per la polio

La polio è più comune nei neonati e nei bambini piccoli, ma gravi complicazioni si sono verificate più spesso negli adulti. Sebbene i casi di poliomielite oggi siano praticamente inesistenti negli Stati Uniti, la malattia è ancora un grosso problema in alcuni paesi in via di sviluppo.

Rimedi contro la poliomielite

Non c’è stata un’epidemia di polio negli Stati Uniti dagli anni ’50, ma il bisogno di protezione dal virus rimane. I due modi più efficaci per prevenire la polio sono:

  • La polio viene trasmessa principalmente attraverso l’ingestione di oggetti, direttamente o indirettamente, contaminati dalle feci. Non tutte le feci trasportano il virus, ma è una buona idea lavarsi le mani dopo aver usato il bagno, cambiando un pannolino o dopo essere entrato in contatto con materiali discutibili.
  • Il vaccino antipolio inattivato (IPV) utilizzato oggi negli Stati Uniti stimola il sistema immunitario a produrre anticorpi che combattono il virus della poliomielite se una persona entra in contatto con essa. Il Dr. Jonas Salk sviluppò il primo IPV nel 1955, e una versione potenziata arrivò nel 1988. Altre parti del mondo usano un vaccino antipolio orale (OPV) che fu sviluppato dal Dr. Albert Sabin nel 1961. L’OPV è basato su una forma del virus vivo, ma indebolito. L’OPV è più economico, non deve essere amministrato dagli operatori sanitari e, a differenza di IPV, è efficace nell’arrestare le epidemie del poliovirus “selvaggio” (quelle epidemie non correlate al vaccino). Tuttavia, in rare occasioni può causare la paralisi.

Negli Stati Uniti, è attualmente raccomandato che i bambini ricevano quattro dosi di IPV all’età compresa tra 2 mesi e 6 anni. I Centri per il controllo e prevenzione delle malattie e l’American Academy of Pediatrics raccomandano tre dosi di IPV equidistanti prima dell’età di 18 mesi, più un potenziamento IPV somministrato tra i 4 ei 6 anni, quando i bambini entrano a scuola.

Proteggiti contro il virus in altri paesi

Se hai intenzione di viaggiare al di fuori degli Stati Uniti, in particolare nei paesi in cui la poliomielite esiste ancora, assicurati che tu e la tua famiglia siate aggiornati sulle vaccinazioni complete contro la polio. Afghanistan, India, Nigeria e Pakistan hanno ancora la circolazione endemica della polio e il virus potrebbe essere introdotto in altri paesi. Se il virus della poliomielite dovesse verificarsi in un paese in cui non sono state vaccinate abbastanza persone, si diffonderebbe a macchia d’olio.

Vaccino per l’Herpes zoster

L’herpes zoster di solito si verifica nelle persone di età pari o superiore a 50 anni con un sistema immunitario indebolito. I sintomi dell’herpes zoster possono essere piuttosto dolorosi, quindi continua a leggere per scoprire come evitare questa infezione. L’herpes zoster è un’infezione spesso dolorosa causata dal virus varicella-zoster, lo stesso che contribuisce alla varicella. Questa malattia è più diffusa tra le persone di età pari o superiore a 50 anni che hanno il sistema immunitario indebolito.

Nozioni di base dell’herpes zoster

L’herpes zoster è causato dal virus varicella-zoster, lo stesso virus che provoca la varicella. Dopo un’infezione da varicella, il virus può rimanere dormiente nelle cellule nervose e successivamente riattivarsi, intaccare i nervi appena sotto la pelle e produrre un formicolio pruriginoso, prurito, doloroso e spesso simile a un eritema noto come fuoco di Sant’Antonio. Dal 10 al 20% degli adulti che hanno avuto la varicella da bambini, svilupperà l’herpes zoster.

L’herpes zoster è caratterizzato da bozzi rossi raggruppati che appaiono su un lato del corpo o del viso. Ci vogliono dai sette ai dieci giorni affinché il virus faccia il suo corso, durante il quale i pruriginosi bozzi dolorosi si trasformano in vesciche e croste. Potresti vedere cambiamenti nel colore della pelle quando le croste cadono.

