Notizie.it logo

Insegna il linguaggio dei segni al tuo bambino

linguaggio

Anche i bambini che non hanno problemi in campo uditivo traggono beneficio dal conoscere il linguaggio dei segni per esprimersi.

Quando Ezekiel aveva sei mesi, chiese a sua madre “più musica” quando il suo cellulare smise di suonare. Allo stesso modo, Joshua poté chiamare il cane quando aveva sei mesi. Entrambi sembrano dei bambini prodigio, ma non avevano ancora iniziato a parlare. Invece, hanno comunicato queste parole e molte altre, attraverso il linguaggio dei segni. Né Ezekiel né Joshua sono sordi, quindi perché insegnare loro il linguaggio dei segni? Perché gli studi hanno dimostrato che attraverso i segni, i bambini possono effettivamente parlare.

Parla attraverso l’uso della mano

Parlare è difficile. Coordinare la bocca, i denti e la lingua richiede abilità motorie accuratamente regolate. Invece, è molto più facile per i bambini usare le loro mani per comunicare. Non sanno usare la posizione della lingua per dire “arrivederci”, ma sicuramente sanno come salutare.

Tara Fersko, patologa del linguaggio pediatrico, spiega che “a livello evolutivo, i bambini sono in grado di comunicare con i segni prima di poter parlare. Indicano e salutano perché hanno visto gli adulti farlo e useranno i segni se li usiamo con loro”.

Inoltre, l’insegnamento del linguaggio dei segni può portare a una famiglia più tranquilla, in cui “Cosa vuoi?” non è un ritornello stanco. “I capricci della maggior parte dei bambini derivano dal fatto che le persone non riescono a capirli”, dice Lora Heller. “Una volta che sanno di essere capiti, i bambini si rilassano”. Grazie alle lezioni di Lora, molti bambini della Grande Mela ora conoscono i segni per dire “felice” “stupida” “mela” e l’importantissimo “vasino”. Secondo Lora, i bambini vogliono sempre saperne di più.

“Sono così entusiasti di poter comunicare con chi li circonda e questo è una cosa che li motiva molto”.

Il primo segno

Il merito va a Joseph Garcia per essere stato il primo a introdurre i bambini udenti al linguaggio dei segni. Attraverso il suo lavoro con i non udenti, Joseph ha notato una cosa molto particolare. I bambini udenti dei genitori non udenti, potevano comunicare molto prima degli altri bambini, fino a sei settimane. Nel frattempo, gli psicologi Linda Acredolo e Susan Goodwyn dell’Università della California-Davis hanno scoperto che all’età di 8 anni, i bambini a cui erano stati insegnati i segni, hanno ottenuto un punteggio di 12 punti in più nei test del QI.

Preoccupazioni sulla lingua dei segni

Ci sono preoccupazioni sul fatto che l’insegnamento della lingua dei segni rallenti lo sviluppo del linguaggio di un bambino.

“I miei amici si sono registrati per partecipare a classi del linguaggio dei segni con i loro figli”, ha detto Carly McGuire, madre di Max di un anno, “ma per me è stato come bloccare il modo in cui dovrebbero imparare i bambini. Un po’ come confondere la situazione.”

Ma altri hanno un pensiero diverso. Olivia Meeks è la madre di Elizabeth di tre anni, ed è una grande fan dei segni. “Penso che come per tante cose, i bambini siano intelligenti più di quanto crediamo. Prima lo capiamo e gli facciamo fare pratica con il linguaggio, meno paura avranno in seguito. Elizabeth aveva segni che usava spesso quando era piccola, come “latte”, “mamma” e “papà”. Adesso che parla, non riesco più a farla smettere.” Lora concorda: “Entro i 18 mesi, un bambino dovrebbe saper pronunciare circa 10 parole.

Un bambino che conosce il linguaggio dei segni alla stessa età, saprà 10 parole e 10 segni”.

Il futuro del linguaggio dei segni nel bambino

L’entusiasmo si è diffuso in tutto il paese. Debra Messing di Will and Grace ha insegnato linguaggio dei segni a suo figlio primogenito, Roman, e Meet the Fockers ha aiutato a aumentarne la tendenza quando ha raffigurato Robert DeNiro mentre insegna il linguaggio dei segni a suo nipote. Nel frattempo, Joseph Garcia, Linda Acredolo e Susan Goodwyn e Lora Heller hanno scritto libri che istruiscono i genitori su come insegnare i segni di base. Anche se ognuno ha diversi metodi per insegnare segni e gesti, tutti credono che divertirsi con essi sia il modo migliore per renderla un’esperienza che arricchisce il bambino e il genitore.

Diventare insegnante del linguaggio dei segni di tuo figlio

Vuoi che tuo figlio sia bravissimo con i segni, ma non sai da dove cominciare? Lora offre questi suggerimenti:

  • Stabilire un contatto visivo
  • Parla mentre esponi i gesti contemporaneamente
  • Mima un segno mentre compi l’azione, ad esempio, mima il segno che vuol dire “cambiare” quando cambi il bambino, e “latte” quando si dà una bottiglia di esso
  • Insegna i segni a tutte le persone importanti della vita del tuo bambino, come babysitter e nonni, per mantenere l’apprendimento costante
  • Mostra i tuoi sentimenti
  • Rispondere con eccitazione al suo tentativo di mimare un segno
  • Siate attenti a ciò che piace o meno a vostro figlio, ai nuovi interessi e alle cose preferite, poiché saranno spesso le cose che il vostro bambino sarà più interessato a dire tramite i segni.
© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche