Bicarbonato di sodio: i mille usi per tutte le necessità

Il bicarbonato è un prodotto utile e versatile: disinfetta frutta e verdura, sbianca i denti, lenisce bruciori da infezioni e profuma.

Il bicarbonato di sodio, il cui nome originario derivante dalla lingua inglese è baking soda, appartiene alla famiglia dei sali e la sua formula chimico-fisica è NaHCO3. Scopriamo insieme tutti i dettagli e i benefici.

Cosa è il bicarbonato di sodio

Esso si presenta sotto forma di polvere bianca a granuli cristallini che sono inodore. Possiede un sapore leggermente acre. E’ alcalino, facilmente solubile in acqua e non è tossico se assunto in dosi moderate. Non è pericoloso per l’incolumità della persona, non produce né esplosioni né bruciature. Le sue svariate qualità lo rendono versatile, cioè adattabile a diverse pratiche ed usi (alimentari, cosmetici, farmaceutici, etc…). Date le diverse situazioni in cui esso può essere impiegato, non è sbagliato considerarlo un farmaco naturale.

Advertisements

Il bicarbonato è ideale per disinfettare la frutta e la verdura. Forse è il migliore rimedio naturale per lavare frutta ed ortaggi e per gustarli senza preoccupazioni. Esso è un potente disinfettante e viene spesso adoperato per combattere la candidosi, una delle più usuali infezioni a livello ginecologico. Il bicarbonato funge inoltre da coadiuvante, impiegabile pertanto insieme al detergente intimo.

Proprio perché è un prodotto che ha numerosi utilizzi in casa potrete acquistare una confezione da 5 Kg su Amazon.

Grazie alla sicurezza della transazione online e la facilità nel completamento dell’ordine non potrete che essere soddisfatti!

Esso aiuta anche a combattere i cattivi odori. Va usato per eliminare i forti odori rilasciati da diversi cibi (ad esempio, la cipolla e l’aglio) e per profumare l’alito e la bocca; in tal caso si impiega come i normali collutori da banco.

Il bicarbonato ha inoltre un effetto sbiancante. E’ risaputo che serve a sbiancare i denti, aiutando a eliminare le macchie prodotte dal caffè e dalla nicotina.

Esso non ha alcun effetto abrasivo e non danneggia lo smalto dei nostri denti.

Proprietà disinfettanti del bicarbonato di sodio

Il bicarbonato è ideale per disinfettare la frutta e la verdura, forse è il migliore rimedio naturale per lavare frutta ed ortaggi e per gustarli senza preoccupazioni.

Bicarbonato per frutta e verdura

Il consumo di frutta e verdura è fondamentale per la conservazione della salute del nostro organismo. Tali prodotti posseggono un importante valore nutrizionale utile al corretto funzionamento del nostro corpo e del nostro sistema immunitario.

Nonostante tali vantaggi, questi prodotti, dato che sono stati coltivati all’aria aperta, subiscono l’inquinamento dell’ambiente e dei pesticidi impiegati per debellare i parassiti.

Il bicarbonato, per mezzo della sua azione disinfettante, uccide la maggior parte dei batteri che sono presenti sulla superficie della frutta e della verdura, non apportando alcun tipo di modifica interna. Solitamente, si immergono gli alimenti in una bacinella riempita con acqua fredda, e si strofinano impiegando il bicarbonato. Alla fine dell’operazione conviene appurarsi che non siano rimasti residui di polvere attaccata alle bucce oppure alle foglie della nostra frutta e della nostra verdura.

Bicarbonato con gocce di limone

Una possibile variazione la si può ottenere impiegando il bicarbonato con aggiunta di limone a gocce. Si mette in un recipiente di acqua un cucchiaino o due di limone e tre o quattro di bicarbonato. Successivamente, si bagnano gli alimenti con questa nuova miscela, si strofina con energia per dieci/quindici minuti. Alla fine bisogna sciacquare e risciacquare con grande attenzione e cura.

Bicarbonato per l’igiene intima

Il bicarbonato è anche un potente disinfettante per il corpo e viene spesso adoperato per combattere le malattie localizzate nelle parti intime, ad esempio la candidosi.