In casi brutti di herpes zoster, questi cambiamenti di colore durano tutta la vita. Il dolore del fuoco di Sant’Antonio può durare da uno a tre mesi o più, una condizione chiamata nevralgia post-erpetica. Se l’herpes zoster si verifica nella zona degli occhi, può causare palpebre gonfie, arrossamento, dolore e può intaccare la vista – in rari casi, può causare seri problemi di vista.

L’herpes zoster non è contagioso, ma il varicella-zoster virus lo è, quindi uno infetto da herpes zoster può trasmettere la varicella, non l’herpes zoster, ad altri che non sono immuni dal virus.

Chi è a rischio per l’herpes zoster

Gli adulti di 50 anni e le persone con un sistema immunitario indebolito sono principalmente a rischio. L’herpes zoster è raro nei bambini e di solito assume una forma più lieve. Solo le persone che hanno avuto la varicella possono sviluppare l’herpes zoster.

Misure difensive contro l’herpes zoster

Nei bambini che hanno subito la vaccinazione contro la varicella, potrebbero verificarsi infezioni da varicella incorrenti, di solito piuttosto lievi. Osservazioni scientifiche di bambini vaccinati hanno scoperto che alcuni svilupperanno l’herpes zoster in un momento successivo della vita. Questo di solito è dovuto all’infezione silente con il virus e non al ceppo vaccinale indebolito.

Nel maggio 2006, la Food and Drug Administration ha approvato una nuova variante del vaccino contro la varicella che è stato progettato per prevenire l’herpes zoster o rendere più lievi gli episodi successivi di herpes zoster. Questa nuova e più potente versione del vaccino contro la varicella stimola l’immunità, ma è solo per gli adulti dai 60 anni in su.

Vaccini per il tetano

Il tetano può essere una condizione seria se non ci si vaccina. Molte persone pensano che si possa contrarre il tetano, o il trisma, solo calpestando un chiodo arrugginito, ma ci sono altri modi per contrarre questa malattia. Per questo motivo, è così importante farsi fare il vaccino contro il tetano e sapere quali segni cercare di questa malattia.

Nozioni di base sul tetano

Il tetano è causato da una tossina prodotta da un batterio chiamato Clostridium tetani. Le spore (cellule riproduttive) di C. tetani si trovano nel terreno e penetrano nel corpo attraverso una ferita cutanea. Una volta che le spore germinanti si sviluppano in batteri maturi, i batteri producono un tetanospasmina, una neurotossina (una proteina che agisce come un veleno per il sistema nervoso del corpo) che provoca spasmi muscolari.

Nel mondo sviluppato, il tetano è una malattia rara ma grave. Comincia spesso con spasmi muscolari alla mascella, chiamati trisma o “mascella bloccata”. Questi spasmi sono accompagnati da difficoltà di deglutizione e rigidità dolorosa nei muscoli del collo, delle spalle o della schiena. Questi spasmi possono diffondersi ai muscoli dell’addome, delle braccia e delle cosce. Se diagnosticato e trattato precocemente, il recupero è possibile ma richiede diverse settimane.

Tieni presente che calpestare un chiodo arrugginito non è l’unico modo per contrarre il tetano. Punture alla pelle da aghi non sterili, come quelli usati per tatuaggi o piercing, possono causare il tetano. Ricorda anche che, anche se lo strumento o la ferita sembra pulita, può comunque essere contaminata.

Un’altra forma di tetano, il tetano neonatale, si verifica nei neonati che vengono partoriti in condizioni non igieniche, soprattutto se il pezzo del cordone ombelicale viene contaminato. Questo è molto raro negli Stati Uniti.

Chi è a rischio per il tetano

Il tetano non può diffondersi da persona a persona – si verifica dopo che le spore batteriche che causano il tetano penetrano nel corpo. I bambini che non hanno ricevuto il programma completo dei vaccini DTP o DTaP e gli adulti che non hanno fatto un richiamo in dieci anni, sono a rischio. Anche i neonati nati da madri non vaccinate, in condizioni non igieniche, sono a rischio di contrarre il tetano.

Misure difensive contro il tetano

La prevenzione del tetano è relativamente semplice. In primo luogo, pulire tutte le ferite e rimuovere qualsiasi corpo estraneo o tessuto morto. I batteri del tetano sono rigorosamente anaerobi, cioè crescono solo in assenza di ossigeno, quindi una buona cura delle ferite è molto importante.

Tuttavia, poiché può essere difficile anche per i medici ripulire completamente una ferita da puntura, devi anche essere sicuro che il bambino riceva vaccinazioni antitetaniche di routine. Il vaccino DTP o DTaP viene somministrato a 2, 4 e 6 mesi di età, con un richiamo somministrato a 12-18 mesi e un altro quando il bambino ha un’età compresa tra 4 e 6 anni. Dopo di ciò, un richiamo di tetano e difterite (Td) è raccomandato tra gli 11 e i 12 anni, e quindi ogni dieci anni attraverso l’età adulta.

Se voi o il vostro bambino siete stati immunizzati in precedenza, ma vi siete feriti in modo da far aumentare il rischio di tetano (come calpestare un chiodo arrugginito o tagliarvi la mano con un coltello), un richiamo può essere necessario se sono passati diversi anni dall’ultimo. Questa iniezione è nota come profilassi post-esposizione del tetano.

Il tetano neonatale può essere prevenuto quando una donna incinta riceve vaccinazioni antitetaniche e partorisce il suo bambino in condizioni igieniche. Se sei incinta, dovresti discutere del tuo storico di vaccinazioni con il tuo ostetrico prima della data di scadenza.

Un’altra infezione batterica altamente contagiosa è la pertosse. Scopri come far vaccinare il tuo bambino per la pertosse.

Vaccino per la pertosse

I bambini al di sotto di un anno sono i più a rischio di pertosse. La pertosse fa sì che un bambino soffra di attacchi di tosse con una tosse distintiva che termina con un suono “acuto”. In genere colpisce bambini sotto 1 anno, ma anche altri sono predisposti se le loro vaccinazioni non vengono aggiornate.

Nozioni di base sulla pertosse

Il batterio Bordetella pertussius causa la pertosse. Questa infezione batterica dell’apparato respiratorio è caratterizzata da gravi attacchi di tosse che terminano con un suono “acuto” quando un bambino riprende fiato. Questi attacchi di tosse possono durare più di un minuto e far sì che un bambino diventi viola o rosso e talvolta vomiti. Negli episodi gravi, il bambino può soffrire di mancanza di ossigeno al cervello.

Chi è a rischio per la pertosse

La pertosse è altamente contagiosa. Può verificarsi a qualsiasi età, ma è più grave prima che i bambini raggiungano il loro primo compleanno, perché non sono ancora adeguatamente protetti dalle vaccinazioni. L’immunità fornita dai vaccini della prima infanzia e dal richiamo, spesso diminuisce lasciando gli adolescenti e gli adulti sensibili. Quando queste persone hanno la pertosse, di solito hanno una tosse secca, non convulsa.

Misure difensive contro la pertosse

La pertosse può essere prevenuta con il vaccino antipertosse, che fa parte del tiro DTP o DTaP. Per fornire un’ulteriore protezione nel caso in cui l’immunità svanisca, l’American Academy of Pediatrics ora raccomanda un’iniezione di richiamo del vaccino combinato più recente (chiamato Tdap) per quelli di età compresa tra gli 11 e i 18 anni anziché ripetere il Td somministrato abitualmente in questa fascia d’età.

Il vecchio vaccino DTP conteneva, batteri interi e comunemente causava febbre, dolore e arrossamento nel punto di vaccinazione. Ora, viene utilizzato un vaccino senza cellule, che utilizza tossine inattivate (toxoidi). È più tollerato, anche se non produce immunità che dura più a lungo del prodotto più vecchio.

Se qualcuno nella tua famiglia ha la pertosse, ogni membro della tua famiglia potrebbe dover prendere antibiotici. I bambini piccoli che non hanno fatto tutte e cinque le dosi del vaccino, possono richiedere una dose di richiamo immediata se esposti a un membro della famiglia infetto.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche