Notizie.it logo

Vi è un legame tra adozione e depressione

adozione

Coloro che sono stati messi in adozione da piccoli hanno maggiore possibilità di sviluppare nella propria vita una forma di depressione.

La genetica, l’abuso di alcol e droga o anche una pessima fortuna nelle finanze o nelle interazioni personali, possono trasformarsi in un caso clinico di depressione. Ogni anno, quasi il 7% degli adulti americani soffre di Disturbo Depressivo Maggiore (MDD), la malattia cronica caratterizzata da ciò che i professionisti nel settore definiscono una “profonda e omnipresente” tristezza. Mentre fasi di depressione appaiono spesso durante i 20 anni, questa malattia colpisce persone di tutte le età, compresi bambini, adolescenti e anziani. Si pensa che ci possa essere un legame tra adozione e depressione.

Origine del disturbo depressivo

Di tanto in tanto tutti noi ci sentiamo giù di corda, ma l’MDD (noto anche come depressione clinica o semplicemente depressione) inibisce la capacità di una persona di agire per settimane o più.

Oltre ad una profonda tristezza, questa malattia può includere sentimenti di frustrazione, irrequietezza, irritabilità, una perdita generale di interesse, basso desiderio sessuale, alterazioni dell’appetito e problemi di sonno.

Mentre le cause specifiche della depressione sono sconosciute, ci sono alcuni fattori fisici e psicologici che si ritiene portino alla malattia. Tutti spesso riconducibili ad una fonte comune: la famiglia. Tratti ereditari, inclusi i livelli di ormone e neurotrasmettitore, per esempio, sono stati a lungo considerati possibili cause di depressione. Le motivazioni psicologiche, d’altra parte, sono spesso radicate in eventi traumatici della vita come una grave perdita, trascuratezza emotiva e fisica o abuso sessuale che potrebbero essere un prodotto delle relazioni familiari della persona.

Ciò lascia le persone adottive, i cui tratti ereditari provengono da genitori e la cui infanzia e adolescenza sono forgiate da altre persone, in un’interessante posizione quando si parla di depressione.

Le persone adottate hanno un più alto rischio di soffrire di depressione rispetto a quelle che sono state cresciute dai loro genitori biologici?

L’adozione può portare a depressione

Non ci sono prove scientifiche che indichino che l’adozione porta a sviluppare un Disturbo Depressivo Maggiore, sia nell’infanzia che nell’adolescenza o da adulto. Sulla base di ciò, professionisti medici credono che siano alcune delle cause del disturbo, sembra che l’essere adottati possa portare a generare una depressione in alcune persone.

Attualmente, poche ricerche sono state dedicate specificamente alle ripercussioni che l’adozione ha su una persona e la probabilità di questa di soffrire di depressione. In uno studio pubblicato dal National Institutes of Health, i ricercatori non hanno rilevato differenze nel tasso di depressione tra individui adolescenti adottati e non adottati.

Infatti, i membri di ciascun gruppo avevano maggiori probabilità di soffrire di MDD se entrambi i loro genitori, adottivi o naturali, ne soffrivano. Il tasso di depressione dei genitori non variava in modo significativo tra le famiglie adottive e non adottive. I ricercatori delle università di Stanford e Harvard hanno inoltre notato un forte legame tra la depressione nei bambini adottivi e i loro genitori biologici. Hanno così scoperto che il rischio di depressione di una persona adottata è maggiore se uno dei genitori biologici ha anche sofferto di depressione.

Influenza dei fattori ambientali

Anche se nessuno di questi studi indica che l’adozione rende una persona più propensa a soffrire di MDD da bambino o da adulto. Ci sono tuttavia alcuni fattori ambientali che si ritiene possano causare depressione.

Nello specifico, i medici citano l’incapacità di una persona di stabilire legami emotivi solidi nell’infanzia a causa del rifiuto o della trascuratezza (che potrebbe essere un sottoprodotto dell’essere stati messi in adozione o vivere in case adottive per un lungo periodo di tempo) come una delle molte possibili cause di depressione. Naturalmente, questo e molti altri fattori ritenuti essere causa di depressione possono essere collegati a una serie di altri problemi biologici e ambientali che non sono in alcun modo correlati all’adozione. In altre parole, mentre l’adozione potrebbe portare alla depressione, non ci sono prove concrete che lo faccia.

Che ne è degli altri disturbi psicologici e comportamentali? Le persone adottate sono più propense rispetto ad altri a svilupparli?

I numeri dell’adozione

Brad Pitt e Angelina Jolie potrebbero essere i genitori adottivi più famosi del mondo, ma certamente non sono gli unici.

Solo nel 2008 sono stati adottati più di 135.000 bambini negli Stati Uniti e molti altri adulti sembrano valutare quest’idea. Nel 2007 l’Harris Poll ha indicato che circa il 30% degli americani ha preso in considerazione l’adozione.

Come influisce sul comportamento l’adozione

La depressione non è l’unica malattia psicologica che raggruppa persone di ogni ceto sociale. Quasi il 4% degli adulti statunitensi soffre di disturbo bipolare. Detto anche disturbo maniaco-depressivo e depressione maniacale. Una persona che sviluppa questa condizione oscilla tra periodi di depressione clinica e mania. Mentre la maggior parte delle persone che vivono momenti di mania sono anche clinicamente depresse, la maggior parte delle persone depresse non sviluppa anche episodi di mania.

Disturbo bipolare

Il disturbo bipolare, come l’MDD, sembra essere in gran parte un risultato della genetica. In particolare, un numero di studi sull’adozione hanno dimostrato che i parenti biologici dei pazienti bipolari hanno sostanzialmente più probabilità di sviluppare il disturbo rispetto ai parenti adottivi. Mentre un importante cambiamento di vita può innescare un episodio maniacale o depressivo in qualcuno con presenta questa condizione, la biologia sembra essere la causa principale del disturbo bipolare. Tuttavia, non ci sono prove che suggeriscano che una persona adottata che soffre di disturbo bipolare abbia la malattia solo perché è stata adottata.

Disturbo da deficit di attenzione

L’adozione può non aumentare il rischio di una persona di sviluppare disturbi psicologici, ma può portare a problemi comportamentali. Disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) – che si distingue comportamento scorretto generale come modello di comportamento ostile, aggressivo o dirompente della durata di sei mesi o più – colpisce tra il 5 e il 9% dei bambini americani. Con sintomi che vanno dalla disattenzione, all’iperattività e alle azioni impulsive. Le cause dell’ADHD sono difficili da individuare. C’è una forte possibilità che il disturbo possa essere ereditato. Il 40% dei bambini che soffrono di ADHD avrà un genitore con tale disturbo. Tuttavia, uno studio del 2008 pubblicato sull’Archives of Pediatric and Adolescent Medicine indica che sebbene molti bambini adottati siano psicologicamente sani, sono soggetti a “un rischio leggermente maggiore” di sviluppare l’ADHD. Il 15% dei bambini adottati studiati soffriva di ADHD, circa il doppio del tasso dei soggetti non adottati.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche