Come preparare un olio essenziale in casa: i consigli

Come estrarre l'olio essenziale a casa propria? I consigli e i passaggi da seguire.

Per coloro che non hanno paura di un piccolo progetto fai-da-te, produrre oli essenziali può essere un ottimo investimento sia per le proprie finanze che per la salute. Gli oli essenziali sono infatti estraibili da numerose piante molto comuni e la procedura non è molto difficile da eseguire.

Gli oli essenziali provengono da diverse parti della pianta tra cui fiori, frutti, radici e foglie e da secoli vengono utilizzati per trattamenti omeopatici. Recentemente c’è stata un’esplosione in termini di interesse sugli effetti unici che possono avere sulla salute generale e sul benessere corporeo.

Il processo maggiormente adottato è quello della distillazione, anche se il più rapido ed economico consiste nella schiacciatura delle foglie di una pianta affinché rilascino l’olio in un apposito raccoglitore.

Olio essenziale fatto in casa

Gli oli essenziali vengono utilizzati in vari modi; infatti, a livello topico ad esempio si possono applicare direttamente sulla pelle e sono comunemente usati nei massaggi. Tuttavia è importante sottolineare che sono utili anche per creare un impacco caldo o freddo in grado di lenire sofferenze generate da lesioni e dolori fisici.

Molte persone tra l’altro aggiungono gli oli essenziali nell’acqua calda della vasca da bagno o li usano per un salutare pediluvio.

Per assorbire rapidamente gli oli, in quest’ultimo caso basta applicarli direttamente sulla pianta dei piedi. Inoltre è altresì doveroso sottolineare che gli oli essenziali possono essere inalati in presenza di una varietà di problemi tra cui depressione, ansia, nausea e per ottenere rapidi aumenti in termini di energia.

In casa infine vengono utilizzati più frequentemente grazie a delle specifiche proprietà naturali, poichè contengono sostanze antibatteriche che li rendono efficaci per la pulizia e la sanificazione non solo del corpo ma anche di mobili in legno o per disinfettare cucine e bagni.

Ricetta con la menta piperita

La menta piperita è uno degli oli più usati al mondo in quanto si è dimostrato molto efficace per alcune patologie; infatti, serve ad aiutare la digestione, come deodorante per l’alito, per muscoli doloranti e come rimedio anti-nausea. Premesso ciò, per preparare in casa questo olio essenziale basta attenersi a delle semplici linee guida di seguito elencate.

Delle foglie fresche di menta piperita, un barattolo di vetro e dell’olio d’oliva sono tutto ciò che serve per fare questo multifunzionale olio essenziale.

La procedura consiste in primis nel lavare le suddette foglie, dopodiché tritarle o schiacciarle in modo che possano rilasciare l’olio in esse contenuto. Una volta eseguita questa operazione, vanno adagiate in un barattolo di vetro ben sterilizzato e coperte con l’olio d’oliva.

Lo step successivo prevede poi la sigillatura del contenitore che va lasciato riposare per circa 24 ore. Trascorso tale lasso di tempo l’olio che si deposita sul fondo va filtrato, dopodiché si aggiungono altre foglie di menta piperita trattate come in precedenza descritto e coprendole di nuovo con olio d’oliva.

Per ottenere un buon quantitativo di olio essenziale di menta piperita, basta continuare a ripetere il processo per un totale di cinque giorni. Infine, il prezioso liquido estratto dalle foglie va conservato in un contenitore ermetico ben sterilizzato. L’utilizzo di questo olio essenziale estratto dalle foglie di menta piperita è tuttavia immediato ed è effettuato in base alle proprie esigenze.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I migliori 5 tappetini per fare fitness a casa

Suffumigi naturali per il mal di gola: i migliori

Leggi anche
Contents.media