Quest’ultima è una delle più usuali infezioni a livello ginecologico. La candida cresce e si rafforza in un ambiente caratterizzato da acidità. Pertanto, l’ambiente della vagina è incline alla proliferazione di tale micete. I lavaggi vaginali a base di bicarbonato aumentano il ph vaginale e conseguentemente la candida scompare perché non trova più le condizioni ideali di vita e di crescita.

I medici consigliano di impiegare questa strategia solo nel caso in cui l’infezione sia di lieve entità; altrimenti è consigliabile sottoporsi all’usuale cura farmacologica. Gli stessi lavaggi a base di bicarbonato non devono essere fatti con grande frequenza, poiché la sua struttura chimica altera il ph dei tessuti della vagina e della nostra pelle.

Tra i farmaci che potrebbero esservi consigliati sia dal medico che dal vostro farmacista, potrete trovare le capsule di Candidor: il prodotto è ordinabile online, con consegna sicura in meno di 24h. Se non è il prodotto che fa per voi potrete usufruire della garanzia di recesso restituendo il prodotto.

Bicarbonato contro la gengivite

Le sue proprietà disinfettanti si rivelano anche nel caso di gengiviti. In tal caso bisogna strofinare sulle gengive del bicarbonato, ricordandoci dopo di lavare e risciacquare i denti. Bisogna ripetere l’operazione dopo pranzo e prima di andare a dormire.

Il bicarbonato è consigliato anche per un’infezione fastidiosa, quale può essere la congiuntivite. Si procede naturalmente con l’impiego di impacchi a base di bicarbonato. Questo prodotto avrà un effetto lenitivo e rilassante, facendo diminuire il livello di bruciore.

Alitosi

Per quanto riguarda sempre la cura del corpo, il bicarbonato può essere di aiuto nel caso di alitosi persistente. E’ sufficiente fare degli sciacqui a base di acqua e bicarbonato per due/tre volte al giorno. Dopo un’applicazione costante di un mese, questa problematica sarà debellata con alte probabilità. Nel caso contrario, soprattutto in presenza di disturbi gastrici, è consigliabile rivolgersi al medico curante e sottoporsi a regolare trattamento farmacologico.

Eliminare i cattivi odori

Il bicarbonato aiuta a combattere anche i cattivi odori presenti sulla nostra persona o nell’ambiente domestico. Alcuni alimenti, in particolare quelli che vengono definiti gli “odori della cucina”, l’aglio e la cipolla per intenderci, lasciano degli odori sgradevoli sulla nostre cute.

Ciò dipende dal rilascio di alcune sostanze chimiche presenti nella loro membrana protettiva esterna. Sarà capitato che, dopo aver lavato e rilavato le mani per più volte, l’odore non scompare e sfortunatamente ci accompagna per l’intera giornata. Per ovviare a questo problema, conviene strofinare energicamente le mani o la parte del corpo interessata con acqua e bicarbonato. Nel giro di poco tempo l’odore sarà svanito. Una variante consigliata da più esperti è quella di unire il bicarbonato al limone.

Cattivi odori in casa

Il bicarbonato di sodio si rivela utile anche nella rimozione dei cattivi odori della nostra casa. Ciò può capitare ad esempio quando nella nostra dispensa troviamo degli alimenti persi oppure quando nel nostro frigorifero si è formata dell’acqua ristagnante.

In questo caso è preferibile preparare una soluzione a base di acqua, bicarbonato ed ammoniaca all’interno di un recipiente medio-grande. Successivamente bisogna inumidire e bagnare una pezza o una spugna, e strofinarle più volte sulla superficie interessata dai cattivi odori. L’ammoniaca può essere sostituita con succo di limone.

Effetto sbiancante del bicarbonato di sodio

Il bicarbonato ha inoltre un effetto sbiancante. E’ risaputo che serve a sbiancare i denti, aiutando a eliminare le macchie prodotte dal caffè, da nicotina, etc… Questo non ha alcun effetto abrasivo e non danneggia lo smalto dei nostri denti, anzi ne facilita sia la protezione che la ricostituzione. Per questa ragione, il bicarbonato viene usato da parecchi anni sia negli studi dentistici e sia nelle nostre case.

Air-polishing

L’ air-polishing è la tecnica di sbiancamento usata con più frequenza dai nostri dentisti: impiega l’azione detergente di una soluzione spray a base di acqua, aria e naturalmente bicarbonato di sodio. Questa viene spruzzata ad alta pressione sui denti da trattare.

