Notizie.it logo

Sintomi diabete: quali sono e come riconoscerli

Sintomi diabete

I sintomi diabete sono molto diversi tra loro in base allo stadio e alla tipologia della malattia. Scopriamo come prevenire.

Il diabete è una malattia molto diffusa che prevede un aumento della glicemia, ossia del livello di zucchero all’interno del sangue. Questa problematica può essere causata da una ridotta produzione di insulina, ovvero l’ormone emesso dal pancreas, il quale ha la funzione di trasformare gli zuccheri e gli altri ingredienti del cibo in energia. Il diabete però può insorgere anche quando il corpo non ha la capacità di utilizzare questo ormone in modo corretto.

Dei livelli troppo alti di glucosio nel sangue, se non curati, possono portare, con il passare del tempo, alla presenza di alcune complicanze della malattia come ad esempio dei problemi ai reni, alla retina, al sistema cardiovascolare come al cuore e alle arterie ed infine ai nervi periferici.

Con il diabete si può convivere solamente se si conosce le cure adeguate e che cosa, durante la vita di tutti i giorni, può portare ad un amento o una diminuzione degli zuccheri nel sangue.

Esistono diversi tipologie di diabete che sono:

  • il diabete di tipo 2, che si genera solitamente superati i 40 anni di età, principalmente in persone obese o in sovrappeso;
  • il diabete di tipo 1 che si presenta prima dei 40 anni, all’improvviso e con sintomi molto palesi;
  • il diabete cosiddetto gestazionale che si può manifestare durante le gravidanze.

Sintomi diabete: quali sono

I sintomi del diabete sono molti e diversi e variano il base ai vari tipi della malattia e al loro stadio di avanzamento. Per quanto riguarda il diabete di tipo 1, che si presenta all’improvviso, i sintomi possono essere molti. Ad esempio si ha una maggiore sete e una bocca molto asciutta, si deve andare spesso in bagno ad urinare o può capitare di farla nel letto, ossia la cosiddetta enuresi notturna, si ha sempre fame ma ci può essere anche una perdita del peso corporeo ed infine la vista può essere offuscata.

Per quanto riguarda invece il diabete di tipo 2 i sintomi principali che un soggetto può riscontare sono diversi.

Anche qui come nell’altro caso si deve spesso urinare, si ha continuamente sete e fame, la vista viene offuscata e non si ha energia, ma solo una stanchezza molto evidente. Inoltre, chi ha questa malattia può notare che le ferite guariscono lentamente e si presentano molto spesso delle infezioni.

Al contrario del diabete di tipo 1, questa categoria di diabete presenta dei sintomi che non sono facili da riconoscere e proprio per questo aspetto, nella maggior parte nei casi, la malattia viene diagnosticata molti anni dopo dalla sua comparsa.

Sintomi diabete: come prevenire

La prevenzione del diabete può essere svolta attraverso diverse abitudini e attività che permettono la non comparsa di un alto livello glicemico nel sangue. Come prima cosa è necessario seguire una dieta bilanciata, che deve essere fornita da un esperto dietologo, anche in base ai bisogni della persona stessa.

Nonostante ciò è importante consumare cibi e bevande che non contengono un alta quantità di zucchero.

Alcuni consigli utili per la prevenzione del diabete possono essere molti. Ad esempio è opportuno non consumare molti carboidrati, ma assumendo quelli che si assorbono lentamente come cereali e legumi. Inoltre è importante consumare molta fibra, attraverso delle verdure, ma anche della frutta possibilmente lontano dai pasti, bilanciare la carne, il pesce e le uova e usare dei condimenti molto leggeri. Naturalmente è consigliato stare lontani dalle bevande zuccherate ma anche dal cioccolato e dalla frutta secca.

Un’altro aspetto fondamentale che riesce a prevenire il diabete è senza dubbio l’attività fisica. Quest’ultima permette di mantenere un normale peso corporeo, riesce a ridurre la glicemia ed aumenta la sensibilità nei confronti dell’insulina.
Naturalmente lo sport deve essere svolto in base all’età del soggetto e alle sue condizione fisiche.

In generale gli esercizi devono essere svolti 3 o 4 volte ella settimana privilegiando la camminata, il nuoto ed il jogging.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche