Caffeina: ha davvero effetti lassativi?

Molte persone devono correre al bagno dopo aver bevuto una tazzina di caffè, ma la colpa è della caffeina che possiede effetti lassativi? Scopriamolo.

Sono molte le persone pronte a eliminare la caffeina dalla propria dieta perchè ritengono che la sostanza abbia effetti lassativi. Molti infatti, dopo aver bevuto un caffè sono costretti ad andare in bagno poco dopo, eppure bere bevande energetiche e cola non provoca lo stesso problema nonostante siano anch’esse ricche di caffeina.

La caffeina ha effetti lassativi?

L’effetto lassativo del caffè non è uguale per tutti, infatti sono solo alcune le persone che devono correre in bagno dopo averne bevuta una tazza. Infatti chi beve il caffè in modo abituale non sente la necessità di andare in bagno dopo averlo consumato, probabilmente perchè hanno creato una certa tolleranza alle sostanze contenute in questa bevanda. Ci sono numerose teorie contrastanti sull’effetto lassativo del caffè.

Advertisements

Negli ultimi anni sono molti gli studiosi che concordano nell’affermare che il caffè possa essere considerato come un lassativo naturale, anche se i suoi effetti sono piuttosto diversi tra un individuo e un altro.

All’inizio si credeva che l’effetto lassativo del caffè fosse dovuto quasi interamente alla grande quantità di caffeina che è contenuta in questa bevanda, ma studi successivi hanno dimostrato che le altre bevande contenenti buone quantità di caffeina non hanno alcun effetto lassativo.

Bevande energetiche, e coca cola non hanno nessun effetto lassativo sull’organismo. Quindi, nonostante la caffeina collabori comunque al risultato, la causa dell’effetto lassativo è da ricercare nella spiccata acidità di questa bevanda.

Tra le sue componenti, il caffè ha anche l’acido clorogenico, un estere che i chicchi di caffè sviluppano in fase di torrefazione, quando l’acido caffeico e l’acido (L)-chinico si combinano tra loro.

Questa sostanza specifica, una volta ingerita, stimola la produzione di acidi all’interno dello stomaco, compreso l’acido gastrico che stimola la digestione. Si comprende quindi che il caffè è in grado di stimolare il processo digestivo, stimolando la produzione di alcune sostanze e di ormoni che aiutano a digerire in modo corretto e rapido.

Si comprende quindi che la caffeina stimola gli elementi della digestione e lo stomaco reagisce in modo immediato e quindi vengono riattivati passaggi che portano il corpo a eliminare gli scarti dall’organismo.

Questa teoria è accreditata da molti studiosi e spiega in modo perfetto il perchè dell’effetto lassativo del caffè. In genere lo stimolo di evacuare si ha dopo 4 minuti che si è bevuto il caffè. Si tratta di un lasso di tempo molto breve e l’effetto, per questo, non può essere giustificato con un’assimilazione dei componenti da parte dello stomaco. In realtà questa spiegazione non è totalmente sicura, gli scienziati stanno infatti ancora studiando i motivi per cui il caffè provoca effetti lassativi su un grande numero di persone.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Serotonina alta: quali sono le cause e come riconoscerla dai sintomi

Acufene o tintinnio tonale: cosa sono, come si curano, differenze

Leggi anche
Contents.media