Flavonoidi: qual è il loro ruolo per l’organismo?

I flavonoidi sono presenti principalmente all'interno di frutta e verdura, come cipolle, prezzemolo, mele, pere e banane

I flavonoidi, o bioflavonoidi, sono composti naturali largamente presenti nel mondo vegetale. Essi sono in grado di svolgere svariate attività biologiche che risultano molto utili per l’organismo e, proprio per questo, sono così importanti per la nostra salute.

Proprietà e caratteristiche dei flavonoidi

I flavonoidi si trovano principalmente nelle piante e nel mondo vegetale. Essi si son rivelati importanti per la salute delle piante, visto che, tra le altre cose, proteggono i vegetali dai raggi UV e sono implicati nei processi di resistenza al gelo e alla siccità.

Per questo i flavonoidi sono stati e sono tuttora oggetto di numerosi studi per le attività esercitate sulla salute umana.

Effetti nell’uomo

I numerosi studi effettuati sui flavonoidi hanno permesso di capire le diverse azioni benefiche che essi esercitano sul corpo umano.

Per esempio, i flavonoidi svolgono attività antiossidanti, eliminando i radicali liberi. Svolgono anche un’azione antinfiammatoria ed epatoprotettiva, oltre ad esercitare un’azione simile a quella degli estrogeni naturalmente prodotti dall’organismo.

Sono famosi anche per le loro attività protettive e rinforzanti nei confronti dei capillari e del microcircolo, oltre che per quelle antiulcera, antiallergiche e antimicrobiche.

Gli studi in campo medico-farmaceutico proseguono e sono volti ad individuare le eventuali proprietà benefiche dei flavonoidi sui tumori e su altre malattie come morbo di Alzheimer, gotta, aterosclerosi e osteoporosi.

Non solo, i flavonoidi potrebbero anche avere possibili proprietà antivirali, anti-trombogeniche e antibatteriche, ma per avere conferma bisognerà aspettare i risultati degli studi.

Tutte le caratteristiche e proprietà citate non indicano che questi nutrienti siano in grado di curare malattie, ma semplicemente sono nutrienti utili alla guarigione.

Alimenti

Le caratteristiche intrinseche dei flavonoidi determinano l’importanza di questi nutrienti che devono essere introdotti nell’organismo attraverso una dieta varia ed equilibrata.

Per questo motivo la frutta e la verdura non devono mai mancare all’interno della dieta.

Questi nutrienti naturali sono contenuti, per esempio, nei semi di soia e nei legumi, oltre che in diverse piante medicinali. Ancora, sono contenuti negli agrumi, mele, pesche, pere, banane, uva, lattuga, pomodori, sedano, peperoni, prezzemolo, mirtilli, cacao, uva, fragole e more.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa è meglio mangiare in caso di colite ulcerosa?

Dieta Swank per contrastare la sclerosi multipla: cosa sapere

Leggi anche
Contents.media