Quali sono i sintomi principali della milza ingrossata

La milza ingrossata è un disturbo che si manifesta con alcuni sintomi specifici. Scopriamo quali sono i principali per riconoscere il disturbo.

La milza ingrossata, chiamata anche splenomegalia, è un disturbo carattertizzato proprio dall’ingrossamento di questo organo specifico. Questo problema è provocato da cause anche molto diverse tra loro tra cui le infezioni virali, le infezioni batteriche, le infezioni parassitarie, i tumori del sangue e anche l’anemia emolitica.

La presenza della milza ingrossata è a volte asintomatica, ma di solito presenta alcuni sintomi specifici anche molto fastidiosi: scopriamo quali sono i principali.

Sintomi della milza ingrossata

La milza ingrossata a volte è asintomatica, ma in altre occasioni presenta alcuni sintomi facilmente riconoscibili. Il disturbo infatti si manifesta con un quadro sintomologino di solito quando è in forma grave o quando l’organo si è ingrossato rapidamente. In questi casi si avverte un senso di pienezza nella regione superiore sinistra dell’addome, questa sensazione diventa a volte dolorosa e si irradia anche fino alla spalla sinistra.

Un altro tipico sintomi è il senso di sazietà anche senza aver mangiato. In generale infatti succede che i pazienti diventino sazi più rapidamente del normale durante un pasto e questo accade a causa dell’effetto compressivo della milza igrossata che preme su una parte dello stomaco.

Nausea e vomito sono due problemi tipici per chi ha questo organo ingrossato, così come anche una sensazione di stanchezza immotivata e l’anemia.

A volte le persone che hanno questo problema soffrono di facilità di sanguimenato anche a seguito di trumi molto piccoli, inoltre hanno anche una facilità alla infezioni in quanto tendono a sviluppare malattie infettive in maniera molto semplice.

L’ingrossamento della milza influisce molto sulle funzioni dell’organismo. Proprio per tale motivo è bene recarsi immediatamente dal proprio medico nel caso in cui si sospetti di avere la milza ingrossata. Nell’eventualità in cui si manifesti uno o più sintomi di quelli riportati poco sopra, è essenziale infatti agire prontamente e cercare di risolvere il problema.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come salvare la schiena dagli effetti dello smartworking

L’alternativa allo squat esiste: esercizi per glutei tonici

Leggi anche
Contents.media