Notizie.it logo

Come usare olio di oliva per la stitichezza-rimedi efficaci

stitichezza

Un alleato vincente per combattere la stitichezza è l'olio di oliva, grazie alle proprietà digestive se ingerito, ottimo anche usato per massaggi addominali

La stitichezza è un disturbo molto comune che può avere diverse cause, come cattive abitudini alimentari, disidratazione, vita sedentaria e stress. Se il disturbo è lieve, non è necessario ricorrere a un trattamento farmacologico per risolvere il problema. Ci sono numerosi rimedi naturali ideali per regolare il transito intestinale. Uno di questi è l’olio di oliva, rimedio ottimo per recuperare la salute gastrointestinale.

Stitichezza: olio di oliva

L’olio di oliva extra vergine agisce come un leggero lassativo naturale. E’ un elemento importante in un’alimentazione equilibrata grazie alle sue numerose proprietà benefiche. Tra i tanti benefici, è un ottimo rimedio naturale per regolarizzare il transito intestinale e per favorire quindi la digestione. Vediamo nel dettaglio i benefici per l’apparato gastrointestinale.

Regola il transito intestinale

L’olio di oliva è ricco di vitamina E e K, acidi grassi omega 3 e 6, ferro e antiossidanti eccellenti per migliorare l’assorbimento e la digestione degli alimenti che ingeriamo. Questo aiuta a mantenere un transito intestinale regolare e a prevenire la stitichezza.

Ammorbidisce le feci

Il consumo abituale di olio di oliva aiuta ad ammorbidire le feci dure.

Così che le evacuazioni non saranno difficili e non provocheranno dolore o altre condizioni come le emorroidi.

Riduce l’infiammazione intestinale

Favorisce il rilassamento dell’intestino aiutando a evitarne l’infiammazione e l’irritazione. In questo modo il transito intestinale sarà regolare.

Stitichezza: come assumerlo

Esistono vari modi di usare olio di oliva come rimedio per regolarizzare il transito intestinale. Il più conosciuto e usato è quello di berne un cucchiaio prima di andare a dormire o al mattino a digiuno.

Si possono anche unire le proprietà dell’olio con quelle di un frutto come l’arancia, ricca di fibre. Oltre a regolare il transito intestinale, questa combinazione migliora la digestione e favorisce l’eliminazione dei liquidi in eccesso. E’ sufficiente spremere 4 arance e aggiungere un cucchiaio di olio di oliva. Per ottenere effetti migliori, è consigliato bere questo succo al mattino a digiuno per una settimana.

Uso esterno

Si può usare l’olio di oliva per la stitichezza anche applicandolo direttamente nell’ano.

È un metodo molto utilizzato soprattutto con i neonati e i bambini. In questo modo ammorbidisce la materia fecale, rilassa e lubrifica le pareti rettali favorendo l’evacuazione.

Si può applicare direttamente con le dita pulite oppure con un batuffolo di cotone: è sufficiente massaggiarlo delicatamente ai margini dell’ano. L’olio di oliva è anche un buon rimedio per ridurre l’infiammazione nella zona e prevenire la formazione di emorroidi.

Massaggio addominale

L’olio di oliva per regolarizzare l’intestino è ottimo anche usandolo per un massaggio addominale. I massaggi in questa zona del corpo possono aiutare a stimolare i movimenti intestinali, facilitando l’espulsione delle feci. Basta versarne qualche goccia sulla mano, strofinare e poi massaggiare la zona addominale con movimenti circolari leggeri in senso orario. È importante che questi massaggi si facciano 3 ore dopo aver mangiato per non ostacolare il processo di digestione.

Ricordiamo che su Amazon sono comodamente acquistabili da casa oli di oliva di ottima qualità.

Qui di seguito riportiamo i migliori.

© Riproduzione riservata

1
Scrivi un commento

300
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
donatella stramaccioni

Grazie per questi consigli io provero’ a fare dei massaggi nell’addome e qualche goccia di olio di oliva nell’ano poi stando distesa provero’ a defecare speriamo non mi faccia tanto male perché questa mattina mi e’ uscito un po di sangue e adesso ho l’ano tutto irritato. Grazie dei preziosi consigli

Leggi anche