Vitamina B12 bassa: le cause e come intervenire

In caso di vitamina B12 bassa si possono assumere degli integratori, oppure mangiare più carne, uova, latte, molluschi e tonno

La vitamina B12 è una delle vitamine più importanti per il nostro organismo. Per questo, in caso di vitamina B12 bassa, è importante capire subito quali sono le cause e come intervenire.

Vitamina B12 bassa: quali sono le cause?

La vitamina B12 è necessaria non solo per una normale funzione nervosa, ma anche per la sintesi del DNA e per la formazione e maturazione dei globuli rossi.

Una carenza di questa vitamina può essere causata da diversi fattori. Può esserci infatti un apporto insufficiente di vitamina B12, oppure l’organismo non assorbe o immagazzina sufficienti quantità della sostanza.

Un apporto insufficiente di vitamina B12 è tipico dei soggetti vegani che non assumono prodotti di origine animale e non assumono integratori della sostanza. Un assorbimento inadeguato, invece, si ha a causa della proliferazione di batteri nell’intestino tenue, di malattie infiammatorie o di malattie da malassorbimento.

Inoltre, chi soffre di disturbi epatici, non riesce ad immagazzinare quantità sufficienti di vitamina B12, dato che gran parte della sostanza viene immagazzinata nel fegato.

Vitamina B12 bassa: i sintomi

Avere la vitamina B12 bassa comporta dei sintomi specifici. Si può sviluppare anemia, vertigini, pallore, debolezza, affaticamento e battito cardiaco accelerato. Inoltre, una carenza della sostanza può causare una lesione nervosa, detta neuropatia, alterazione delle funzioni mentali e demenza, nonché perdita di sensibilità nelle gambe, nei piedi e nelle mani.

Vitamina B12 bassa: cosa fare?

In caso di dubbio, è sempre bene effettuare le analisi del sangue per avere la certezza di avere bassi livelli di vitamina B12.

Se si appura tale situazione, occorre intervenire quanto prima. Per alzare i livelli di vitamina B12, si possono assumere degli integratori della sostanza opportunamente prescritti dal medico.

Inoltre, si deve integrare la propria dieta mangiando cibi ricchi di vitamina B12, come molluschi, tonno, salmone, ostriche, latte, cereali arricchiti e uova.

Ancora, sono ottime a questo scopo le frattaglie, il fegato, la carne di manzo e di maiale.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Salvia per il viso: quali sono i benefici che si possono sfruttare

Mini condizionatori portatili: i modelli e il migliore dell’anno

Leggi anche
Contents.media