Un profumo che rilassa e non solo: le proprietà cosmetiche della melissa

Usata come sedativo e per combattere l'ansia, la profumata melissa vanta anche alcune proprietà cosmetiche. Scopriamole.

La melissa è una piccola pianta erbacea perenne e dal caratteristico profumo, utilizzata in erboristeria e fitoterapia.

La droga della pianta è rappresentata dalle foglie ricche di olio essenziale e flavonoidi, oltre ad acidi organici, tra cui l’acido rosmarinico, e tannini.

L’olio essenziale è responsabile anche dell’aroma che caratterizza tutta la pianta, e del gradevole sapore della melissa, che ricorda quello del limone, motivo per cui la melissa è nota anche come pianta limoncina.

Oltre che sotto forma di olio essenziale, la melissa è acquistabile in erboristeria essiccata o in bustine per tisane, ma se ne possono usare anche le foglie fresche per preparare decotti o idrolati da utilizzare all’occasione.

Melissa: le proprietà terapeutiche e cosmetiche

Le proprietà della melissa rendono questo rimedio particolarmente indicato per combattere stati di ansia accompagnati da irritabilità e irrequietezza e per alleviare altri sintomi spesso legati all’eccessiva agitazione come disturbi gastrointestinali, mal di testa, tensione muscolare, insonnia e palpitazioni.

L’olio essenziale di melissa tuttavia possiede anche proprietà antivirali, antibatteriche, antifungine e antiossidanti, si utilizza infatti nel trattamento topico dell’Herpes simplex, dell’herpes labiale e delle micosi a carico di pelle, mucose e unghie.

Infatti, studi in vitro rilevano, che l’olio essenziale di melissa, svolge un’azione inibitoria nei confronti dell’herpes simplex di tipo 1 e di tipo 2 ed è in grado di uccidere completamente l’infettività virale. Essendo l’olio di limoncella una sostanza lipofila, risulta idoneo ad essere impiegato nel trattamento topico del virus perché riesce a penetrare con facilità nella pelle.

In cosmesi l’idrolato si utilizza come tonico viso per il suo effetto:

  • purificante,
  • rinfrescante,
  • antiossidante
  • lenitivo.

Le sue proprietà anti infiammatorie dei suoi flavonoidi accoppiate alla piacevole profumazione, fanno della melissa un ingrediente molto utilizzato in cosmesi per la preparazione di creme viso e corpo e tonici decongestionanti.

Può vantare azione lenitiva della pelle acneica. L’acido rosmarinico, presente tra i principi attivi della melissa, costituisce un ottimo trattamento lenitivo per pelli sensibili, arrossate e tendenzialmente acneiche, in quanto:

  • riesce a placare il prurito
  • allevia il bruciore
  • favorisce la cicatrizzazione
  • accelera il processo di guarigione delle lesioni create dalle acne.

I fenoli compresi nella composizione chimica della pianta officinale, rendono la melissa inoltre un valido rimedio anti-age, in grado di contrastare i danni causati dai radicali liberi.

Come sfruttare le proprietà cosmetiche della melissa

Molteplici creme e lozioni per il viso, ad azione lenitiva e tonificante, comprendono tra gli ingredienti gli estratti di melissa.

Ad uso esterno, vengono indicate pomate e creme per il corpo a base di foglie fresche di melissa per contrastare la sintomatologia dolorosa derivante da reumatismi e nevralgie, ma anche per poter beneficiare delle proprietà lenitive, dermopurificanti e decongestionanti su pelli irritate e delicate.

Per uso esterno può essere utilizzata anche

    • come olio essenziale miscelato ad altri oli vegetali (vettori) per creare un oleolito utile per frizioni o applicazioni locali:

2 cucchiai ogni 10 di miscela, il restante di olio vettore, dunque il 20%. L’uso locale nelle zone interessate anche due volte al giorno.

  • come succo/idrolato per allontanare gli insetti e da applicare sulle punture di zanzare,
  • come impacchi di foglie pestate da applicare localmente per decongestionare pelle e mucose infiammate.

La melissa non ha solo proprietà cosmetiche e terapeutiche ma anche alcune controindicazioni

Come ogni erba officinale, pur prestandosi ad essere utilizzata con il fai da te come rimedio naturale sicuro, può comunque presentare alcune controindicazioni:

Assunta internamente sono da evitare dosaggi elevati per lunghi periodi in chi soffre di ipotiroidismo in quanto può ridurre la produzione degli ormoni tiroidei.

Per uso esterno sono state segnalate reazioni allergiche e irritazioni, in soggetti particolarmente sensibili, dopo l’utilizzo prolungato sulla pelle.

Se avete dei dubbi sull’utilizzo della melissa, o su qualsiasi altro rimedio naturale fitoterapico, non esitate a contattare il vostro medico e in ogni caso affidatevi sempre a prodotti certificati acquistati in erboristeria.

Scritto da Alexandra Tubaro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tisana al tiglio: quali sono le principali proprietà benefiche

Semi di psillio, il segreto per avere un intestino sano

Leggi anche
Contents.media