Il viaggio di Bridget con l’anoressia

L'anoressia, come qualsiasi malattia può portare ad avere un'immagine negativa di se stessi. Vi si può porre rimedio.

I disturbi alimentari, tra cui l’anoressia, sono un problema ancora troppo diffuso, soprattutto nei Paesi occidentali in cui la magrezza è considerata sinonimo di bellezza. Ma a soffrire di questa patologia non sono solo le giovanissime. Si pensa che l’anoressia sia un problema esclusivamente delle adolescenti e delle giovani donne che si preoccupano troppo del proprio aspetto estetico, ma non è così.

Ci sono anche casi di uomini anoressici, anche se in misura minore rispetto alle femmine. E anche donne ormai uscite dall’adolescenza possono dover fare i conti con questa malattia. Infatti, i disturbi alimentari nascono sempre da un profondo disagio psicologico, che può colpire a ogni età o può trascinarsi per decenni, ben oltre l’adolescenza. La storia di Bridget ne è un esempio.

Bridget, una vita con l’anoressia

Mi chiamo Bridget.

Sono una donna di 32 anni, sposata con tre figli, e ho l’anoressia nervosa.

Ho sofferto di questa malattia per circa 18 anni. Ha avuto inizio molto innocentemente e nel corso degli anni progressivamente è peggiorata.

Molto tempo fa, da ragazza, avevo un’immagine positiva di me stessa. Ci sono stati molti eventi nella mia vita che mi hanno portato a cambiare quell’immagine da positiva a negativa e da degna a indegna.

Non c’è un evento specifico a cui posso attribuire la causa principale della mia malattia. Diversi eventi hanno lasciato il segno:

  • Molestie all’età di 10 anni
  • Crescere sentendosi non amata
  • Gravidanza all’età di 16 anni
  • Un matrimonio infelice/difficile
  • Stupro.

Questa è solo una piccola lista. Sento che nella mia vita oscura, privata e suicida a causa dell’anoressia, tutti hanno svolto un ruolo di rilievo nel portare alla fine del “sé”.

Nel 1997, entravo e uscivo dagli uffici dei medici per una serie di sintomi diversi legati ai comportamenti causati da disturbi dell’alimentazione. Quando non mi si dava più quello di cui avevo bisogno per sentirmi a mio agio, o se menzionavano la mia perdita di peso, cambiavo medico.

La diagnosi

Il 2 novembre 1999, ho iniziato ad avere intorpidimento e formicolio sul lato sinistro del mio corpo. Le mie braccia e le mie gambe si stavano contraendo, e alla fine sono crollata. Sono stata ricoverata per ipopotassiemia (basso contenuto di potassio) e grave malnutrizione. È stato allora che mi è stata diagnosticata ufficialmente l’anoressia nervosa. Sono rimasta ricoverata in ospedale per 27 giorni mentre cercavano di stabilizzare la mia condizione.

Poi sono andata in una clinica per disturbi dell’alimentazione, in Arizona, dove per tre mesi sono stata sottoposta a terapia intensiva. Mentre ero lì le mie condizioni mediche migliorarono. Avevo guadagnato peso e mi sentivo bene fisicamente, ma al termine dal programma, ancora non mi sentivo bene emotivamente.

A metà del 2000, la mia malattia era di nuovo al suo culmine. Partecipavo a un programma con degenza periodica per combattere la depressione, a causa del mio desiderio di suicidarmi. La terapia ricevuta era in conseguenza allo stato del mio disturbo dell’alimentazione e della depressione.

Il gennaio successivo, il team era così preoccupato per la mia vita da indirizzarmi in una clinica a Laguna Beach, in California, specializzata in disturbi dell’alimentazione.

Il motivo per cui scrivo ora in merito, è perché voglio che altri come me, che lottano con l’anoressia nervosa o altre forme di autolesionismo, sappiano che c’è sempre speranza. Certamente non muore mai.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Trattare i disturbi dell’alimentazione

Pulizia con olio:secolare antidoto all’infertilità femminile

Leggi anche
  • mal testa prima cicloMal di testa forte prima del ciclo: i rimedi naturali

    Tra i rimedi naturali efficaci contro il mal di testa forte prima del ciclo ci sono la valeriana, la melissa e il salice bianco

  • placche alla golaPlacche in gola: rimedi naturali e sintomi

    Scopriamo quali sono i sintomi principali delle placche alla gola e impariamo a trattarle sfruttando i migliori rimedi naturali.

  • omega 3Integratori di omega 3: a cosa servono

    Gli integratori di omega 3 sono essenziali per tutti coloro che con la sola alimentazione non riescono ad introdurne quantità adeguate.

  • follicoliteFollicolite: cause e rimedi naturali

    Tra i rimedi naturali efficaci contro la follicolite vi sono il tea tree oil, l’olio di iperico e gli impacchi a base di aceto bianco.

Contents.media