Calo dell’udito: quali sono i sintomi per riconoscere il problema?

Il calo dell'udito è riscontrabile anche in fase iniziale, l'importante è fare attenzione a piccoli sintomi: ecco quali sono i più tipici.

Il calo dell’udito si riconosce facendo attenzione ad alcuni sintomi e segnali. Saperli riconoscere in modo corretto consente di agire in maniera tempestiva evitando in tal modo che possano esserci delle complicazioni. Di rado si perde l’udito in maniera improvvisa, di solito infatti si sviluppa il problema in maniera lenta.

Proprio per via di questo non è affatto semplice riconoscere se si è verificato un peggioramento dell’udito o meno. Nel caso si noti la presenza dei sintomi che andremo a spiegarvi, vi consigliamo di recarvi da uno specialista che possa far luce su eventuali problemi di udito.

I sintomi per riconoscere il calo dell’udito

I sintomi che permettono di capire se si sta manifestando un effettivo calo dell’udito sono molti, il problema è che spesso questi segnali vengono sottovalutati.

Consigliamo invece di fare grande attenzione in quanto possono anticipare la perdita dell’udito nelle sue fasi iniziali e di conseguenza è fondamentale chiedere consiglio a un professionista dell’udito che possa comprendere se in effetti ci sono dei problemi.

Chi soffre di una diminuzione dell’udito percepisce con grande difficoltà alcuni specifici volumi o alcune frequenze di suono. I suoni non percepiti cambiano da soggetto a soggetto in quanto dipendono dalla zona dell’orecchio che presenta un problema.

Ci sono comunque alcuni segnali che indicano la possibile perdita di udito.

Tra questi c’è quello di non capire quello che dicono i bambini. Spesso infatti le persone con problemi di udito non riescono a percepire correttamente le frequenze acute e quindi per loro è complicato comprendere le voci dei bambini. Anche chiedere spesso di ripetere alle persone che parlano è un segnale importante, infatti non riuscire a sentire bene parole o frasi intere è sintomo di una leggera ipoacusia.

Dal momento che i problemi di udito aumentano nel caso di suoni acuti, le persone possono avere piò problemi a percepire consonanti ad alta frequenza (C, S, F, Z) rispetto alle vocali a bassa frequenza (A, E, I, O, U). Le persone che soffrono di problemi di udito tendono anche ad alzare molto il volume della televisione e quello della radio.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Stress e dieta scorretta possono causare smagliature?

Vaccino contro il covid: i possibili effetti collaterali

Leggi anche
Contents.media