Amici immaginari: cosa sono e perché non bisogna preoccuparsi

Amici immaginari

Qualche tempo dopo il quarto compleanno di Ryan Pepin, un nuovo amico è entrato nella sua vita. “Robin era più alto e più forte di mio padre, poteva sollevare un frigorifero, metterlo sulla schiena e correre più veloce di lui mentre lo trasportava”, ricorda il trentacinquenne, residente a Forestville in California. “Mio padre era il mio eroe quando ero piccolo, quindi è stato divertente e sorprendente per i miei genitori che il mio amico potesse fare tutto meglio di lui. Apparentemente, la maggior parte delle mie conversazioni su Robin riguardava l’andare in bicicletta e come lui possedeva la bici verde più bella”.

Pepin, un bambino leggermente ansioso, è cresciuto in una grande famiglia circondato da numerosi cugini, zii, zie e due fratelli. Sua madre gestiva un asilo nido, perciò i bambini erano una presenza costante. “Penso che Robin probabilmente mi abbia aiutato a sentirmi speciale e unico e ha aumentato la fiducia in me stesso”, afferma Pepin.

“Sembrava essere l’espressione di tutto quello che pensavo fosse fantastico a quel tempo e potevo fare tutto quello che volevo essere in grado di fare”.

Ma all’età di cinque anni, il suo amico e il suo mentore erano scomparsi. I suoi ricordi del tempo trascorso insieme rimangono del tutto positivi. “Mi ricordo che Robin era una presenza reale e impressionante nella mia vita”, dice. “I miei genitori hanno confermato che mi sembrava in realtà di parlare con Robin e parlavo delle mie esperienze come se fossero reali”. Ma non lo erano. Robin, il ciclista che era trasportava frigoriferi, era – sorpresa? – frutto dell’immaginazione di Pepin.

Cos’è un amico immaginario?

Mentre può sembrare un concetto chiaro, formulare una definizione per “amico immaginario” può essere difficile. Per prima cosa, i bambini non sono esattamente conosciuti per essere i soggetti di ricerca più autentici.

“Parlare ad un bambino di un amico immaginario, non hai idea di cosa sta per succedere”, ha riferito Tracy Gleason, psicologa dello sviluppo presso il Wellesley College, a Science Friday.

“Ti diranno qualcosa e pensi ‘Ma di che cosa stanno parlando?’ Abbiamo chiesto: “hai un amico immaginario?” e penseranno, ‘Che grande idea!’ Quindi, diranno ‘Sì. Sì, io!’ E parleranno di qualche amico immaginario che stanno inventando proprio sul posto “.

In genere gli psicologi dividono la vasta categoria degli amici immaginari in due gruppi: amici invisibili e oggetti personificati. “È un compagno fittizio o irreale che in genere offre comfort o sostegno a un bambino”, afferma la dottoressa Sheryl Gonzalez Ziegler, fondatrice e amministratrice delegato di The Child & Family Therapy Center di Lowry a Denver. “Quando si tratta di un amico invisibile, in genere è più simile a:” Annie è mia amica e lei viene sempre con me e non puoi vederla, ma io posso “. Ci sono anche amici immaginari che sono oggetti personificati, quindi come un orsacchiotto. Il rapporto prende la forma di una cura più attenta, ma non può essere solo una bambola – può essere qualsiasi cosa “.

Ma anche queste categorizzazioni possono creare confusione.

Mentre alcuni esperti considerano solo gli amici invisibili come “immaginari”, altri sono convinti che, omettendo la varietà di oggetti tangibili , ci si affaccia su un importante segmento degli amici immaginari. Si pensi a Hobbes del fumetto “Calvin e Hobbes”. “Gli oggetti possono essere amici immaginari, anche perché il bambino assegna qualità animate ad un oggetto inanimato “dice Ziegler. “Credono che gli oggetti possano parlare o muoversi, per cui il termine” immaginario “può essere assegnato in questo caso”.

