Napoli, muore in ospedale. Aveva atteso 6 ore

Muore uomo nel napoletano in ospedale dopo 6 ore di attesa.

Tragedia a Napoli. Un uomo di 72 anni è morto al Pronto Soccorso dopo aver atteso sei ore. La Polizia ha avviato le indagini per questo ennesimo caso di malasanità e cattiva organizzazione ospedaliera.

Morto in ospedale: la vicenda

Muore in ospedale dopo ore di attesa.

E’ questa la tragica vicenda di un uomo di 72 anni, che nonostante la sua condizione critica, da codice rosso, non è stato soccorso nell’immediato.

Pochi giorni prima dell’accaduto, l’uomo era già stato visitato per dei forti dolori addominali: gli era stata indicata la necessità del ricovero ma l’uomo aveva rifiutato. Poco dopo, l’uomo è tornato all’ospedale San Paolo: al sua arrivo, alle ore 14:30, l’uomo era in codice giallo e accusava forti dolori al livello dell’addome.

Da quel momento è iniziata la lunga attesa, durata circa sei ore, durante la quale la condizione dell’uomo si è aggravata diventando un codice rosso. All’arrivo dei medici, verso le ore 21, l’uomo era già morto.

I familiari della vittima si sono rivolti alla polizia affinché venga fatta luce su questo ritardo nell’assistenza prestata al loro parente.

Stando alla versione dell’ospedale, dopo una regolare visita al settantaduenne, i medici avrebbero individuato la necessità di un intervento chirurgico che il precipitare della situazione avrebbe impedito.

Al via le indagini

In seguito all’accaduto, la Polizia ha avviato un’indagine e la Procura di Napoli ha aperto un fascicolo richiedendo sia la cartella clinica del defunto, sia l’autopsia.

“Non chiediamo niente, solo giustizia; denunciamo l’indifferenza che abbiamo trovato in quella azienda, in quell’ospedale”: queste le parole rilasciate da Salvatore Estatico, figlio della vittima, aggiungendo che”Non si può tenere una persona 6 ore ad aspettare che poi, in qualche modo, arrivi la morte, non hanno fatto niente per evitarlo”.

Quello del San Paolo non è il primo caso di malasanità e di cattiva organizzazione ospedaliera. Le lunghe attese al Pronto Soccorso sono una realtà, purtroppo, molto diffusa negli ospedali italiani, a causa soprattutto della mancanza di medici e di una imprecisa gestione dei pazienti da visitare.

Per questo tragico avvenimento, il consigliere regionale dei Verdi e componente della Commissione Sanità, Emilio Borrelli, si è prontamente impegnato per dare delle risposte alla famiglia della vittima, affermando che “Andare in ospedale – ha precisato Borrelli – quando lo stato di salute preoccupa per avere le giuste cure non deve essere un terno al lotto. In questi ultimi mesi sono diverse le morti su cui si sta indagando tra Napoli provincia. Vengano identificati i responsabili e sanzionati i comportamenti scorretti”.

Scritto da Alice Sacchi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Malva: consigli d’uso per beneficiare delle sue proprietà

Herpes: scopri perché si presenta e come liberartene

Leggi anche
  • casa a misura di gattoUna casa a misura di gatto: tutto ciò che serve per farlo sentire a suo agio

    Spazio sul pavimento e non solo, tiragraffi e ambienti silenziosi: il gatto necessita di alcune accortezze per sentirsi davvero bene tra le mura di casa.

  • stress occasionale gattoAnche i gatti soffrono di stress occasionale: quando e come aiutarli?

    Anche i gatti possono soffrire di stress: alcuni segnali lo evidenziano e alcuni rimedi possono rivelarsi di grande utilità per il benessere del nostro micio.

  • NFT: consigli e strategieCome investire in NFT: strategie e consigli utili

    Per coloro che vogliono cogliere questa nuova opportunità è importante capire come investire in NFT scoprendo strategie e consigli utili.

  • vacanze-saluteLa scienza che spiega perché fare le vacanze migliora la salute

    Andare in vacanza fa bene al nostro benessere psicofisico e a spiegarne i motivi è proprio la scienza. Scopriamo subito perché relax e viaggi sono un vero toccasana.

Contents.media