Scorzonera: quali sono i benefici e le proprietà dell’ortaggio

La scorzonera ha un gran numero di benefici per la salute grazie alle sue proprietà uniche. Scopriamo quali sono i motivi per utilizzarla.

Lo scorzonera è un ortaggio che appartiene alla famiglia delle Asteracee che comprende anche topinambur e carciofi. Questa pianta non è molto conosciuta, ma in realtà cresce spontaneamente nel Nord Italia. Conosciuta come asparago d’inverno, la parte commestibile è la radice che risulta coperta da una buccia nera che deve essere eliminata prima di mangiarla.

Scopriamo quali sono i benefici e le proprietà della scorzonera.

Benefici e proprietà della scorzonera

I benefici della scorzonera sono davvero numerosi e derivano dalle proprietà dell’ortaggio. Dal punto di vista nutrizionale la scorzonera è ricca di vitamine del gruppo B, vitamina C e vitamina E. Risulta anche particolarmente ricca di sali minerali tra cui ferro, forsforo, zinco, potassio e manganese. Grazie alla grande presenza di questi nutrienti, la scorzonera risulta essere una grande fonte di energia utile nelle persone anziane e anche nelle persone che stanno attraversando una convalescenza.

Le persone che seguono un regime alimentare ipocalorico possono sfruttarla in quanto contiene solo 46 kcal ogni 100 grammi di prodotto. La presenza di inulina rende questo ortaggio ricco di benefici per la salute. La tiamina, micronutriente di cui la scorzonera è ricca, la rendeutile per il corretto funzionamento del sistema nervoso e del sistema muscolare.

L’ortaggio è in grado di migliorare la salute dei capelli prevenendo l’alterazione dei follicoli peliferi del cuoio capelluto.

Nello specifico favorisce la crescita dei capelli per via del suo effetto sulla circolazione sanguigna e ossigenazione dei tessuti. E’ anche molto utile per favorire la digestione soprattutto grazie alla grande quantità di fibre che contiene.

La scorzonera è in grado anche di regolare in modo naturale la pressione del sangue per via dell’importante quantità di potassio che contiene. Essendo poi naturalmente povera di sodio, la pianta può essere consumata senza doversi preoccupare di peggiorare problemi quali ritenzione idrica e cellulite.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Olio di argan, un concentrato di benessere per i capelli

Barbabietola rossa: ecco quali sono le proprità e le controindicazioni

Leggi anche
Contents.media