Fleboterapia: come far sparire le patologie venose

Tutto sulla fleboterapia: scopriamo come far sparire le patologie venose.

Alla scoperta di un nuovo trattamento contro gli inestetismi di capillari e vene dilatate: la fleboterapia. Tutto su questa metodologia, ecco come far sparire le patologie venose.

Fleboterapia: come far sparire le patologie venose

Avete mai sentito parlare di fleboterapia? Si tratta di una nuova metodica rigenerativa della parete venosa in grado di rimuovere gli inestetismi di capillari e vene dilatate andando ad agire sulla causa che le ha prodotte. Questa metodica tratta l’ipertensione emodinamica dell’arto. L’iniezione tridimensionale della soluzione rigenerativa restringe e rafforza le vene rendendole nuovamente continenti.

Le vene varicose, le venule e le teleangectasie, non devono essere asportate, non devono essere obliterate, non devono essere legate, non devono essere bruciate, ma semplicemente rigenerate insieme alle vene dilatate e dilatabili del circolo perforante e comunicante.

Per trattare la malattia varicosa è necessario restringere e rinforzare la parete venosa. Il trattamento non deve essere limitato a un’area localizzata, poiché tutto il circolo venoso è collegato. Un trattamento razionale della malattia varicosa deve rinforzare e restringere la parete di tutte le vene dilatate e/o dilatabili. La fleboterapia è indicata per la cura di:

Capillari dilatati;

venule o vene varicose evidenti sulle gambe, braccia o mani, ma può essere effettuata anche in altri distretti corporei come l’addome o il torace;

inestetismi legati alla dilatazione delle vene;

l’ipertensione venosa;

Ulcere da stasi, dermo-ipodermiti, eczema da stasi;

Emorroidi;

Varici vulvo-pudende.

Fleboterapia: rimedio per le patologie venose

Ancora poco conosciuta, la fleboterapia è una metodologia di trattamento mininvasivo, come ottimo rimedio alle patologie venose tra cui capillari e vene varicose o altri inestetismi legati alla dilatazione delle vene. Questo trattamento, mininvasivo, viene effettuato in ambulatorio, e va effettuato nei mesi freddi, da metà ottobre a fine aprile.

In genere sono sufficienti 6-8 sedute di circa 30 minuti l’una, a cadenza settimanale, nelle quali il medico, tramite micro-aghi, inietta direttamente nei vasi venosi superficiali il farmaco rigenerante. La sostanza iniettata riporta il vaso al suo calibro originale, rendendo da subito evidente la scomparsa delle caratteristiche e inestetiche vene scure e gonfie, riducendo la pesantezza e prevenendo il gonfiore e l’infiammazione.

Questa procedura viene eseguita grazie ausilio del transilluminatore, uno strumento in grado di evidenziare meglio i vasi venosi. Terminata la seduta, il paziente potrà riprendere la sua attività quotidiana, sport incluso. Quali sono i benefici della fleboterapia? Chiamata anche TRAP è una terapia conservativa. I vantaggi:

Miglioramento dell’aspetto estetico;

Correzione della ipertensione venosa che si traduce in un miglioramento dei sintomi;

Non progressione della malattia che permette di evitare l’aggravamento della malattia e l’insorgenza delle temibili complicanze.

Scritto da Chiara Sorice

Lascia un commento

La skincare routine di Lindsey Holland: tutti i consigli contro le imperfezioni

La dieta del Principe William: dai brownie al vino rosso

Leggi anche
  • 1216x832 11 08 32 31 870870555Stile di vita sano: le abitudini per vivere meglio

    L’articolo suggerisce abitudini per migliorare la qualità di vita, tra cui esercizio fisico, dieta equilibrata, idratazione, crescita personale, pensiero positivo, meditazione e gratitudine, da integrare gradualmente nella routine quotidiana.

  • 1216x832 05 08 31 09 819520107Vitamine e minerali: a cosa servono

    Le vitamine e i minerali sono fondamentali per la salute e si trovano in vari alimenti. Una dieta equilibrata, ricca di frutta, verdura, cereali integrali e proteine magre, garantisce un adeguato apporto di questi micronutrienti essenziali.