Il bicarbonato, non solo ha un effetto abrasivo sulla superficie, indispensabile per sbiancare i denti, ma è anche utile per la dispersione e rimozione della placca batterica dai denti e dal cavo orale. Ovviamente si può modulare l’effetto abrasivo, cambiando il livello di concentrazione presente nella soluzione , la potenza del getto e la distanza dai denti.

Il bicarbonato di sodio si trova spesso nei dentifrici ad azione sbiancante, necessari per la rimozione di macchie depositate sullo smalto dentale. Spesso in essi la concentrazione di questa sostanza è troppo bassa e quindi diventano indispensabili interventi fai da te.

Tra i migliori consigliamo il dentifricio sbiancate in pasta di Arm&Hammer. Ad un prezzo davvero piccolo, potrete ricevere a casa vostra due confezioni di questo prodotto del quale non potrete più fare a meno. Questa rivoluzionaria pasta sbiancante è costituita da bicarbonato e fluoro, due ingredienti fondamentali per l’igiene quotidiana. Cosa aspetti ad ordinarlo?

Ad esempio è possibile unire bicarbonato e gocce di limone, amalgamandoli in un cucchiaio; successivamente si recupera il preparato sulle dita delle mani e si strofina dolcemente sulla superficie dentaria, allo stesso modo in cui si fa con le normali paste e dentifrici.

Bicarbonato per la protezione dei denti

L’impiego nel tempo del bicarbonato assicura la ricostituzione dello smalto dentario che in precedenza si era deteriorato. Ciò vale specialmente per i tabagisti poiché la nicotina, come è risaputo, tende all’ingiallimento dello smalto dentario.

Il bicarbonato in questo caso compie una vera e propria azione di contrasto nei confronti della nicotina, ristabilendo il livello di smalto ideale all’interno dei nostri denti. Lo stesso vale anche per le macchie marroni prodotte dalla caffeina. Ciò non toglie che il miglior modo per evitare che si verifichino queste problematiche fisiologiche ed estetiche sia consumare in modo moderato tabacco e caffè!

Alleviare i fastidi intimi

Il bicarbonato è anche un potente disinfettante per il corpo e viene spesso adoperato per combattere la candidosi.

Quest’ultima è un fungo che spesso è presente nella donna in salute. Esso “prende piede” se l’equilibrio del ph vaginale si altera ed il numero di lattobacilli diminuisce.

Coloro che hanno contratto questo tipo di infezione ricordano che i sintomi da essa prodotti sono innumerevoli e fastidiosissimi, cominciando dalla sensazione di prurito e di bruciore alla cute. Le terapie farmacologiche possono essere coadiuvate a rimedi di tipo naturale, e il bicarbonato di sodio trova sempre il primo posto. Questo perché esso è realmente efficace.

Generalmente, per far diminuire il senso di fastidio occorre usare detergenti intimi poco aggressivi, e poi effettuare risciacqui con l’ausilio di acqua e bicarbonato di sodio. Bisogna far sciogliere due cucchiai in un litro e mezzo di acqua fredda. Tale soluzione, una volta applicata, riporta il livello di pH ai corretti valori.

Avvertenze e consigli d’uso

I medici sconsigliano l’abuso di tale soluzione. Sebbene non sia un farmaco, il bicarbonato tende sicuramente ad aumentare i livelli di pH della vagina, alterando quello che è il regolare equilibrio e costruendo le condizioni per far proliferare altre tipologie di infezioni delle parti intime. La moderazione è sempre la medicina migliore da avere a portata di mano!

Pertanto, il consiglio dei professionisti dell’ambito sanitario è quello di adoperare il bicarbonato di sodio per lenire i sintomi della candida. Questa strada andrà seguita per breve tempo, associandola ovviamente alle usuali cure antibiotiche.

Il bicarbonato può essere utilizzato anche per normali risciacqui delle parti intime e ciò è valido sia per l’igiene femminile che per quella maschile.

Scritto da Stefano Gargano
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Appendice: cosa è e quale ruolo svolge nel nostro corpo

Dimagrire: i migliori consigli sulle diete veloci e efficaci

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.