E questi oggetti non sono solo limitati a quelli trovati sugli scaffali del negozio di giocattoli. Gleason dice che una volta ha sentito parlare di un bambino che ha stretto amicizia con un barattolo di pasta al pomodoro, ad esempio.

Ma Robin Walker, terapista familiare presso la Valley Child Therapy a Woodland Hills, in California, afferma che la maggior parte dei bambini costruiscono un’amicizia immaginaria per aiutarli a relazionarsi con gli altri. ” Uno psicologo di nome Donald Winnicott ha sviluppato l’idea di” spazio transizionale “, spiega.

“Winnicott ha affermato che l’esistenza si basa su come ci rapportiamo con gli altri – altri che nella nostra vita sono la nostra forza stimolatrice primaria”.

Il problema, spiega Walker, è che è impossibile essere veramente a livello di qualcun altro e relazionarsi con loro completamente. “Il modo migliore per farlo è attraverso gli oggetti transitori o lo spazio transitorio”, dice. “È il divario tra noi su cui non possiamo mai costruire un ponte. Possiamo entrambi relazionarci con esso, e quindi con gli altri “.

Sulla base della teoria di Winnicott, Walker sostiene che un oggetto come un orsacchiotto o, ancora meglio, un barattolo di pasta al pomodoro, può fornire una connessione significativa tra due persone – o tra i bambini e il mondo. In alcuni casi, gli oggetti transitori possono anche agire come sostituti temporanei di figure importanti. “Possono creare qualcosa che prende il posto della madre o del padre se non c’è, o se [il bambino] sente la solitudine, può sempre avere l’oggetto ed è come avere mamma o papà”, afferma Walker.

Gli amici immaginari nel tempo

Storicamente, gli amici immaginari non godevano di buona fama. Prima degli anni ’90, la maggior parte degli psicologi considerava gli amici immaginari come segni di problemi significativi. “Pensavano che questi bambini erano strani”, afferma la dottoressa Marjorie Taylor, capo dell’Immagination Research Lab presso l’Università dell’Oregon, a The Globe and Mail. “Forse intelligenti, ma socialmente turbati, timidi e altro. Ma tutto ciò è completamente sbagliato“.

Ulteriori indagini hanno fornito una maggiore visione della vera natura dei bambini fantasiosi, e i risultati erano spesso molto diversi dalle ipotesi iniziali degli esperti. “I ricercatori hanno studiato lo sviluppo cognitivo e sociale nei bambini e hanno scoperto che oltre il 50 % dei bambini ha avuto un amico immaginario e in realtà si trattava principalmente di bambini socievoli, empatici e luminosi” dice Ziegler. “Sono in corso delle ricerche che cominciano a sfatare il mito di una malattia psichiatrica. Piuttosto si tratta di una parte abbastanza normale dello sviluppo del bambino”.

Mentre la ricerca fa progressi, è chiaro che la rappresentazione nella cultura popolare di amicizie immaginarie che trasmettono l’immagine di bambini e adulti instabili che sfuggono dalla realtà attraverso la fantasia (vedi “Donnie Darko”, “Drop Dead Fred”, “Fight Club” ecc.) è solo una creazione di Hollywood basata su una scienza obsoleta. I bambini che creano compagni immaginari amano veramente il gioco di fingere, la fantasia e sono anche molto socievoli.

Gli amici immaginari sono segno di problemi in vista?

Secondo il terapista familiare Walker, solo avere un amico immaginario non è sufficiente per suggerire qualcosa sullo stato mentale di un bambino. “Bisogna esaminare tutto il bambino per determinare se sta bene o meno“, afferma. “Quindi, la loro vita sociale diventa un barometro per il benessere emotivo del bambino. Se hanno un amico immaginario, ma hanno anche una vita sociale sviluppata, allora probabilmente non c’è niente da preoccuparsi. Dobbiamo essere creature sociali, siamo stati creati per questo. ”

Pepin dice che il tempo trascorso con il suo amico immaginario Robin completava solo una vita sociale altrimenti piena e attiva. “I miei genitori descrivono il mio rapporto con Robin come un aspetto divertente della mia immaginazione”, spiega, “ma non era attorno tutto il tempo e non sembrava ricoprire un ruolo centrale nella mia infanzia”. I genitori di Pepin lo descrivono anche come impegnato, con molte attività e interazioni con altri bambini e familiari. A lui è capitato solo di avere un amico immaginario.

L’esperienza di Pepin è tipica dei bambini con amici immaginari, così come il suo rapporto di breve durata con Robin. “I bambini quasi sempre lo superano“, sostiene Walker. “Non significa che stanno sempre lì, è un momento nel tempo. Non diresti mai che una conversazione con un figlio cattivo è parte del loro carattere e ci si deve allontanare per questo; è ridicolo. La conversazione fa parte del tutto “.

Ma mentre gli amici immaginari sono presenti, i loro creatori in realtà sanno che sono immaginari? “Questa è la domanda sbagliata da porre; è un adulto che fa una domanda ad un bambino che non comprende“, afferma Walker. “Se chiedi ad un bambino di tre anni,” Sai che si tratta di un amico immaginario? ” non lo registreranno nemmeno. È tipo come chiedere: “Un pesce vede l’acqua?”

Sono un fatto culturale o universale?

La Ziegler di Denver ha un’idea leggermente diversa, ma concorda sul fatto che l’aspetto immaginario di queste amicizie non toglie nulla al loro significato. “Noi pensiamo che anche fin dall’età di 3 o 4 anni, i bambini sanno che è fingere“, afferma. “Tuttavia, ciò non rende il conforto che essi hanno in loro”. Dice che alcune persone considerano gli amici immaginari una cosa culturale. “Nella nostra cultura, abbiamo Babbo Natale o il coniglietto di Pasqua o i Leprecauni per il giorno di San Patrizio. Sappiamo che queste cose non sono reali, ma non li rende meno magici perché sono una parte importante della tradizione. ”

Trentenne, residente a San Francisco, Emilia Varshavsky Shapiro, ha bei ricordi dei suoi amici immaginari Mary-Anne e Michelle, che si sono presentati durante i suoi anni di scuola elementare. Anche se la famiglia di Shapiro, immigrata negli Stati Uniti dalla Russia quando aveva 4 anni e mezzo, non crede che lo shock culturale abbia giocato un ruolo nello sviluppo delle sue amicizie fantastiche. “Non credo che essere immigrata abbia avuto un impatto su questo”, dice Shapiro. “Penso che gli amici immaginari siano una cosa del “bambino “in ogni cultura e credo ancora di più per i bambini americani che per quelli russi a causa della data enfasi sulla creatività quando sei piccolo”.

Shapiro ha ragione: gli amici immaginari sono universali. “Se seguite i bambini fino all’età di 7 anni, probabilmente accade dal 60 al 65% , e se includi solo amici invisibili, è più simile al 38 per cento”, afferma Taylor sui bambini americani. Risultati simili sono stati osservati in una serie di gruppi etnici, ma i numeri sono difficili da raggiungere. Ancora, gli esperti sono abbastanza sicuri che gli amici immaginari sono là fuori in ogni parte del mondo.

“In questo paese, studiamo i bambini in modo diverso rispetto ad altri luoghi”, dice Ziegler. “A volte si pensa che sia una cosa del bambino americano e non credo che sia altrettanto alto in altri paesi. Ma il mio pensiero è questo: i bambini sono bambini. Il nostro ambiente e la cultura plasmano il nostro punto di vista, ma non credo che la cultura incoraggi gli amici immaginari in alcun modo. Intuisco che probabilmente i tassi sono uguali ovunque nel mondo”.

Sono segno di qualcosa di grandioso?

Shapiro ha ragione su un’altra cosa: la creatività svolge un ruolo importante nelle amicizie immaginarie e può essere effettivamente uno dei vantaggi più importanti. Ziegler è d’accordo e dice che avere la capacità di ‘creare’ un amico e agire nei vari scenari può significare uno sviluppo e una crescita sana nei bambini.

