Olio di ginepro fai da te: come realizzarlo a casa correttamente

L'olio di ginepro è un prodotto naturale che si può realizzare a casa propria senza alcun problema: scopriamo la ricetta da seguire.

L’olio di ginepro è un prodotto molto semplice da realizzare, infatti chiunque può prepararlo a casa propria semplicemente seguendo il procedimento che vogliamo suggerirvi. I benefici di questo olio dono numerosi e proprio per questo abbiamo deciso di spiegarvi come realizzarlo.

Olio di ginepro fai da te: i benefici

I benefici che si ottengono utilizzando l’olio di ginepro sono davvero numerosi, infatti questo prodotto è in grado regalare proprietà terapeutiche uniche e notevoli. In particolare è in grado di ridurre problemi di diarrea e vanta anche una grande azione antisettica.

Importante anche l’azione sudorifera, diuretica ed espettorante, inoltre è in grado anche di tonificare e distendere i muscoli.

L’olio di ginepro si può usare in creme e impacchi per combattere problemi della pelle come l’acne in quanto è utile per rendere la cute più pura.

Si tratta anche di un prodotto che si può massaggiare sul cuoio capelluto allo scopo di eliminare la forfora e quindi è fondamentale per tutti coloro che hanno i capelli grassi.

Questo prodotto è utilizzabile anche per realizzare dei massaggi in grado di offrire un effetto decontratturante, inoltre è consigliato anche per chi ha le gambe affaticate grazie alla sua azione drenante.

Inserire l’olio in questione in unguenti o pomate permette di contrastare i geloni.

Ingredienti per realizzare l’olio di ginepro

Gli ingredienti che servono per realizzare l’olio di ginepro sono in realtà solamente due. Infatti per ottenere questo prodotto servono soltanto 100 g di bacche di ginepro e 1 litro di olio suddiviso in 500 ml di olio di sesamo e in 500 ml di olio di girasole.

Procedimento per realizzare l’olio di ginepro

Dopo aver raccolto le bacche di ginepro scegliendo le migliori, ponetele su una teglia all’interno del forno preriscaldato a una temperatura non troppo elevata.

Quando le bacche si sono scaldate ed iniziano ad emanare un grande odore, toglietele da fuoco e lasciatele raffreddare.

Mettete le bacche in un mortaio spruzzando dell’alcool puro e poi contundetele leggermente e passatele in un contenitore resistente.

Mettete il tutto a bagnomaria per fare evaporare l’alcool e poi aggiungete anche gli oli.

Lasciate cuore a bagnomaria e poi filtratelo ancora caldo. Fate decantare l’olio per una notte prima di chiuderlo in una bottiglietta di vetro.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vitamina b5 per avere una pelle sempre giovane: effetti e funzioni

Lecitina di soia: cos’è, a cosa serve e i benefici

Leggi anche
Contents.media