Oleoliti: proprietà benefiche e usi più comuni

Gli oleoliti, preparazioni naturali a base di erbe e oli vegetali, possono essere usati in cosmetica e per massaggiare la pelle

Gli oleoliti, conosciuti fin dall’antichità, sono estratti di piante medicinali e aromatiche ottenuti per l’azione solvente di un opportuno olio grasso vegetale. Al fine di preservarne le proprietà e la lunga conservazione, spesso gli oleoliti vengono preparati con olio extra vergine di oliva, oppure con altri oli vegetali.

Proprietà degli oleoliti

Gli oleoliti sono composti da due ingredienti naturali, ovvero un olio vegetale e una pianta. A seconda del tipo di olio e del tipo di pianta si ottengono oleoliti dalle proprietà diverse. Ad esempio, si possono creare oleoliti utili per curare ustioni, scottature, dermatiti, punture d’insetto, struccare il viso, per curare le pelli impure e acneiche, per prevenire le rughe e molto altro.

Per ottenere un olio curativo, è sufficiente scegliere un olio vegetale e lasciar macerare all’interno la pianta vegetale a nostra scelta.

L’importante è raccogliere la pianta, ovvero foglie, radici, frutti, fiori e semi durante il periodo balsamico, ossia quando vi è la massima concentrazione di principi attivi. Con la macerazione in olio si estraggono i principi attivi lipofili dalle piante.

Oli da usare

Ogni olio ha le sue proprietà: l’importante è che sia biologico e del tutto naturale. Per creare gli oleoliti, si può usare l’olio di oliva, che rende elastica la pelle e fornisce vitamina A, vitamina E, vitamina D e vitamina K.

L’olio di mandorle è emolliente e lenitivo, perfetto per rendere la pelle morbida e vellutata. L’olio d’argan è perfetto come anti età o contro psoriasi e arrossamenti. L’olio di jojoba è perfetto per trattare la pelle mista e grassa e riequilibra la produzione di sebo. Infine, l’olio di rosa mosqueta ha proprietà antiage e cicatrizzanti.

Utilizzi

Gli oleoliti vengono utilizzati in diversi ambiti, principalmente in cosmetica e per effettuare dei massaggi.

Ad esempio, sono perfetti per la preparazione di creme specifiche. Un altro impiego curativo per via esterna sono i massaggi. Gli oleoliti, infatti, se applicati sulla pelle, vanno a creare un film oleoso sulla pelle, producendo diversi effetti benefici: dalle proprietà emollienti e fortemente idratanti, a quelle lenitive, antinfiammatorie e cicatrizzanti. In caso di massaggi sportivi si può beneficiare anche di proprietà antireumatiche.

Esistono anche oleoliti con proprietà rinobalsamiche: ricchi di oli essenziali, devono essere applicati su un batuffolo di cotone o devono essere diluiti in acqua calda. In questo modo si eliminano irritazioni e si decongestionano le vie aeree.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Crossfit: allenamenti brevi e intensi per rimanere in forma

Fartlek: i benefici di un allenamento intenso

Leggi anche
  • errori5 errori da evitare per non perdere l’abbronzatura

    Per mantenere l’abbronzatura a lungo è fondamentale evitare di commettere questi 5 errori: solo così resterete abbronzate a lungo.

  • abbronzaturaCome mantenere l’abbronzatura dopo l’estate: 7 rimedi naturali

    Mantenere l’abbronzatura dopo l’estate non è mai stato così facile: ecco quali sono i migliori 7 rimedi naturali.

  • pelleAcido mandelico: a cosa serve, proprietà e benefici

    Scopriamo a cosa serve e quali sono i motivi principali per utilizzare l’acido mandelico a livello cosmetico sfruttando le sue proprietà.

  • soleI segreti naturali per un’abbronzatura perfetta

    Preparare la pelle all’esposizione al sole è fondamentale per riuscire ad ottenere un’abbronzatura davvero perfetta: scopriamo i segreti da seguire.

Contents.media