Cibi acidi: cosa sono, quali sono e come assumerli

I cibi acidi sono da evitare se non si assumono in modo equilibrato e consapevole.

Il buono stato di salute di un’organismo viene mantenuto e garantito principalmente dalle corrette abitudini alimentari perseguite. Molteplici sono gli alimenti che, se assunti in maniera sbagliata, possono apportare dei problemi al proprio fisico, tra questi si collocano in prima posizione i cibi acidi.

Cibi acidi: cosa sono

I cibi acidi si caratterizzano in quanto, dopo essere stati metabolizzati, creano elementi di scarto che acidificano l’organismo ostacolandone il corretto funzionamento.

Pertanto, la loro definizione comprende solo gli alimenti che causano acidità dopo essere stati ingeriti nel corpo, e non quelli che per natura contengono sostanze acide, come il limone. Quest’ultimo, infatti, nonostante sia composto da acido citrico, dopo la sua combustione non crea prodotti acidi che lo possano classificare come tale; il gusto non è quindi un criterio di categorizzazione. Per combattere le eventuali sostanze di scarto acide, è fondamentale introdurre nel proprio regime alimentare cibi alcalici e basici che neutralizzano questi elementi e proteggono l’organismo da eventuali conseguenze.

Ne sono un esempio i cavolfiori, le carote, gli spinaci, la salvia e lo zenzero.

Le problematiche apportate dagli alimenti acidi sono molteplici, tra queste ritroviamo principalmente l’aumento delle infiammazioni croniche come la rosacea o la cistite, la corrosione dello smalto dentale, l’aumento del rischio di gastrite, reflusso o la comparsa di tumori.

Lista dei cibi acidi

Il PRAL, Potential Renal Acid Load, è un metodo scientificamente provato per stabilire se un alimento risulta essere acidificante o alcalinizzante.

Quando il valore risulta essere positivo, il cibo si definisce acido, come per esempio:

  • Zucchero bianco e prodotti confezionati che ne contengono in alte quantità come snack o prodotti da forno.
  • Legumi come fagioli, lenticchie, e fave. Da evitare principalmente quando sono secchi.
  • Cereali, ad esclusione di miglio, quinoa e amaranto. Sono da evitare soprattutto i cereali come mais, avena, e orzo, soprattutto se raffinati.
  • Farinacei e carboidrati generali, dal pane alla pasta.

  • Tuorlo d’uovo, alimento tra i primi nella classifica dei più acidi.
  • Latticini, specialmente formaggi freschi, stagionati o fermentati.
  • Pesce in generale e più nello specifico frutti di mare, crostacei e salmone, da eliminare quello affumicato.
  • Carne rossa e insaccati.
  • Succhi di frutta, caffè, tè e alcolici.
  • Frutta secca e alcuni tipi di frutta come mango e ananas.

Corretto equilibrio acido

Il PH del sangue, per poter essere definito regolare, deve presentare un PH medio compreso tra 7.35 e 7.45. Considerando che un valore al di sotto del 7 è sinonimo di acidità e un valore al di sopra di esso è indice di alcalinità, si può definire che introducendo un moderato regime alimentare nella propria vita è possibile mantenere lo stato del proprio fisico in buona salute. Dunque, i cibi acidi possono essere introdotti nella propria dieta soltanto se in equilibrio con i suoi neutralizzatori. Gli esperti del settore affermano che una corretta alimentazione prevede l’assunzione per il 60% di cibi alcalinizzanti, e per il restante 40% di cibi acidi. Nella pratica, per esempio, è preferibile utilizzare come condimento della pasta alimenti come le verdure verdi, prettamente alcaline, o non eccedere con il consumo di uova e carne, bastano una o due volte alla settimana.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come riprendersi da un sonnellino ristoratore

Migliori rimedi per sconfiggere l’ansia da lavoro

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.