“Alcuni dati mostrano che i bambini con amici immaginari sono più impegnati, più creativi e anche in genere trascorrono meno tempo davanti alla TV e schermi”, dice. “La noia è una parte importante dell’intelletto e dello sviluppo del bambino perché i ragazzi cominciano ad avvicinarsi alle cose”. Quindi, sostiene che la noia consente loro di fare le cose piacevoli. Come creare persone fidate e amici. “Mi piace sottolineare questo ai genitori: non pianificate tutto il loro tempo e non metteteli davanti ad uno schermo”, spiega Ziegler. “Se sono annoiati, incoraggiateli a trovare qualcosa da fare”.

Oltre a migliorare la capacità creativa di un bambino, un amico fidato può anche fornire uno spazio sicuro per l’esplorazione e lo sviluppo in altre aree critiche come l’empatia. “L’empatia è la capacità di immaginare ciò che un’altra persona sente o sentire ciò che un’altra persona sente”, afferma Walker. “Quindi, avere un amico immaginario può permettere ad un bambino di esercitare la propria capacità di sentire quello che qualcun altro sente”. I bambini senza fantasie creative spesso non dispongono di questa capacità, che è fondamentale per essere compassionevole e empatico.

E mentre gli amici immaginari sono utili per lo sviluppo di questi importanti aspetti emotivi e intellettuali, possono anche essere davvero divertenti. “Sono un terapeuta di gioco certificato e per noi è un tipo di gioco”, afferma Ziegler. “Potrei iniziare ad avere preoccupazioni se il gioco immaginario entra in contatto con amici e connessioni reali: è una bandiera rossa, ma se la maggior parte dei bambini gioca con gli amici immaginari nelle loro stanze o li porta in viaggio ma è ancora abbastanza impegnati, è tutto OK. ”

Walker è d’accordo: giocare è importante. “Un esempio semplice è guardare giocare i branchi di lupi o cuccioli “, spiega. “È un modo per loro per imparare a cacciare, socializzare e vivere bene in un branco. È tutto un gioco quando sono molto giovani. Lo stesso vale per i bambini. Non impari a socializzare a 10 o 12 anni.Sse lo fai, impari a memoria quello che puoi fare, ma non è un apprendimento poco efficiente perché sei in un campo da gioco e tu hai capito come si fa. È parte di questo “.

Le amicizie immaginarie nell’età adulta

La domanda che molti adulti si fanno sugli amici immaginari è:” Quando le cose diventano strane?

“Da quello che so, 7 è circa l’età in cui l’amico immaginario scompare o diventa una parte reale della vita del bambino”, dice Ziegler. “Si tratta dell’età in cui i genitori iniziano a dire,” Mio figlio è in prima elementare ora “, e cominciano ad essere preoccupati“.
Quindi, che cosa succede se l’amico immaginario rimane dopo il settimo compleanno di un bambino? Oppure si presenta molto, molto più tardi?

Questo era il caso di Anne Hoffman, 31enne. Non ha avuto nessun amico immaginario da bambina, ma lei e il suo fidanzato attualmente badano a diversi animali di peluche che ricoprono ruoli piuttosto attivi nella loro vita quotidiana. “Ne abbiamo cinque”, dice la residente a Philadelphia. “Abbiamo cominciato con due – un piccolo topo e un piccolo cucciolo. Mi sono trasferita con il mio ragazzo dopo due anni di relazione a distanza. Una volta che vivevamo insieme, c’era calore e tenerezza e ho iniziato a sentire vibrazioni forti per il topo. ”

Una giornalista radiofonica, Hoffman, cominciava ad essere famoso per la sua voce, ed era solo una questione di tempo prima che Mousey (altrimenti noto come Ms. Mouse) nasca. Cubby L’orso è venuto poco dopo, seguito da diversi altri peluche. “La mia convinzione personale è che il topo e il cucciolo sono i nostri bambini interiori“, dice. “Non ho avuto un’infanzia facile e parte di me è stata probabilmente messa a tacere o ha detto:” Hey, metti via tutto, dobbiamo essere adulti adesso”. Penso che sia fantastico perché è come una connessione istantanea al tuo bambino interiore, a cui è veramente difficile da adulti accedere. Quando sto attraversando un momento difficile, chiedo: “Come sta il topo?” e controllo. Ci sono modi in cui posso esprimere una paura attraverso il topo che non posso come adulto “.

Dal punto di vista di Walker, il mondo immaginario di Hoffman può essere una manifestazione della teoria di Winnicott. “Per lei e per il suo partner, questo è l’oggetto transitorio”, dice di Mousey, Cubby e compagnia. “Hanno questa cosa a cui possono parlare, a distanza o no”.

Mentre pochi adulti possono avere la capacità creativa di Hoffman (o il coraggio di farlo), Walker sostiene che tutti parlano a se stessi, sia se un amico immaginario è lì a testimoniare o meno. “Abbiamo tutti periodi in cui parliamo a noi stessi in forma di monologo interiore – anche se non lo sappiamo. È sempre in corso e tu puoi esaminare cosa sia e da dove proviene”, spiega. “Se dice” Sei un tale disastro”o” Come hai potuto farlo? Sei così stupido, ” lo senti da qualche parte, sia esso una credenza, un’esperienza o qualcosa del genere”.

La domanda che dobbiamo rivolgere a noi stessi è: “Quanto è reale?” e “E se si basa su qualcosa di falso di quando eri più giovane e non te ne sei reso conto?” Un amico immaginario non è un monologo interiore, ma un monologo esteriore che nel corso dell’infanzia diventa interno. Se stiamo parlando di bambini in terapia, invitare l’amico immaginario è molto importante per scoprire come si rapporta con se stesso rispetto all’amico immaginario.

E gli adulti che cercano di gestire i mondi immaginari dei giovani nella loro vita? “Dovrebbero andare avanti”, dice Ziegler. “Dovrebbero essere pienamente impegnati e sostenuti. Non abbiate paura di fare domande come: ‘Dov’è Annie, cosa vuole per la prima colazione? Vuole anche i pancake?’ Questo può essere molto vantaggioso per un bambino “.

“Dovresti interagire con loro nello stesso modo in cui interagisci con qualsiasi altro amico o oggetto o qualsiasi altra cosa il tuo bambino stia facendo”, sostiene Walker. “Se il tuo bambino ama i pirati, puoi dire: ‘Che cosa sta succedendo nel mondo dellapirateria?’ Non c’è ragione di non interagire con esso, e talvolta è divertente! Si chiama gioco, e il dramma è importantissimo nello sviluppo del bambino “.

Pepin, adesso un padre di due bambini, dice che non avrebbe problemi ad andare avanti con quel consiglio. “Non mi preoccupo per niente di aver avuto un amico immaginario o il concetto dei miei figli che li hanno”, dice Pepin. Infatti, la figlia di 3 anni e il figlio di un anno sembrano seguire le orme del padre. “Mia figlia ha un’immaginazione molto attiva e pensa che sia un drago a volte, o parla dello stesso drago – Gracey Dragon – come entità separata”, dice. “Gracey Dragon è un personaggio centrale nelle nostre storie della buonanotte e mia figlia a volte parlerà e farà funzionare le storie come se fosse Gracey Dragon. Non sarei sorpreso se avesse un amico immaginario in un anno o giù di lì”.

© Riproduzione riservata
Leggi anche
Myprotein Active Women Vegan Blend™ - 1kg - Sacchetto - Mela ...
22.49 €
Compra ora
Kilocal Brucia Grassi Integratore Alimentare 15 Compresse
15.5 €
19.9 € -22 %
Compra ora
Diadora Cyclette Lilly Rigenerata
79.95 €
173 € -54 %
Compra ora
Multicentrum Select 50+ 90 Compresse
26.2 €
33.8 € -22 %
Compra ora