Notizie.it logo

L’olio di palma fa male alla salute? La risposta è qui

olio di palma

L'olio di palma fa male alla salute perché aumenta il colesterolo cattivo, provoca obesità, ipertensione e diabete.

L’olio di palma è un liquido che si estrae dai frutti della palma africana anche conosciuta scientificamente come Elaeis guineensis. È originaria di alcune regioni africane ma che si coltiva pure in zone del sud est asiatico e del Sud America. È uno degli olii più consumati in tutto il mondo e, di fatto, è un ingrediente di quasi tutti i prodotti alimentari di un supermercato.

Tuttavia, attualmente diversi studi hanno sostenuto che l’olio di palma non è una buona opzione per la nostra salute, per quanto si trovi in molti alimenti processati. È per questo che, in questo articolo di Tuo Benessere, ti diamo alcuni dati su questo polemico olio. L’olio di palma fa male alla salute? Qui la risposta!

Usi dell’olio di palma

L’olio di palma si produce dai frutti di palme africane anche conosciute come Elais guineensis.

Questa pianta sempreverde si coltiva in alcune regioni dell’Africa e del nord est asiatico, le zone che più producono questo olio.

Come detto, l’olio di palma è uno dei più usati al mondo ogni giorno. Ne consumiamo in tutti gli alimenti che compriamo. Inoltre, non solo si utilizza come ingrediente di prodotti alimentari ma lo si può anche trovare in un’infinità di cosmetici come creme facciali o corporali, dentifrici e saponi.

Questo uso massificato si deve a due ragioni:

  1. Paragonato ad altri oli, quello di palma è più economico da produrre. Per questo possiamo trovarlo in tanti prodotti specie commestibili.
  2. Conserva uno stato solido a temperatura ambiente più tempo degli altri oli, cosa che risulta utile perché il prodotto finale in cui usare quest’olio mantenga la sua forma.

Ma è dannoso?

Molte persone di chiedono se fa male consumare olio di palma o palmitico.

La risposta è sì: il suo consumo quotidiano può provocare effetti negativi nella salute di una persona.

Questo alimento, a livello nutritivo, ha un eccessivo contenuto di grassi saturi (acidi grassi di catena corta). Di fatto, si è provato che approssimativamente il 50% degli acidi grassi di questo commestibili sono di questo tipo. Il problema di questi grassi è che restano immagazzinati nel nostro organismo e, con il suo consumo continuo, possono provocare problemi cardiovascolari:

  • Aumento di peso e obesità
  • Ipertensione
  • Diabete
  • Aumento del colesterolo cattivo nel sangue
  • Riduce il colesterolo buono

Questo non significa che un basso consumo dei questo prodotto non provochi questi problemi. Ovvero, smettere di consumarlo non garantisce che ci eviteremmo questi problemi. Ma di certo ridurremo il rischio in forma importante.

Il problema è che la maggior parte delle persone lo consuma quotidianamente e in quantità eccessive essendo un ingrediente contenuto in quasi qualunque prodotto dei supermercati.

Per identificarlo, è importante leggere le etichette di ciò che compri. Molte marche provano a mascherarlo dietro pseudonimi come olio di palmisto, grasso vegetale frazionato e idrogenato di palmisto, stearina di palma, palmoleina, burro di palma o finanche il nome scientifico elais guineensis.

Altri problemi dell’olio

Il consumo di questo alimento non solo provoca i problemi di salute sopra menzionati ma l’olio di palma aggrava anche problemi mondiali.

Sfruttamento dell’ambiente

Ogni anno sono incendiati innumerevoli chilometri di selva tropicale per via dell’eccessiva produzione di olio di palmisto. Tra i Paesi più danneggiato da questo sfruttamento ci sono il Borneo, Nuova Guinea, Sumatra e alcune regioni del sud est asiatico. Le conseguenze negative di questa produzione è che aumentano le deforestazioni dei polmoni del nostro pianeta per poter piantare più palme.

Inoltre lo spostamento obbligato e la morte di persone che abitano in queste zone, così come l’estinzione di diverse specie che vivono in queste selve. Tutto questo per la distruzione e la contaminazione che si producono.

Pessime condizioni lavorative

La crescita di questa industria ha anche provocato un aumento della manodopera. Tuttavia questo non equivale ad un miglioramento delle condizioni dei lavoratori delle piantagioni di palme. Al contrario, sono aumentate a dismisura la semi-schiavizzazione e la manodopera infantile in queste produzioni.

Prodotti e alimenti

Come abbiamo detto, l’olio di palma è consumato ogni giorno in modo eccessivo perché contenuto in diversi prodotti alimentari e cosmetici. Di seguito, ti invitiamo a controllare le etichette dei seguenti generi:

  • Prodotti spalmabili: marmellate, margarina, crema di cacao o di nocciole
  • Dolci confezionati: torte, biscotti e merendine
  • Cibi precotti: patate fritte, fritti, surgelati, creme di verdura in scatola, brodi confezionati e pizze
  • Aperitivi: biscotti salati, patate fritte in busta e altri snack
  • Cosmetica: controlla l’etichetta di shampoo, saponette, creme facciali e corporali e lozioni.

Questo articolo è meramente informativo, su Tuo Benessere non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti medici né di fornire diagnosi alcuna.

Visita un medico se soffri un malessere.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche