Dieta leggera per intestino infiammato: cosa mangiare

La dieta da seguire per l’intestino infiammato: cosa mangiare e soluzioni.

L’intestino infiammato, denominato anche enterite, può essere risolto con una sana ed equilibrata dieta. Vediamo cosa mangiare per non aggravare l’infiammazione intestinale. E, alcuni suggerimenti alimentari per contribuire a riequilibrare il nostro intestino.

Dieta per intestino infiammato: cosa mangiare

L’enterite è una infiammazione dell’intestino tenue, il primo tratto dell’intestino compreso tra il piloro (la regione terminale dello stomaco) e l’intestino crasso.

Con i sintomi dell’enterite, cosa mangiare e come comportarsi per non peggiorare l’infiammazione intestinale?

Anzitutto sarà fondamentale bere per reintegrare i liquidi persi con le evacuazioni abbondanti. Beviamo almeno 1,5 litri di acqua naturale al giorno, insieme a (dalla leggera azione astringente) o camomilla non zuccherati. Meglio evitare:

  • Caffè e alcolici. La caffeina ha un effetto lassativo, accelera il transito intestinale e potrebbe perciò peggiorare la diarrea.

    Gli alcolici, invece, hanno un’azione diuretica e possono aggravare le condizioni dello stomaco.

  • Latte e latticini.
  • Limitare frutta e verdura. Le verdure sono più digeribili se cotte, passate o ridotte a purè. È preferibile usare verdure povere di fibre.

La dieta amica dell’intestino infiammato dovrà essere: Costipante, per contribuire a rallentare gli eccessivi movimenti intestinali; Remineralizzante, per reintegrare i sali minerali persi con le scariche di diarrea. Ecco gli alimenti di cui nutrirsi.

  • Pesce bollito, cotto al vapore o al forno;
  • Pollo, tacchino e coniglio ai ferri;
  • Riso e pasta in bianco;
  • Mele e banane;
  • Patate e carote lesse;
  • Parmigiano reggiano 30 mesi, a basso contenuto di lattosio per via della stagionatura;
  • Yogurt bianco magro

I consigli per chi ha intestino infiammato

La sindrome dell’intestino infiammato è un disturbo molto ricorrente e diffuso caratterizzato dal fastidio e dolori addominali frequenti, associati a una difficoltà alla defecazione che può andare dalla stipsi (stitichezza) alla diarrea.

Per affrontare al meglio il disturbo, la sinergia tra gastroenterologo e nutrizionista è fondamentale: il primo specialista valuterà un’eventuale terapia farmacologica (anche antibiotica), mentre il secondo imposterà un corretto piano alimentare.

Vengono in aiuto del nostro benessere anche alcuni alimenti come il kefir, il latte fermentato, e lo yogurt bianco, due elementi eccezionali per regolarizzare l’intestino. Sono gli unici prodotti che mantengono la flora batterica in stato ottimale.

Scritto da Chiara Sorice
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La dieta di Valerio Scanu: l’alimentazione del cantante

Dieta tisanoreica: menu settimanale e controindicazioni

Leggi anche
  • dieta di NoemiDieta di Noemi: i benefici del metodo Tabata

    Con la dieta di Noemi e il metodo Tabata, a base di allenamento cardio intenso, si ottengono risultati ottimali per un fisico asciutto.

  • paolo del debbioLa dieta di Paolo Del Debbio: come ha fatto a perdere 30kg?

    Paolo Del Debbio, giornalista e conduttore televisivo, è dimagrito fino a 30 kg. Ecco la dieta che ha seguito.

  • elettra lamborghiniLa dieta di Elettra Lamborghini: cosa mangia la cantante?

    Elettra Lamborghini, cantante e influencer, è in perfetta forma. Ecco la dieta seguita dalla cantante, regina del twerking.

  • dieta antinfiammatoriaDieta: come perdere gli ultimi difficili chili

    Consumare una colazione abbondante e dei pasti dove si privilegiano le proteine, permette di perdere con facilità gli ultimi chili della dieta.

Contentsads.com