Notizie.it logo

Aborto differito: tutte le cause

aborto differito

Quello differito è un tipo di aborto difficile da diagnosticare perché non presenta sanguinamenti. Scopri le cause.

Un aborto è sempre un’infelice notizia, ma gli aborti sono diversi e ognuno porta a determinate condizioni. L’aborto differito o ritenuto si produce quando l’embrione è morto ma la madre non ha eliminato il sacco gestionale. Quindi il feto rimane dentro il suo corpo. Può restare all’interno per settimane, incluso mesi, nonostante solitamente si stacchi dopo qualche settimana. Questo tipo di aborto accade normalmente nel primo trimestre, tra le settimane 8 e 12. I sintomi della gravidanza vanno scomparendo poco a poco e dieci giorni dopo la morte fetale le prove daranno esito negativo. È un tipo di aborto che, per non aver espulso tutti i resti, richiede un raschiamento perché non resti contenuto della gravidanza nell’utero e non ci sia rischio di infezione.

In questo articolo su Tuo Benessere ti spieghiamo le cause che provocano un aborto differito, così come i suoi sintomi e posteriore trattamento.

Cause dell’aborto differito

Sono varie le cause che possono provocare un aborto differito:

  • Cause cromosomiche o genetiche. Per esempio, può essere dovuto ad una anomalia nei cromosomi del feto che non le permette continuare lo sviluppo.

    Può anche doversi a duplicazioni o triplicazioni dei cromosomi o a varie mutazioni.

  • Cause infettive. In questo caso può esserci un’infezione, acuta o cronica, da qualche parte dell’organismo o in tutto il feto.
  • Fattori autoimmuni. Ci sono molte cause correlate che possono provocare l’aborto differito. Per esempio, che la madre crei anticorpi ai tessuti dell’embrione o che soffra di sindrome antifosfolipidica, una malattia che causa coaguli nel sangue e produce maggior rischio di aborto.
  • Cause endocrine. Come uno squilibrio nella prolactina, che sarà insufficiente per mantenere i livelli di progesterone nella gravidanza e potrebbe dar luogo ad un aborto.

Sintomi dell’aborto differito

Questo tipo di aborto è il più difficile da diagnosticare. Infatti non presenta una sanguinamento come gli altri e di sintomi ne ha ben pochi.

Normalmente, quando si produce un aborto spontaneo, il sintomo più comune è il sanguinamento, che indica la morte dell’embrione. Invece, nell’aborto differito il feto resta nel ventre, senza sanguinamenti.

In effetti, la donna che sperimenta questo tipo di aborto continuerà ad avere i sintomi della gravidanza come nausee, vomito, dolore ai seni o coliche, per un tempo. Poi andranno scomparendo poco a poco.

Si diagnostica questo tipo di aborto mediante esame di routine. La visita dal ginecologo sarà decisiva per determinare che si è prodotto un aborto. Si potrà identificare un feto senza battito cardiaco o molto poco sviluppato.

Quindi è difficile che una donna incinta capisca che ha sofferto un aborto differito.

Trattamento dopo l’aborto

Quando si percepisce che si è consumato un aborto, bisogna agire per pulire l’utero.

È necessario espellere i tessuti fetali fuori dal corpo della gestante.

Per questo, serve un raschiamento, un intervento semplice ma che richiede il ricovero. Con questa tecnica si realizza un raschiatura delle pareti interne dell’utero per estrarre il sacco gestionale con il feto, così come i resti che possono insediarsi.

Dopo il raschiamento è normale avvertire dolori e sanguinamento per qualche giorno. Ma potrai fare vita normale dal momento in cui ti senta bene, anche il giorno dopo. Si raccomanda però non usare assorbenti interni, né docce vaginali. Inoltre è meglio aspettare almeno 2 o 3 settimane per avere di nuovo rapporti sessuali, essendo il sanguinamento recente e l’aborto pure.

Il ciclo dopo un raschiamento per aborto differito tornerà dopo una settimana, ma potrebbe tardare un po’ oltre.

L’ovulazione farà il suo corso quindi, se mantieni relazioni sessuali e non vuoi restare un’altra volta incinta, dovrai usare precauzioni.

È normale sentire depressione dopo un aborto differito, ma non significa che in futuro le tue gravidanze avranno la stessa sorte. Anzi, molte donne che hanno sofferto aborti (comune soprattutto tra le neo-mamme) hanno avuto gravidanze felici.

Gravidanza dopo l’aborto

Come abbiamo detto, è possibile una gravidanza normale dopo un aborto differito. Le gravidanze successive non devono necessariamente essere complicate.

Ad ogni modo, molte donne si chiedono se possono restare ancora incinte da subito o se devono aspettare e quali sono le probabilità di restare incinte dopo un aborto differito. Di certo il corpo ha bisogno di recuperarsi dall’aborto e dal raschiamento.

Quindi non è raccomandabile provare a restare incinte troppo presto.

Se vuoi restare di nuovo incinta dopo l’aborto differito dovresti aspettare almeno 90 giorni e solo se le mestruazioni ti saranno tornate in modo naturale. Tuttavia, il tempo esatto che dovrà trascorrere dovrà indicarlo il ginecologo che ha seguito il caso.

Questo articolo è meramente informativo, su Tuo Benessere non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti medici né realizzare diagnosi alcuna. Se ti senti male, visita un medico.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche