Leucemia: come si sviluppa e i sintomi per riconoscerla

La leucemia è una malattia per la quale è importante effettuare una diagnosi precoce: ecco perché dobbiamo saper riconoscere i sintomi.

La leucemia è una anomalia del DNA che si manifesta attraverso sintomi che, se riconosciuti in tempo, rendono possibile la sua diagnosi. Esistono diversi tipi di questa patologia, e nella maggior parte dei casi essa viene contratta in età infantile.

Leucemia: cause e sintomi

Alla base della leucemia c’è la diffusione incontrollata di cellule immature – ovvero le cellule staminali che sono prodotte dal midollo osseo – le quali interferiscono con la crescita delle normali cellule del sangue: globuli rossi, bianchi e piastrine. Spesso, questo fenomeno è causato da anomalie del DNA a partire da cromosomi o geni (come ad esempio il “cromosoma Philadelphia”).

I diversi tipi di leucemia, ad eccezione delle leucemie croniche che colpiscono gli adulti, interessano soprattutto i bambini fino ai 14 anni.

Gli adulti sono più a rischio quando esposti eccessivamente a radiazioni, o a sostanze chimiche. Anche la radioterapia e la chemioterapia possono avere degli influssi. Ulteriori fattori di rischio sono il genere maschile e l’età avanzata.

I sintomi possono presentarsi anche immediatamente e peggiorare col tempo, e sono:

  • Febbre e stanchezza
  • Mal di testa
  • Sudorazioni notturne
  • Dolori articolari
  • Perdita di peso
  • Pallore
  • Stato cagionevole
  • Facilità al sanguinamento
  • Ingrossamento dei linfonodi o della milza
  • Globuli bianchi alti (che possono influire sul funzionamento degli organi colpiti)

Essendo questi sintomi abbastanza comuni si potrebbe non riconoscere subito la malattia, ma è bene conoscerli per facilitare una diagnosi precoce.

Tipologie

Sono quattro i tipi di leucemia più comuni:

  • Leucemia linfoblastica acuta
  • Leucemia linfocitica cronica
  • Leucemia mieloide acuta
  • Leucemia mieloide cronica

La distinzione tra acuta e cronica dipende da, rispettivamente: l’aumento rapido delle cellule tumorali contro un aumento più lento e progressivo.

Cura

Il trattamento della malattia e dei suoi sintomi dipende dalla tipologia e dalla gravità, nonché dall’età del paziente. Tra le forme di cura più comuni c’è la chemioterapia, sia attraverso farmaci orali che attraverso l’iniezione; l’utilizzo di interferoni che rallentino la crescita delle cellule tumorali; il trapianto di cellule staminali che prendano il posto di quelle distrutte da chemio o radioterapia.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dieta equilibrata e tanto sport: i segreti di Can Yaman

Ignazio Boschetto: la dieta senza carboidrati per mantenere la linea

Leggi anche
Contents.media