Nikola Jokic: la dieta che gli ha fatto perdere 20 kg

La dieta di Nikola Jokic: scopriamo come ha fatto a perdere ben 20kg

Nikola Jokic cestista serbo, ruolo di centro e professionista nella NBA con i Denver Nuggets, classe 1995 è considerato fra i migliori lunghi nella storia del basket. Ecco la sua dieta che gli ha fatto perdere 20 kg.

Nikola Jokic: la dieta che gli ha fatto perdere 20 kg

Nikola Jokic conosciuto nel mondo del basket come Joker, classe 1995 di Sombor, Serbia, è considerato fra i migliori lunghi nella storia del basket di oggi. Jokic, 28 anni, centro dei Denver Nuggets con la maglia con il numero 15, è alto 2,11 m per un peso di circa 129 kg. Il professionista nella NBA con i Denver Nuggets, per arrivare in vetta ha dovuto seguire una dieta che gli ha fatto perdere ben 20 kg.

Jokić ha vinto per due stagioni consecutive il premio di NBA Most Valuable Player (2020-21 e 2021-22), diventando il primo giocatore scelto al secondo turno del draft a riuscirci. Ai playoff 2023, dopo aver conquistato il titolo di Conference ed essere stato eletto miglior giocatore della serie, Jokić si è confermato in finale vincendo il suo primo titolo NBA e il premio di Finals MVP, a discapito dei Miami Heat. 

Detiene il record del più veloce e ai playoff 2023 è diventato il primo giocatore a registrare almeno 500 punti, 250 rimbalzi e 150 assist e a risultare primo in tutte e tre le statistiche in una singola post-season. Jokic, giocatore della nazionale serba, ha rivelato come ha perso ben 20 kg con una dieta. La star dei Denver Nuggets ha subito una trasformazione negli ultimi dieci anni. 

La super star serba è sempre stata in sovrappeso, ma la sua dieta e i suoi allenamenti lo hanno aiutato a rimettersi in forma e a dominare il campionato NBA. A differenza di molte altre persone, Jokic ha perso peso durante la chiusura in casa per il Coronavirus. Nel 2020, l’NBA ha interrotto la stagione per alcuni mesi, dando alla superstar dei Denver Nuggets l’opportunità di rimettersi in forma.

“Non voglio mangiare male solo perché so che non è colpa mia”, ha detto Jokic riguardo alla sua dieta. È stato Eichenberger a inventare un programma di dieta per Jokic e sembra che la loro stretta amicizia abbia influito positivamente sulla forma della stella del basket. “Bevevo 2-3 litri di Coca al giorno in Serbia e ho bevuto l’ultima lattina durante il volo per gli Stati Uniti. La prima settimana di allenamento è stata dura”. All’inizio infatti rispetto ai suoi compagni di squadra era il meno allenato.

La dieta di Nikola Jokic: com’è tornato in forma?

Nikola Jokic, classe 1995, è la super star dei Denver Nuggets dell’NBA. Jokic considerato il migliore lungo del basket della sua generazione e il miglior centro della NBA, è stato sottoposto a giudizio molte volte per il suo corpo. Entrato in NBA senza una buona forma, infatti, con il tempo ha perso ben 20 kg e ha cambiato corporatura mangiando sano e allenandosi nel modo giusto.

La trasformazione del giocatore che ha trascorso il lockdown nella sua Serbia è stata impressionante. Ben 20 kg in meno dall’ultima volta che ha messo piede in campo, a seguito dalla guarigione da Covid-19. Jokic era noto per bere un litro di Coca-Cola ogni giorno e mangiare il cibo più calorico che si potesse trovare. Questo era uno dei motivi per cui era così sovrappeso ma ora Nikola è dimagrito molto.

La sua dieta ha lasciato per un po’ i carboidrati e le bevande zuccherate. Più tardi, Nikola ha iniziato a mangiare sei pasti piccoli e moderati al giorno invece di tre pasti abbondanti. La dieta di Nikola Jokic consiste principalmente di pollo, verdure, riso, insalata, frullati proteici. Ecco una giornata alimentare del campione NBA.

Colazione: Uova strapazzate con spinaci e pomodoro; pancetta di tacchino; frutta; toast all’avocado;

Spuntino: frullato proteico;

Pranzo: petto di pollo; verdure; riso e insalata;

Pre-allenamento: panino con frutta o pollo;

Spuntino: frullato proteico;

Cena: pesce e verdure. 

Scritto da Chiara Sorice

Lascia un commento

Estate europea bollente se aumenta acqua dolce nell’Atlantico, ecco perché

Biotecnologie e ricerca biomedica, Superti-Furga (Ri.Med): “Con nuovo centro Sicilia sarà faro internazionale”

Leggi anche
Contentsads.com