Coronavirus e diabete: c’è correlazione?

I malati di diabete sono più a rischio? Tutto sulla correlazione con il Coronavirus

I pazienti diabetici o i loro caregiver si domandano se COVID-19 rappresenti una minaccia in più per la salute in questa particolare condizione. Ecco cosa è necessario sapere, soprattutto se si vive in ​​una zona rossa del Coronavirus.

Anche per chi è già abituato a vivere con cautela, momenti come questi possono essere fonte di ulteriore ansia.

È del tutto legittimo essere preoccupati per tutte le incognite quando si è alle prese con un nuovo virus altamente contagioso.

Coronavirus e diabete

Innanzitutto, ecco cosa sappiamo di COVID-19. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, il virus proviene da una famiglia di coronavirus (CoV) che gli umani hanno già affrontato in precedenza. I coronavirus hanno causato di tutto, dal comune raffreddore alla ben nota sindrome respiratoria mediorientale (MERS-CoV) e grave sindrome respiratoria acuta (SARS-CoV).

Questa nuova versione, è una nuova varietà (nCoV) scoperta nel 2019, trasmessa tra animali e persone. Il periodo di incubazione è di 2-14 giorni dopo l’esposizione.

Sintomi principali

Secondo la Harvard Health, i problemi respiratori possono includere tosse, congestione nasale, respiro corto e polmonite. Le persone infette possono anche riferire febbre, dolori muscolari e mal di gola. Inoltre, possono verificarsi insufficienza renale o sindrome da distress respiratorio acuto, in cui i polmoni si riempiono di liquido.

Ci sono anche prove che questo virus possa attaccare il sistema gastrointestinale, quindi è anche possibile indigestione e diarrea. Le complicanze possono risultare fatali, nei casi di maggior gravità. La più alta percentuale dei decessi si è verificata in persone di età superiore ai 60 anni, con condizioni patologiche preesistenti.

L’impatto sui diabetici

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) avverte che le popolazioni più a rischio sono: “le persone anziane e le persone con condizioni mediche preesistenti (come ipertensione, malattie cardiache, malattie polmonari, cancro o diabete)”.

Le persone con queste condizioni preesistenti sembrano sviluppare complicazioni più gravi quando contraggono il virus.

Di recente, all’amato attore americano Tom Hanks, che è un diabetico di tipo 2, è stato diagnosticato il Coronavirus. Ha spiegato in un post di Instagram che ha provato stanchezza e dolori muscolari, scegliendo così la quarantena per evitare il contagio di altre persone. Sebbene il suo caso sembri piuttosto lieve, notizie di questo tipo stanno suscitando ulteriori discussioni su come il nuovo virus possa influenzare le persone diabetiche.

Nel diabete di tipo 1, il sistema immunitario attacca le cellule pancreatiche che producono insulina. In questo caso, si dovrà assumere insulina ogni giorno. Nel diabete di tipo 2, il corpo non ne produce abbastanza o non usa in modo appropriato l’insulina di cui dispone. Questa è la forma più comune di diabete.


I rischi

Quando si tratta di infezioni, sia il diabete di tipo 1 che 2 possono aumentare il rischio di ammalarsi. Secondo Current Diabetes Review, il diabete di tipo 2 può “aumentare l’incidenza delle malattie infettive e delle comorbilità correlate”, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche. Secondo altri studi, diabete di tipo 1 aumenta anche i rischi di morbilità e mortalità.

Quando si tratta di COVID-19, l’American Diabetes Association spiega: “In Cina, dove la maggior parte dei casi si è verificata finora, le persone con diabete avevano tassi molto più alti di complicanze gravi e morte rispetto alle persone senza diabete.”

La disfunzione della risposta immunitaria rende i diabetici più sensibili alle infezioni. Per uno, si ritiene che l’iperglicemia (che si verifica quando si hanno alti livelli di zucchero o glucosio nel sangue) nei diabetici possa essere una causa di disfunzione della risposta immunitaria, che si traduce in un mancato controllo della diffusione di agenti patogeni invasori in soggetti diabetici, rendendo i diabetici più sensibili alle infezioni, secondo quanto evidenziato da uno studio pubblicato su Current Diabetes Review.

Alcuni pazienti diabetici riportano danni al loro sistema circolatorio, ciò rallenta l’irrorazione sanguigna in quelle aree, rallentandone il recupero.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Allenarsi la sera: i migliori esercizi prima di andare a dormire

Ormoni femminili: 10 cose che gli uomini devono sapere

Leggi anche
Contents.media