Notizie.it logo

Trattare i disturbi dell’alimentazione

disturbi dell'alimentazione

I disturbi dell'alimentazione sono la causa di altri disturbi fisici ed emotivi e una conseguente cattiva qualità della vita. Come porvi rimedio.

La maggior parte delle donne non si rende conto di quanto siano dannosi i disturbi dell’alimentazione per la loro salute. Molti pensano che l’eccessiva magrezza sia normale e persino attraente. Oppure pensano che prendere purghe sia l’unico modo per evitare di ingrassare. Anche gli operatori sanitari a volte non riescono a riconoscere i segnali e ad intervenire.

Quando si perde una grande quantità di peso, spesso si viene ammirati. Le persone non riescono a rendersi conto che un disturbo alimentare potenzialmente grave può essere alla base della vostra perdita di peso. Inoltre, è facile confondere i disturbi alimentari con altri problemi emotivi. Anche se, ad esempio, le donne che soffrono di depressione possono perdere o aumentare di peso, ciò non le rende necessariamente anoressiche o non significa che stiano mangiando in eccesso.

A differenza di quelle con anoressia o bulimia, le donne che soffrono di depressione non hanno un’immagine distorta del corpo, un interesse ad essere magre o una compulsione ad eccedere.

Trattare i disturbi alimentari

I disturbi dell’alimentazione possono essere fatali. Per questo non bisogna aspettare troppo prima di affrontare il problema. Fortunatamente, il rischio di morte o di danno grave è diminuito con un trattamento tempestivo e aggressivo. Prima si riceve aiuto, maggiori saranno le possibilità di un completo recupero.

Tuttavia, il trattamento non è un compito facile. Quando un’anoressica arriva ad essere affamata, si sente meglio. Quando una persona che una fame insaziabile o chi spesso si abbuffa, eccede nel mangiare, si sente meno depresso. Il disturbo alimentare ha uno scopo. Diventa una specie di compagno.

È difficile lasciarlo andar via.

Non sorprende che le ricadute siano comuni e il successo spesso arriva solo dopo aver provato diversi approcci terapeutici. Un gruppo di terapia composto da dietologi, psicoterapeuti e medici può utilizzare congiuntamente una varietà di metodi di trattamento, tra cui:

  • consulenza psicologica o terapia cognitivo-comportamentale per aiutare a sostituire atteggiamenti negativi nei confronti del corpo con quelli più sani e più realistici;
  • valutazioni mediche per stabilizzarti fisicamente;
  • consulenza nutrizionale per insegnare buone abitudini alimentari;
  • farmaci come antidepressivi per affrontare problemi di salute emotiva;
  • terapia familiare per stabilire il sistema di supporto necessario a un pieno recupero.

Disturbi alimentari e depressione

A causa dell’elevata incidenza della depressione nelle donne con disturbi alimentari, in particolare la bulimia, l’operatore sanitario può raccomandare antidepressivi se non si risponde alla psicoterapia entro quattro o cinque mesi.

Uno studio di un anno ha determinato, tuttavia, che quando un antidepressivo veniva usato come unico trattamento senza terapia cognitivo-comportamentale, il tasso di successo era solo del 18%, quindi non esiste una “pillola magica” per far sparire il disturbo.

Gli antidepressivi più comuni prescritti per la bulimia includono imipramina (tofranil), desipramina (Norpramin) e fluoxetina (Prozac). Il Prozac è efficace a dosi più elevate (60 mg) ma a basse dosi (20 mg) ha un impatto minimo sul ciclo di mangiare in eccesso (binge) e spurgo. Alcuni studi utilizzano naltrexone o naloxone, farmaci che vengono usati contro la tossicodipendenza. I ricercatori sperano che tali farmaci ridurranno gli oppioidi naturali che potrebbero essere rilasciati durante le abbuffate.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.