Notizie.it logo

Gemelli adolescenti, un cattivo comportamento è contagioso

gemelli

I fratelli gemelli posso contribuire alla diffusione dei comportamenti problematici, durante l'adolescenza, dei propri fratelli.

Come se i genitori non si preoccupassero abbastanza dei loro figli, un nuovo studio mostra che non sempre è un amico delinquente che porta sulla cattiva strada un’adolescente. In effetti, la mela marcia potrebbe vivere nella stessa casa. Lo studio ha esaminato gemelli identici e gemelli eterozigoti di età compresa tra 13 e 15 anni che fanno parte del Quebec Newborn Twin Study, che segue i gemelli nati a Montreal tra il 1995 e il 1998. Si è scoperto che i fratelli hanno un ruolo fondamentale nell’escalation dei comportamenti problematici e nell’uso di sostanze stupefacenti tra i loro fratelli e sorelle.

Lo studio

I ricercatori della Florida Atlantic University (FAU) e delle università del Quebec, in Canada. Hanno intervistato 151 coppie di gemelli maschi e 163 coppie di gemelli femmine. Sono stati sottoposti a domande sull’uso di droghe e alcol e comportamenti delinquenziali, come rubare da negozi, bullismo e imbrogli agli esami.

I ricercatori hanno scoperto che nel corso degli anni, gli adolescenti con un fratello che avevano avuto comportamenti delinquenziali o che avevano fatto abuso di sostanze stupefacenti, erano più propensi a riproporre gli stessi schemi.

Ecco dove i risultati diventano un po’ difficili da spiegare. Ci si potrebbe aspettare che i comportamenti problematici nei gemelli siano lineari. Ad esempio, se un gemello ha abusato di droghe, anche l’altro potrebbe farlo, ma ciò non è esattamente quello che questo studio ha rivelato. Piuttosto, i comportamenti problematici sembravano diffondersi lungo uno di due percorsi indiretti. Il primo percorso ha mostrato, ad esempio, che la delinquenza del gemello A ha portato alla delinquenza gemello B. Successivamente ha portato all’utilizzo di sostanze stupefacenti del gemello B. Lungo il secondo percorso, la delinquenza gemello A ha portato all’utilizzo di sostanze stupefacenti del gemello A, che ha poi portato all’uso di sostanze del gemello B.

Influenze tra gemelli

Hanno condotto i controlli per escludere influenze comportamentali come effetti genetici e comportamenti di amici e genitori.

I ricercatori hanno detto nello studio che sono sicuri che “fratelli gemelli contribuiscono tipicamente alla diffusione dei comportamenti problematici durante l’adolescenza”.

“L’ipotesi che stavamo testando è che più un fratello è delinquente e più problemi avrà l’altro fratello”, dice Brett Laursen, autore e professore di psicologia della FAU. “Questo non risulta essere il caso, ma abbiamo scoperto che i problemi si diffondono tra fratelli all’interno di domini di comportamento problematico – la delinquenza di un fratello va ad interessare quella dell’altro”.

Questo studio si basa su quelli precedenti, che mostrano che i fratelli sono unici nella loro influenza l’uno sull’altro. Gli adolescenti con un fratello delinquente hanno maggiori probabilità di abusare di droghe e alcol rispetto a quelli che non ne hanno. Ciò spiega come questi problemi si diffondono. I ricercatori hanno anche scoperto che la delinquenza porta maggiormente verso l’uso futuro di sostanze stupefacenti rispetto che il contrario.

Problemi anche tra fratelli non gemelli

Ci sono un po’ di buone notizie per i genitori preoccupati.

Poiché li stessi problemi si diffondono tra fratelli non gemelli. Lo studio può fornire una finestra su nuovi modi per cercare di arginare i comportamenti indesiderati negli adolescenti. Gli interventi possono essere mirati a un comportamento specifico, come il problema del bere, piuttosto che cercare di prevenire tutti i comportamenti cattivi o del tentativo di interrompere la relazione tra fratelli.

“Il messaggio chiave da imparare da questo studio è che i programmi di intervento hanno bisogno di essere mirati a specifici comportamenti problematici. Non alla relazione stessa”, afferma Laursen. “È insufficiente e poco pratico cercare di tenere separati i fratelli. Consigli che spesso diamo quando cerchiamo di separare gli adolescenti dai loro amici problematici.”

© Riproduzione riservata
Leggi anche