Istamina: cos’è, come funziona e perché provoca allergia a molte perso

L'istamina è presente all'interno di alcuni alimenti e può provocare allergie, scopriamo nel dettaglio cos'è e come funziona esattamente.

Le persone che soffrono di allergia probabilmente conoscono l’istamina, infatti si tratta di una sostanza che il nostro corpo produce proprio in risposta alla presenza di un determinato allergene che può essere contenuto negli alimenti o nelle piante. In realtà esiste però una vera e propria intolleranza all’instamina: chi ne soffre deve fare grande attenzione a non consumare determinati alimenti per restare in salute.

Scopriamo come funaziona nello specifico l’istamina.

Come funziona l’istamina

L’istamina è una sostanza che si trova all’interno di tutti gli alimenti animali o vegetali e agisce come vero e proprio mediatore chimico in alcune reazioni del nostro corpo che contiene già questa sostanza soprattutto nelle cellule che riescono a dare una risposta in presenza di allergie. L’organismo infatti produce l’istamina in grandi quantità quando deve rispondere a un allergene allo scopo di migliorare la salute.

Advertisements

In realtà, livelli alti di istamina portano alla comparsa di reazioni allergiche.

Non tutti sanno che l’istamina è contenuta anche all’interno di alcuni cibi. Il problema nasce quando non c’è un equilibrio tra assunzione e liberazione di questa sostanza. In generale, una persona sana riesce a gestire l’istamina proveniente da fonti alimentari o rilasciata in risposta all’assunzione di alcuni alimenti grazie a questo specifico enzima. Nel caso ci sia un’intolleranza all’instamina, questa sostanza non riesce a svolgere in maniera corretta la sua funzione perchè non si trova nelle giuste quantità all’interno del corpo.

Sintomi dell’intolleranza

I sintomi dell’intolleranza all’istamina sono simili a quelli che si hanno nei casi di reazioni allergiche. Per questo possono comparire diarrea, crampi addominali, prurito, flatulenza, orticaria, mal di testa, asma, naso chiuso, vertigini, tachicardia, irritazioni e senso di prurito agli occhi. Di solito non compaiono tutti i sintomi ma solo alcuni, in genere bastano solo 40 minuti prima di veder comparire i primi disturbi. Spesso la comparsa della sintomatologia si ha dopo l’assunzione di alimenti ricchi di instamina e variano da persona a persona.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I migliori esercizi senza attrezzi per l’interno coscia

I migliori esercizi per il petto da eseguire al trx

Leggi anche
Contents.media