Dieta mediterranea chetogenica a bassissimo contenuto calorico: menù

Scopriamo il menù settimana della dieta mediterranea chetogenica, a ridotto contenuto calorico.

La cheto è una delle diete più in voga in questi ultimi anni, perché fa perdere peso in tempi relativamente brevi. Un modello alimentare dimagrante più equilibrato è quello che nasce da un incrocio tra la dieta chetogenica e quella mediterranea. Scopriamo il menù settimanale.

Dieta chetogenica mediterranea: cos’è

La dieta chetogenica mediterranea è basata sul consumo di ortaggi a volontà, grassi buoni come l’olio extravergine di oliva, un’assunzione bilanciata di proteine e anche una piccola quota di carboidrati, superiore a quella dei modelli classici.

È importante, comunque, che quando si decide di intraprendere una dieta chetogenica si sia in buona salute, perché il metabolismo viene spinto ad attivare processi di utilizzo dell’energia diversi da quelli classici. È anche importante rispettare i tempi e non prolungare le fasi oltre a quanto raccomandato. Perché la cheto mediterranea funziona di più di quella “classica”?

E’ facile da seguire. Una volta appresi i principi fondamentali, è una dieta semplice da seguire, anche se, per lavoro, pranzi o ceni fuori casa.

Perdi tanti chili in poche settimane. Gli effetti positivi della dieta cheto mediterranea aumentano con il passare del tempo, man mano che l’organismo si adatta a questo particolare stato fisiologico; L’adattamento si competa dopo solo tre settimane: in questo periodo è possibile perdere diversi chili.

Elimini il grasso. Questo programma agisce in modo selettivo sulla massa grassa, protegge la massa magra, ovvero i muscoli, e riduce in maniera notevole la sensazione di fame.

Somma i vantaggi della cheto con quelli della dieta mediterranea.

Seguire questo programma nella fase reset e di mantenimento successive non comporta rischi per la salute. Anzi, accanto alla riduzione del grasso corporeo, in particolar modo del pericoloso grasso viscerale, migliorano i parametri ematici e il profilo glicemico, e si osserva una diminuzione dei processi infiammatori che sono alla base di tante patologie, incluso l’accumulo di peso.

La prima fase (o fase di reset) ha la funzione di riprogrammare il metabolismo e fare in modo che si trasformi temporaneamente la modalità con la quale il corpo ricava energia. Il programma si articola in tre settimane, consentendo di entrare nello stato di chetosi, momento che consente di perdere i chili con maggiore velocità.

Il menù settimanale della cheto mediterranea

Primo giorno

COLAZIONE

Caffè o tè, 170 g di yogurt greco intero, 20 g di mirtilli, 2 fette biscottate integrali.

SPUNTINO DEL MATTINO

12 nocciole

PRANZO

Petto di pollo con broccoli, insalata verde mista.

SPUNTINO DEL POMERIGGIO

Due quadratini (20 g) di cioccolato fondente (almeno all’85%).

CENA

Branzino alle erbe aromatiche, cicoria in padella con olive, pinoli e capperi.

Secondo giorno

COLAZIONE

Caffè o tè, 160 g di fi occhi di latte, 2 fette biscottate integrali.

SPUNTINO DEL MATTINO

Un cubetto (20 g) di grana, sedano e finocchi a piacere.

PRANZO

Tartare di tonno con cetrioli e arancia e olio evo, insalata verde mista.

SPUNTINO DEL POMERIGGIO

3/4 noci

CENA

Frittata d’uovo con cavolo nero e parmigiano, verdure grigliate.

Terzo giorno

COLAZIONE

Caffè o tè, un pancake preparato con farina di mandorle, una spolverata di cacao amaro extrafondente.

SPUNTINO DEL MATTINO

10 mandorle.

PRANZO

Spaghetti di zucchine con gamberetti e scorza di limone bio, verdure grigliate.

SPUNTINO DEL POMERIGGIO

2 quadratini (20 g) di cioccolato fondente all’85%.

CENA

Frittata d’uovo con tonno e olive, insalata mista con mezzo avocado.

Quarto giorno

COLAZIONE

Caffè o tè, 170 g di yogurt greco intero, 20 g di mirtilli, una galletta di segale.

SPUNTINO DEL MATTINO

Mezzo avocado condito con olio e sale.

PRANZO

Insalata di calamari con pompelmo e olio evo, 200 g di puntarelle con 2-3 acciughe.

SPUNTINO DEL POMERIGGIO

3/4 noci

CENA

Frittata d’uovo con tonno e olive, insalata mista con mezzo avocado.

Quinto giorno

COLAZIONE

Caffè o tè, una o due fettine di prosciutto crudo magro, una galletta di segale.

SPUNTINO DEL MATTINO

30 g di olive nere, sedano e fi nocchi a piacere.

PRANZO

Filetto di maiale con carciofi, insalata verde mista.

SPUNTINO DEL POMERIGGIO

Mezzo avocado condito con olio e sale.

CENA

Insalata di funghi, misticanza, feta e nocciole, coste di bietola (200 g) saltate agli aromi.

Sesto giorno

COLAZIONE

Caffè o tè, due uova strapazzate, una galletta di segale.

SPUNTINO DEL MATTINO

Un cubetto (20 g) di parmigiano o grana, sedano e finocchi a piacere.

PRANZO

Vitello ai cardi e olive, insalata verde mista.

SPUNTINO DEL POMERIGGIO

12 nocciole.

CENA

Insalata di merluzzo e melograno, fagiolini lessi alle erbe aromatiche

Settimo giorno

COLAZIONE

Caffè o tè, 170 g di yogurt greco intero, 20 g di mirtilli, una galletta di segale.

SPUNTINO DEL MATTINO

10 mandorle

PRANZO

Insalata con tonno con olio evo, verdure grigliate.

SPUNTINO DEL POMERIGGIO

Mezzo avocado condito con olio extravergine d’oliva e sale.

CENA

Petto di pollo con cavolini di Bruxelles, insalata verde mista.

Scritto da Chiara Sorice

Lascia un commento

Dieta senza glutine: menù settimanale

La dieta di Bianca Balti: cosa mangia la modella

Leggi anche