È possibile piangere sangue?

Molti personaggi del cinema e della televisione piangono sangue. Ma è possibile che questo accada anche nella vita reale?

Le Chiffre, un personaggio immaginario nel film “Casino Royale” di James Bond nel 2006, non era solo un costumista immacolato. Era anche parte di una lunga serie di cattivi cinematografici definiti da eccezionali anomalie fisiche. Le Chiffre è noto per una sua caratteristica: quella di piangere sangue dal suo occhio sinistro.

È un tropo impiegato per prestargli una qualità vulnerabile, nonostante il suo personaggio fosse per definizione un super cattivo.

Molti di noi si sono abituati a vedere personaggi tragici, poetici e malvagi del cinema e della televisione piangere sangue. Dopo tutto, i vampiri del “True Blood” della HBO lo fanno sempre. Ma una persona potrebbe piangere lacrime di sangue nella vita reale?

Lacrime di sangue

Ipoteticamente, sì. Ci sono casi ben documentati di lacrime di sangue che vengono versate da persone reali.

È il segno caratteristico dell’emolacria. Si tratta di una condizione in cui le lacrime di una persona sono macchiate di sangue o interamente composte di sangue.

I casi

Sebbene estremamente raro, piangere sangue è una condizione riportata in alcuni casi nella letteratura medica. Nel non lontano 2015, un uomo di Antiochia, nel Tennessee, ha versato sangue dagli occhi dopo essere stato colpito da un improvviso e grave mal di testa. Ma non stava solo piangendo sangue.

C’era sangue che gli scorreva dal naso e dalla bocca, uno scenario che confondeva i medici.

Un altro caso recente è quello di Yaritza Oliva, una giovane ragazza cilena che nel 2013 è diventata nota proprio per essere una delle poche persone al mondo affetta da emolacria. Ai tempi, il professor Alejandro Luz aveva ipotizzato che si trattasse di un caso di emofilia che crea anomalie nel numero di piastrine. In Paesi particolarmente religiosi come, appunto, quelli dell’America Latina, spesso questa condizione è vista come una manifestazione religiosa.

Le cause dell’emolacria

I ricercatori stanno ancora lavorando per individuare una spiegazione all’emolacria spontanea. Ma per ora hanno trovato pochi indizi. Uno studio del 1991 ha collegato l’emolacria alla fertilità femminile. Dei 125 soggetti esaminati (tutti in buona salute), i ricercatori hanno scoperto che il 18% delle donne mestruate aveva sangue nelle loro lacrime, rispetto all’8% degli uomini e al 7% delle donne incinte. Nessuna delle donne in post-menopausa nello studio ha mostrato segni di sangue nelle loro lacrime. I risultati hanno portato i ricercatori a ipotizzare che l’emolacria nelle donne fertili sia causata da ormoni.

Ma nel resto della popolazione, è probabilmente dovuta a fattori come infezioni o lesioni. La congiuntivite batterica, un’infezione relativamente lieve dell’occhio, è nota per provocare anche lacrime di sangue. Ma il sintomo di solito scompare dopo che l’infezione è stata trattata.

Una causa più grave sono i tumori dell’apparato lacrimale, che include la ghiandola che secerne le lacrime e i condotti di drenaggio lacrimale.

Le lacrime di sangue non sono solo cose di film horror, dopo tutto. Per questo chi vive in questa condizione, la consapevolezza e la sensibilità sono le chiavi per reagire.

Scritto da Anna Iasevoli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come curare l’anemia mediterranea in gravidanza

Gigantismo: è possibile diventare più alti di un adulto?

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.