Buoni propositi di settembre? Come metterli in pratica

Mettere in pratica i buoni propositi di settembre non è semplice, ma con un po' di buona volontà e seguendo alcuni consigli sarà possibile.

I buoni propositi di settembre sono sempre numerosi, ma spesso capita di non riuscire a metterli davvero in pratica. Che sia per mancanza di forza di volontà, per mancanza di tempo o per mancanza di energie, riuscire a realizzare davvero i propositi che ci si è prefissati non è affatto semplice.

Proprio per questo motivo, abbiamo deciso di darvi alcuni consigli che possono essere utili per portare a termine tutti i propositi di settembre.

Scegliere bene i buoni propositi di settembre

Per riuscire a portare a termine i buoni propositi di settembre è fondamentale scegliere bene quali obiettivi si vogliono raggiungere. Proprio per questo, è bene evitare obiettivi vaghi che non si possono valutare e optare invece per obiettivi ben misurabili. Chiaramente, tutti i propositi devono essere realizzabili e sarebbe meglio che fossero a breve termine.

Darsi il giusto tempo

Per raggiungere i propri obiettivi ci vuole il giusto tempo e allora è necessario non farsi eccessiva fretta. Ogni persona ha bisogno di più o meno tempo, per questo anche se vi sembra di metterci troppo tempo non dovete demordere. Spesso i buoni propositi di settembre risultano molto complessi da portare a termine e per questo serve avere pazienza e procedere gradualmente.

Per realizzare un obiettivo, vi suggeriamo di suddividerlo in tappe intermedie in maniera da riuscire a monitorare i miglioramenti che si fanno.

La suddivisione in diverse fasi è infatti una tecnica molto utile che permette di comprendere tutti i passi avanti che si fanno.

Non fare paragoni con le altre persone

Un errore davvero molto comune è quello di fare paragoni con le altre persone in quanto è necessario ricordare sempre che ognuno ha i suoi tempi e i suoi modi per affrontare le cose. Paragonarsi agli altri è allora davvero controproduttivo perché rischia di far perdere fiducia in sè stessi.

Non c’è allora da temere se le persone che conosciamo riescono a portare a termine con maggiore rapidità ed efficacia gli stessi obittivi che anche noi avevamo. Come abbiamo detto, ognuno è diverso dagli altri e dunque deve seguire un percorso differente per riuscire a raggiungere i propri obiettivi.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come evitare la spellatura da sole: 6 accorgimenti

I migliori rimedi per la spellatura post sole

Leggi anche
  • Sindrome di Rebecca: cos'è e perché si chiama così?Sindrome di Rebecca: cos’è e perché si chiama così?

    La sindrome di Rebecca, ecco di cosa si tratta e perché ha questo soprannome. Scopriamolo in questo articolo.

  • Sindrome di Wendy: cos'è, sintomi e come uscirneSindrome di Wendy: cos’è, sintomi e come uscirne

    Cosa è la Sindrome di Wendy? Ecco in questo articolo spieghiamo di cosa si tratta, quali sono i sintomi da riconoscere e come fare per superarla.

  • Sindrome di Parigi: cos'è, come riconoscerla e chi colpisceSindrome di Parigi: cos’è, come riconoscerla e chi colpisce

    Cos’è la sindrome di Parigi? Ecco di cosa si tratta, chi viene colpito maggiormente da questo disturbo e come fare per riconoscerla.

  • Sindrome di Diogene: cos'è, sintomi e come superarlaSindrome di Diogene: cos’è, sintomi e come superarla

    Sindrome di Diogene, di cosa si tratta e come superarla? Ecco come fare.

Contentsads.com